Come guadagnare riciclando i rifiuti?

194
riciclare-bottiglie-di-plastica

La raccolta differenziata è una realtà più o meno consolidata in molte zone d’Italia dove i cittadini si sono ormai abituati a dividere i rifiuti tra i diversi bidoni e a rispettare i calendari di raccolta, superando il disorientamento iniziale. In alcuni centri della penisola si sta assistendo ad una sorta di evoluzione della raccolta differenziata che dà la possibilità di guadagnare dei buoni sconto da poter spendere in negozi e supermercati.

La possibilità di guadagnare con i rifiuti in maniera immediata è un buon incentivo per i cittadini per essere ancora più ligi nella raccolta differenziata ed è allo stesso tempo un modo per ridurre i costi di gestione e riciclaggio dei rifiuti.

Sconti in cambio di rifiuti grazie agli eco compattatori

Com’è possibile guadagnare con i rifiuti? La risposta è negli eco compattatori, una sorta di contenitori per la raccolta differenziata in grado di compattare tappi di plastica, bottiglie in PET (o altri materiali plastici) e alluminio riducendone il volume fino all’80% che vengono istallati in punti strategici della città (aree pubbliche, scuole,piazze, all’esterno di supermercati e aziende private). Ad ogni bottiglia-lattina viene assegnato un valore monetario e consegnandole all’eco compattatore si accumulano sconti o punti da poter poi spendere negli esercizi commerciali convenzionati della propria città.

Il sistema è del tutto automatico (sembra un grande distributore), compatta i rifiuti inseriti riducendone il volume fino all’80% e rilascia uno scontrino con gli eco-bonus relativi al numero di bottiglie di plastica e/o lattine inserite nell’eco compattatore, il tutto convertibili in sconti o promozioni presso gli esercizi commerciali che aderiscono al circuito di eco marketing; ogni attività dà un proprio valore agli eco-bonus in un quadro di fidelizzazione del cliente.

Gli eco compattatori vengono dati in comodato d’uso o noleggiati a Comuni,  scuole, ospedali ed enti privati, distributori di benzina, negozi e ogni tipo di attività commerciale che voglia entrare in questo network del riciclo  una soluzione per potenziare la raccolta differenziata e, di conseguenza, limitare la necessità di discariche e inceneritori e ridurre i costi di trasporto dei rifiuti, traducendo il tutto in un vantaggio per le amministrazioni cittadine, l’ambiente e il cittadino che beneficia degli sconti.

Tra le aziende che istallano gli eco-compattatori e promuovono accordi commerciali con comuni, enti pubblici e privati troviamo in Italia Garby e Eurven che stanno diffondendo sul territorio nazionale questa nuova raccolta differenziata.

Garby

Gli eco compattatori della campana Garby sono dotati di tre o quattro bocche: una per le bottiglie di plastica trasparente o azzurrina, una per le bottiglie di plastica colorata, una terza per l’Hdpe (Polietilene ad alta densità), ovvero di shampoo, detersivi, creme, o per l’allumino (lattine).  “L’obiettivo dell’Italia – ha affermato Luca Beghetto, uno dei responsabili del progetto Garby –  dovrebbe essere ‘il vuoto a rendere’come accade in Germania e in Norvegia: su ogni bibita c’è una cauzione di 20 centesimi, che il cittadino recupera se rende la bottiglia al supermercato“.

eco point garby

Scopri la mappa completa degli Ecopoint Garby

Eurven

I cassonetti Greeny di Eurven sono di vario tipo, infatti si va da quelli specifici per la raccolta della sola plastica, a quelli combinati per plastica ed alluminio e quelli per la raccolta multimateriale anche per vetro, organico, lampadine e tetrapak. Gli eco compattatori Eurven, completamente made in Italy (l’azienda è veneta) e prodotti utilizzando, ove possibile, plastica e alluminio riciclati, sono intelligenti e in grado di distinguere il colore dell bottiglie di plastica inserite e i vari tipi di rifiuti (oltre  a carta, vetro, plastica e lattine anche batterie, oli esausti, lampadine). “Abbiamo pensato di applicare la meccanica e l’elettronica di precisione alla raccolta differenziata – ha dichiarato il general manager Carlo Alberto Baesso – andando al di là del sistema del vuoto a rendere, su cui si concentrano invece i nostri concorrenti stranieri, ma che da noi non esiste“.

In programma la messa a punto di nuove macchine per la raccolta dei RAEE, ovvero cellulari usati e piccoli elettrodomestici, entrambi basati sullo stesso meccanismo di consegnare il rifiuto in cambio di un buono spesa.

greeny eurven

 

Scopri la mappa completa degli Ecopoint Greeny Eurven

Tritech

Un’altra occasione di guadagno con i rifiuti è offerta dalla Tritech che punta soprattutto al consumo di bevande e pasti fuori casa con quattro linee di eco compattatori: drink per lattine e bottiglie di plastica pet, coffee per i bicchierini monouso dei distributori automatici, glass per bottiglie e vasetti di vetro di ogni dimensione, food per le stoviglie monouso e le confezioni da fast food, ma anche vasetti di yogurt, confezioni di tramezzini e di cibi pronti.

Affiancando gli eco compattatori Tritech ai normali distributori di bibite e bevande calde (caffè, cioccolato) presenti nelle aree relax si trasforma il momento della pausa da occasione di solo relax e socializzazione in un’opportunità per contribuire attivamente alla raccolta differenziata e guadagnare dei bonus.

Scopri tutti i compattatori Trictech

La raccolta differenziata in Norvegia

L’Italia, nonostante gli eco compattatori si stiano diffondendo sempre più, resta ancora molto indietro rispetto ad altri Paesi d’Europa da cui prendere spunto per le tematiche green, come ad esempio la Norvegia che in questo campo è un vero e proprio modello a cui aspirare.

La società TOMRA con sede ad Asker opera dal 1972 nel campo del “reverse vending”, il meccanismo di “vendita” di rifiuti da parte dei cittadini in cambio di buoni sconto. I macchinari di raccolta sono basati su diverse tecnologie, come la lettura dei codici a barre, il riconoscimento di forma e materiale del contenitore e la scansione ottica e rappresentano la normalità nei supermercati norvegesi dove è abitudine portare i rifiuti per ottenere degli sconti sulla spesa che si andrà a fare.

httpv://www.youtube.com/watch?v=KK1oslkabxc

Viva il riutilizzo!

In casa abbiamo tantissime cose che potrebbero avere una seconda vita, o potrebbero servire in usi diversi da quelli per cui li abbiamo comprati. Prima di buttarli pensa a come poterli riutilizzare!

Sai che i fondi del caffè possono essere riutilizzati in tantissimi modi? E poi quante volte ti sei chiesta come riutilizzare le bottiglie di plastica, che affollano sempre la tua pattumiera? Vuoi scoprire alcune idee super creative?

Ti è piaciuto questo articolo?

Potresti allora condividerlo su facebook (clicca sul pulsante MI PIACE proprio qui sotto!) ; così facendo aiuteremo tutti a scoprire tante cose sul riutilizzo, e magari un giorno riusciremo a vivere in un posto migliore!