Per togliere tutto il Calcare in Casa basta Un Rimedio ed è l’Acido citrico!

593
come-togliere-calcare-acido-citrico-trucchi

L’acido citrico è un composto che deriva dagli agrumi, il quale si presenta sotto forma di polvere o di granuli da diluire in acqua.

Considerato un’alternativa più ecologica rispetto al tanto amato aceto, è noto per il suo essere un anticalcare naturale, grazie alla sua acidità.

Per questo, oggi vedremo insieme come usarlo in casa per togliere il calcare, evitando, così, di utilizzare molti altri detergenti nocivi e chimici.

Sui sanitari e piastrelle

Il calcare, spesso, tende a depositarsi sui sanitari del bagno in quanto sono continuamente in contatto con l’acqua. Ma, per fortuna, l’acido citrico può venire in nostro soccorso e rendere di nuovo queste superfici brillanti!

Tutto ciò che dovrete fare è diluire 150 grammi di acido citrico in un litro di acqua e versare, poi, il tutto in uno spruzzino. Dopodiché, spruzzate parte della miscela sulle superficie su cui intendete rimuovere il calcare e lasciate agire per qualche minuto. Infine, risciacquate e: addio calcare!

Rubinetto e soffione

Oltre ai sanitari, però, anche i rubinetti e i soffioni della doccia sono molto soggetti alla formazione del calcare, e non di rado, infatti, presentano aloni o macchie bianche che li fanno sembrare opachi e vecchi.

A questo proposito, vediamo insieme il metodo del sacchetto, in grado di eliminare il calcare da queste componenti in maniera facile e veloce!

Prendete, quindi, un sacchetto in plastica molto resistente, come per esempio quelli che comunemente usate per mettere all’interno gli alimenti prima di congelarli e aggiungete al suo interno l’acqua fino a poco più della metà e 3/4 cucchiai di acido citrico.

Immergete, quindi, il soffione o il rubinetto nel sacchetto, assicurandovi che la parte con il calcare sia completamente ricoperta dalla miscela e richiudete il sacchetto con 2 elastici, in modo da tenerlo ben legato al rubinetto. Lasciate, poi, agire per qualche ora e, infine, togliete il sacchetto e vedrete che il calcare sarà solo un brutto ricordo!

In lavatrice

Se c’è un elettrodomestico della casa molto soggetto al calcare, questo è la lavatrice che utilizziamo per ottenere un bucato sempre pulito e profumato. Purtroppo, però, l’eccesso di depositi calcarei al suo interno compromette la sua funzionalità e, talvolta, rende i nostri capi poco profumati.

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Ma non temete! L’acido citrico, anche in questo caso, è una manna dal cielo per eliminare la puzza e il calcare dalla lavatrice, grazie alla sua azione anticalcare, disgorgante e disincrostante.

Fate sciogliere, quindi, 200 grammi di questa polvere bianca in una bottiglia contenente un litro di acqua preferibilmente demineralizzata così da evitare la formazione di ulteriore calcare.

Agitate, poi, bene la bottiglia così da mescolare gli ingredienti e versate la soluzione così ottenuta nella vaschetta del detersivo della lavatrice. A questo punto, avviate il ciclo di lavaggio a 90 gradi e il gioco è fatto!

Per la cura quotidiana della lavatrice, invece, potete utilizzare circa 40 ml di questa stessa soluzione e versarla nella vaschetta dell’ammorbidente ad ogni lavaggio.

N.B Vi consigliamo die eseguire questa operazione una volta ogni mese.

In Lavastoviglie

Allo stesso modo della lavatrice, anche la lavastoviglie è “vittima” del calcare. Ma anche in questo caso, possiamo sfruttare il potere anticalcare dell’acido citrico.

Fate sciogliere, quindi, 150 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua e travasate, poi, tutto all’interno di un flacone spray. A questo punto, spruzzate la soluzione sulle zone critiche dov’è presente il calcare e lasciate agire per qualche minuto. Infine, prendete una spugnetta e strofinate per togliere definitivamente la macchia.

Per un effetto ancora più efficace e per eliminare anche il calcare nascosto in questo elettrodomestico, vi consigliamo, inoltre, di versare la soluzione così ottenuta sul fondo della lavastoviglie e avviare un lavaggio a vuoto a temperature alte. E voilà: lunga vita alla vostra lavastoviglie!

N.B Vi consigliamo di ripetere quest’operazione almeno una volta al mese per la manutenzione dell’elettrodomestico.

Sui vetri

Infine, vediamo un ultimo luogo dove poter sfruttare l’azione “mangia-calcare” dell’acido citrico: sui vetri.

Quante volte, infatti, vi è capitato di notare delle macchie bianche di calcare sui vetri della doccia o, magari, sui bicchieri di vetro? Immagino tante!

Per rimuoverlo, quindi, fate sciogliere 150 gr di acido citrico in 1 litro d’acqua demineralizzata e versate, poi, la soluzione così ottenuta in un flacone spray.

Dopodiché, vaporizzate questa miscela sui vetri o sulle superfici che presentano calcare, lasciate agire per qualche minuto e passate un panno in microfibra per eliminare l’eccesso: e che brillantezza!

Avvertenze

L’acido citrico non deve essere utilizzato su alcune superfici quali marmo, pietra naturale, pavimenti in cotto e su tutte quelle superfici per le quali è sconsigliato l’impiego di sostanze acide.

Inoltre, evitate anche di utilizzarlo sulle superfici di legno perché potrebbe corroderle.

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.