Conosci le proprietà del trifoglio rosso?

603
trifoglio-rosso-proprietà-e-benefici

Il trifoglio rosso è una piantina erbacea che può davvero sorprenderci in fatto di benefici e virtù. Era utilizzata anche in antichità da Greci e Romani e ancora oggi i contadini la apprezzano le sue capacità e proprietà benefiche.

Appartiene alla famiglia delle Fabaceae ed è una pianta perenne. È caratterizzata da delle piccole foglie verdi e i suoi fiori presentano delle sfumature che vanno dal rosso al viola.

Grazie alla sua capacità di fissare l’azoto atmosferico, il trifoglio rosso è ancora ben sfruttato dai contadini nel ciclo di rotazione delle colture, rendendo il terreno particolarmente fertile. Viene anche definito “erba da latte”, poiché impiegato come erba da foraggio utile ad alimentare animali come le vacche.

Pochi però sono a conoscenza delle caratteristiche che possono giovare anche alla nostra salute. Vediamo insieme quali sono..

Proprietà antiossidanti

Il trifoglio rosso è ricco di flavonoidi (tra cui isoflavoni e fitoestrogeni). La presenza di queste sostanze rende questa pianta un vero e proprio antiossidante naturale, utile a contrastare l’azione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule.

Tra i diversi isoflavoni spicca in modo particolare la genisteina, che vanta un potere antiossidante maggiore rispetto alla vitamina C e sembra avere un ruolo importante nel contrastare la diffusione di patologie tumorali.

Per la donna

Abbiamo parlato della ricca presenza di sostanze antiossidanti contenute nel trifoglio rosso. I vari isoflavoni possono rappresentare un aiuto enorme per contrastare i sintomi della menopausa, come vampate di calore, nervosismo e altri sintomi.

Per le giovani donne, invece, il trifoglio rosso può essere utile per combattere i sintomi della sindrome premestruale, come gonfiore al seno o gonfiore addominale.

Proprietà antinfiammatorie

Il trifoglio rosso può essere utilizzato principalmente:

  • In forma secca (foglie e fiori)
  • In polvere (in capsule)

Quando lo troviamo nella sua forma secca, possiamo utilizzarlo per preparare delle tisane o infusi.

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie può lenire alcune infezioni o disturbi dell’apparato respiratorio (come bronchite, tosse o mal di gola) o dell’apparato gastrointestinale (come la gastrite o diarrea).

Per preparare un infuso al trifoglio rosso, occorre versare due cucchiai di foglie essiccate in circa 2 litri di acqua bollente e lasciare in infusione per una decina di minuti. Dopo tale passaggio, filtrare e bere quando la temperatura è giusta per noi.

Azione cicatrizzante

Un po’ come accade per l’olio essenziale di lavanda, anche il trifoglio rosso svolge un’ottima azione cicatrizzante. Può lenire le infiammazioni e sanare le ferite della pelle, oltre a svolgere un’azione calmante in caso di eczemi o psoriasi.

In questo caso, sempre con un infuso al trifoglio rosso, lo si può versare freddo sulla zona da trattare o imbevere delle garze e tamponare le ferite.

Controindicazioni

Il trifoglio rosso non presenta particolari controindicazioni. Tuttavia possono presentarsi degli effetti collaterali in caso di iperdosaggio, come mal di testa, nausea o eruzioni cutanee.

Si consiglia di consultare il proprio medico prima di decidere di assumere questa pianta. Se ne sconsiglia l’uso in caso di allergie o ipersensibilità al prodotto.

Inoltre, il trifoglio rosso è sconsigliato in alcuni casi:

  • Gravidanza e allattamento
  • Nei casi di endometriosi, tumori alla mammella o all’utero, in caso di fibromi uterini (a causa dell’alto contenuto di estrogeni)
  • Disfunzioni della tiroide
  • Disturbi emorragici (poiché potrebbe alimentare il sanguinamento) o dopo interventi chirurgici.

Inoltre si sconsiglia l’uso del trifoglio rosso sia in assunzione esterna che interna nel caso in cui possa interagire con alcuni farmaci, come anticoagulanti, tamoxifene, contraccettivi a base di estrogeni, antiaggreganti piastrinici, progestinici.

Quindi è opportuno chiedere il parere di uno specialista e del proprio medico per valutare le proprie condizioni di salute prima di assumere il trifoglio rosso.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.