Rinite allergica: il pericolo è in casa

199
allergia rinite

La rinite allergica è una delle malattie più frequenti dell‘apparato respiratorio responsabile di limitare drasticamente le attività quotidiane, il lavoro, lo studio e la vita sociale. La rinite allergica non va confusa con la rinite gravidica.

La rinite colpisce soprattutto gli adulti e lo fa in maniera persistente e fastidiosa. La malattia è legata all’acaro della polvere, un allergene presente tutto l’anno e che si annida soprattutto tra le mura domestiche. Come comportarsi se si è colpiti da rinite allergica? E’ importante conoscere i sintomi della malattia, la durata delle manifestazioni e la gravità (per non confonderla con una banale allergia o un semplice raffreddore).

Quanti tipi di rinite allergica ci sono?

Per gestire bene la rinite allergica è indispensabile conoscere:

  • i componenti ai quali si è allergici
  • sintomi
  • gravità della malattia

In base a questi fattori è facile suddividere la tipologia di rinite e intervenire nel modo corretto evitando danni o peggioramenti della salute.

Rinite intermittente e persistente

E’ possibile distinguere la rinite allergica in quella a sprazzi, duratura, lieve, medio-grave, gravissima. Vediamo i vari tipi di rinite e da quali caratteristiche riconoscerla.

  • rinite intermittente: i sintomi sono presenti per meno di 4 giorni alla settimana e per meno di 4 settimane all’anno
  • rinite persistente: i sintomi sono presenti per più di 4 giorni alla settimana e più di un mese all’anno

Ognuna delle due forme di rinite allergica può essere poi considerata di lieve gravità o moderata grave in base a quale impatto e quali conseguenza hanno i sintomi sulla vita del soggetto colpito.

Rinite lieve e grave

La rinite allergica è considerata di lieve gravità quando non incide negativamente sul riposo notturno e sul sonno, non limita le attività di tutti i giorni (favorendo lo svolgersi corretto di lavoro e studio) e non procura sintomi troppo fastidiosi (come starnuti, bruciore agli occhi, secchezza e prurito alla gola etc).

Si parla invece di rinite grave quanto sia le attività quotidiane, sia i sintomi e sia il sonno vengono minati in modo irreparabile inducendo il soggetto ad attraversare veri e propri periodi di buio e difficoltà.

Perchè il pericolo si annida in casa?

Il problema della rinite allergica è legato in particolare agli ambienti domestici, la nostra casa. Perchè? Il motivo è semplice, la casa è il terreno preferito da allergeni, acari, muffe etc e quindi via libera a starnuti, pizzicore alla gola e aglio occhi e tanti altri disturbi comuni alla malattia respiratoria.

Uno dei sintomi che accomuna la maggior parte dei soggetti colpiti da rinite è la spiacevole sensazione di avere sempre il naso che cola e la conseguente tendenza a tirare su (disturbando la normale respirazione del soggetto stesso e la quiete di chi sta intorno che si sente impotente dinanzi al problema).

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Le allergie “casalinghe” legate alla rinite si dividono in:

  • allergia agli acari: conosciuta più comunemente come “allergia alla polvere” la quale si annida su superfici, cuscini, armadi, materassi, libri etc e viene inalata costantemente causando i principali sintomi da rinite tipiche dell’apparato respiratorio
  • allergia alle muffe: si annidano sulla frutta, piante, parquet e tappeti e possono inondare l’ambiente di pericolosi allergeni nemici della rinite
  • allergia al pelo degli animali: tipica del pelo del gatto o cane, può essere scatenata da albumina (proteina presente nella saliva e sudore), forfora o urina (attenzione alle donne in gravidanza non immuni alla toxoplasmosi

Rimedi per la rinite allergica

Tra i principali rimedi alla rinite allergica c’è la prevenzione, che consiste nel mantenere gli ambienti puliti e l’igiene di vestiario e suppellettili (ma senza diventare schiavi della pulizia domestica).

E’ importante il giusto equilibrio e seguire dei pratici consigli come:

  • lavare gli indumenti a temperature superiori a 60° per eliminare acari e allergeni
  • pulire le superfici con prodotti antisettici e antibatterici
  • passare il panno pavimenti tutti i giorni
  • evitare tappeti (se necessario sbatterli tutti i giorni e lavarli con un detergente specifico)
  • non far circolare liberamente gli animali in casa
  • sostituire settimanalmente la biancheria da letto
  • girare spesso il materasso ed eliminare gli acari della polvere
  • lavare spesso i cuscini e federe

In ogni caso quando compaiono i sintomi tipici del raffreddore insieme a prurito alla gola, bruciore agli occhi e starnuti e questi persistono per lungo tempo è bene fare una visita specialistica per capire la natura del problema.

Le cure per la rinite allergica sono diverse e vanno dai rimedi naturali (utili per bloccare anche le tipiche allergie primaverili) a quelli farmacologici, il medico provvederà a valutare la severità della malattia e prescriverà la terapia adatta al caso. Leggi anche antistaminici naturali.