Come togliere l’olio bruciato dal forno senza fatica

383
olio-bruciato-forno

Il forno, si sa, è nostro alleato in cucina in quanto ci permette di preparare piatti super buonissimi, tutti da gustare con la nostra famiglia.

Non si può negare, però, che pulirlo dopo averlo usato, è davvero una faticaccia, a causa del cibo che si incrosta e delle macchie di olio bruciato che si formano ovunque!

Per fortuna, però, conosciamo dei trucchetti per rimuovere facilmente l’olio bruciato dal forno utilizzando solo ingredienti naturali molto facili da reperire!

Vediamoli insieme!

N.B Prima di iniziare, accertatevi che il forno sia spento e che non sia attaccato alla corrente.

Sapone di Marsiglia

Il primo rimedio che vogliamo proporvi per pulire a fondo il forno e rimuovere le macchie di olio bruciato consiste nell’utilizzare il sapone di Marsiglia, un ingrediente dalle proprietà pulenti molto delicate.

Tutto ciò che dovrete fare è mescolare un cucchiaio di sapone di Marsiglia in scaglie in mezzo litro di acqua tiepida e versare il tutto in un flacone spray.

Vaporizzate, quindi, il composto così ottenuto sui punti in cui sono presenti le macchie di olio e utilizzate, poi, una spugnetta per strofinare e rimuovere tutto lo sporco e le incrostazioni.

Il sapone di Marsiglia, infatti, ammorbidirà lo sporco e farà sì che questo possa esser rimosso con molta facilità.

Aceto

Quando si parla di ingredienti casalinghi molto efficaci per pulire non può mancare l’aceto, un ingrediente che vanta proprietà sgrassanti, disincrostanti e anti odore.

Aggiungete, quindi, mezzo bicchiere di aceto (aceto bianco o aceto di mele) in 1 litro di acqua e mescolate gli ingredienti. Versate, poi, il tutto in un flacone spray.

A questo punto, spruzzate la miscela all’interno del vano forno e insistete, in particolare, sulle parti in cui sono presenti maggiormente le macchie.

Infine, strofinate con una spugnetta imbevuta di acqua fino a rimuovere tutto lo sporco e risciacquate con un panno inumidito.

In alternativa, potete anche portare a ebollizione 2 bicchieri di aceto bianco di alcool e versarli, poi, idue ciotole.

Riponetele, quindi, nel forno quando sono ancora fumanti e lasciatele agire per circa 30 minuti. Durante questo tempo di posa, infatti, i fumi ammorbidiranno lo sporco e le incrostazioni presenti.

A questo punto, aprite lo sportello e risciacquate con acqua e aceto bianco lavando via gli ultimi residui e ottenendo, così, un forno pulitissimo.

Per pulire le griglie, invece, vi consigliamo di rimuoverle dal forno così da liberare il vano forno e lavarle a parte.

Immergetele, quindi, in una bacinella contenente acqua calda e aceto e risciacquatele con acqua, strofinando con una spugnetta. Con una sola passata ogni traccia di sporco verrà via.

Sale e bicarbonato di sodio

Un altro rimedio efficace consiste nel combinare insieme il sale e il bicarbonato.

Entrambi, infatti, svolgono una leggera azione abrasiva pulente, in grado di rimuovere le macchie di olio bruciato più ostinate.

Prendete, quindi, una ciotola e riempitela per metà di sale grosso e per metà di bicarbonato di sodio. Aggiungete un po’ d’acqua tiepida (non troppa) e mescolate, così da ottenere un composto pastoso.

Applicate il composto direttamente sulle macchie, fino a ricoprirle completamente. Lasciate agire per almeno un’ora. Poi, con una spugnetta imbevuta, strofinate, rimuovendo la patina del composto e l’incrostazione.

Addio macchie!

Limone

Infine, ecco a voi il limone, da sempre utilizzato per le sue naturali proprietà sgrassanti e pulenti.

Potete utilizzarlo in due modi.

Il primo consiste nel tagliare un limone a metà e utilizzarlo come se fosse una spugnetta passandolo direttamente sui punti dove le incrostazioni sono più evidenti.

Infine, risciacquate con acqua tiepida e aceto bianco per eliminare definitivamente le incrostazioni ormai ammorbidite.

Il secondo modo, invece, consiste nell’utilizzare il succo del limone.

Spremete 3 limoni, versatene il succo in una ciotola e mettetela in forno. Lasciate, quindi, acceso il forno a 180° per circa mezz’ora.

Il calore sprigionato aiuterà a far evaporare la miscela e la superficie del forno sarà totalmente sgrassata. Una volta raffreddato il forno, utilizzate un panno o un raschietto per rimuovere le incrostazioni ammorbidite dal succo di limone.

Il vostro forno non solo sarà sgrassato e privo di macchie, ma anche più profumato poiché il limone è un neutralizzatore naturale molto noto per assorbire i cattivi odori.

Sgrassatore per forno fai da te

Se, invece, volete un detersivo super efficace da utilizzare ogni volta che volete, questo è il rimedio che fa per voi: lo sgrassatore per forno fai da te.

Per prepararlo, vi occorrerà:

  • 2 limoni medi
  • 200 ml di acqua
  • 125 ml di aceto bianco di alcol
  • 125 gr di sale fino
  • 25 gr di sapone di Marsiglia puro in scaglie (facoltativo)
Ecco un video per aiutarvi nella preparazione!

Tagliate i limoni in piccoli pezzi e riponeteli in una ciotola. Poi, aggiungete l’acqua e il sale. Frullate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo e versatelo in un pentolino.

A questo punto, aggiungete laceto bianco di alcol e le scaglie di sapone di Marsiglia.

Ora occorre far cuocere il tutto a fuoco lento, per circa 15 minuti o fino a quando noterete che ha raggiunto una consistenza cremosa. Quando sarà pronto, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Non vi resta che versare lo sgrassatore al limone per il forno in bottiglie o flaconi da riciclare e utilizzarli ogni volta che vorrete.

Il vostro forno vi ringrazierà!

Avvertenze

Vi ricordiamo di consultare sempre le istruzioni del produttore prima di cimentarvi nella pulizia del forno seguendo i rimedi suggeriti. Laddove necessario, ricordate di tenere staccare la spina per pulire in sicurezza.

Una casa super pulita!

Siete in vena di pulizie domestiche? Scoprite come pulire con facilità e in modo naturale la vostra casa attraverso i nostri consigli!

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.