Olivo in casa: Come curarlo

83
pianta olivo

La moda del ‘pollice verde’ ha contagiato ormai quasi tutti gli individui. Da anni la tendenza del giardinaggio più in voga è la coltivazione dell’olivo in vaso. Girando per le piazze cittadine ne vediamo ormai centinaia. Ma non tutti sanno come curarlo, come mantenerlo ed evitare così spiacevoli conseguenze.

Il balcone d’olivo

Avere un esemplare di olivo in casa è cosa abbastanza comune nella parte settentrionale della penisola. Caso strano visto la sua tradizione prettamente meridionale ( terre di Puglia ) e la predilezione di questa pianta per il clima mite.

Se in tanti avete questa pianta sul balcone ecco dei consigli utili per la sopravvivenza e la salute.

Collocatelo vicino a un muro della casa esposto al sud, in modo da non lasciarlo in balia del vento e permettergli di ricevere il tepore proveniente dalla casa.

L’olivo predilige il clima caldo, rischia infatti di morire se la temperatura dovesse scendere per più giorni sotto i 10 gradi.

L’olivo ha bisogno d’acqua in tutte le stagioni. A volte si incorre nell’errore di metterne di meno in inverno. Sbagliatissimo, come ogni pianta coltivata in vaso va innaffiato ogni volta che la terra è asciutta.

Sono però da evitare i ristagni nel sottovaso: fanno marcire le radici. Il vaso vi ricordiamo deve essere di dimensione pari almeno alla metà del diametro che caratterizza la chioma.

Se non dovete ricavarne olio, è importante comunque raccogliere i suoi frutti. Se vengono lasciate sull’albero, le olive potrebbero attirare un insetto nocivo che buca la polpa, si insinua nel nocciolo e depone le uova infestando la pianta.

Il nemico freddo

Quando le temperature si fanno troppo rigide la paura che il vostro olivo possa ammalarsi è concreta e fate bene a preoccuparvi.

Il consiglio è proteggerlo spruzzando sulla chioma dell’ossicloruro di rame, una sostanza che potete acquistare in tanti negozi che hanno materiale per fiori e piante (anche vivai).

Spruzzando questa sostanza vedrete che le foglie diventeranno più spesse, come se fossero cuoio. Questo favorirà la resistenza dell’olivo al grande freddo.

La pianta d’olivo un po’ per moda, un po’ per passione e un po’ per simbolo resta il fulcro del giardinaggio all’italiana. Che il suo significato cristiano possa essere di buon auspico alle nostre case e ai nostri cuori: la Rigenerazione.