ERBE AROMATICHE bellissime sul balcone? E’ FACILE e puoi farlo anche tu!

11651
erbe-aromatiche-balcone

Le erbe aromatiche sono un dono della natura, ottime per insaporire i piatti, ma anche per il benessere del nostro organismo.

L’ ideale è averle sempre fresche, cogliendo le foglioline necessarie al momento dell’utilizzo e non è detto che questo sia un privilegio solo di chi ha un orticello, un giardino o un fazzoletto di terra perché, per fortuna, è possibile coltivarle anche sul balcone, una soluzione pratica e decorativa.

Basilico, timo, rosmarino, menta, erba cipollina, dragoncello, prezzemolo sono solo alcune della erbe aromatiche più apprezzate e utilizzate in cucina.

Infatti si possono comodamente coltivare in vaso sul balcone/terrazzo anche quelli che non godono di troppa esposizione al sole.

Vediamo insieme come coltivare le erbe aromatiche sul balcone!

Cosa ci serve

L’occorrente per avere il proprio orto casalingo è ridotto all’essenziale: vasi, terreno, semi o piantine, innaffiatoio.

E’ sempre preferibile usare un vaso per ogni piantina perché ognuna ha diverse esigenze di acqua, ad esempio il rosmarino non ama terriccio umido e ristagni d’acqua e può essere abbinato con timo e santoreggia invece il basilico ha bisogno di essere innaffiato spesso.

Oltre al gusto particolare che conferiscono ai piatti le erbe aromatiche hanno anche numerose proprietà benefiche per la salute, tanto da essere usate nella medicina tradizionale per calmare o curare alcuni fastidi e dolori. 

Basilico

Tra le erbe aromatiche più apprezzate e diffuse in cucina, ingrediente immancabile di molte preparazioni, il basilico è anche un ottimo rimedio naturale per alcuni disturbi legati alla digestione (coliche, calmare la nausea), ha proprietà antisettiche e antispasmodiche.

Come curarlo

Ama la luce del sole ma soffre sia il caldo molto forte che il gelo che ne fanno bruciare le foglie.

Poi ha bisogno di essere innaffiato spesso (ideale al mattino) e al momento della raccolta è bene potare le foglie sulla cima. Infatti così facendo favoriremo uno sviluppo maggiore della pianta.

Il basilico, per proliferare, non ha bisogno dei suoi fiori. Quindi dobbiamo impedirne la comparsa, potandolo nel modo giusto.

Se sulla piantina spuntano in cima dei fiori bianchi vanno potati per permettere alla pianta di cresce nuovamente forte e ricca di foglie.

Come seminarlo

Per seminare il basilico in casa sono necessari:

  • vasi terracotta
  • terriccio universale
  • semi di basilico
  • angolo soleggiato sul balcone

La semina migliore è quella che va da febbraio a maggio. Il basilico tende a raggiungere anche altezze di 60 cm e per vederlo germogliare basta una sola settimana dalla semina. Per la raccolta si consiglia l’attesa di almeno un mese.

Rosmarino

rosmarinoMolto profumato, decorativo (si possono creare delle piccole siepi divisorie) e soprattutto resistente, il rosmarino si adatta bene ad ogni condizione infatti resiste bene al freddo dell’inverno.

Come curarlo

Va collocato nella zona più soleggiata del balcone e ha bisogno di poca acqua per cui è da annaffiare, senza mai esagerare, quando il terreno è più asciutto.

Per favorire il drenaggio dell’acqua in eccesso si possono inserire dei cocci di terracotta sul fondo del vaso prima di versare il terriccio. Ancora messo se il primo strato è composto da argilla espansa.

Il rosmarino è una pianta che cresce molto in altezza (può arrivare fino a 2 metri) per cui necessita di potatura anche se, utilizzandolo in cucina, si preleveranno naturalmente dei rametti. Tra le principali proprietà del rosmarino:

  • aiuta la digestione,
  • stimola l’appetito e la secrezione gastrica
  • calma la tosse

Come ottenerlo

Uno dei metodi migliori per propagare il basilico è quello di produrre la talea. Questo procedimento è molto semplice.

Prendiamo un paio di rametti di rosmarino da un pianta già adulta. Eliminiamo la maggior parte delle foglioline lasciando solo quelle in cima. Trapiantiamole in un vaso con il primo strato di argilla (per favorire il drenaggio) e poi il terriccio.

Durante i primi periodi, va tenuto al riparo dal sole. Quando sarà cresciuta e forte, può essere travasata in un vaso più grande.

Prezzemolo

prezzemoloPresente per insaporire i piatti o al solo scopo decorativo il prezzemolo è ricco di proprietà:

  • diuretiche e depurative
  • aiuta a regolare la pressione
  • è ricco di vitamine
  • favorisce il flusso mestruale
  • stimola la sudorazione
  • stimola l’appetito
  • favorisce la digestione
  • aiuta flatulenza, mal di stomaco e gas intestinali

Non ci sono particolari difficoltà nella coltivazione del prezzemolo che cresce ovunque anche se ama la penombra e richiede un terreno umido.

Attenzione però a contenerlo in un vaso singolo perché tende ad invadere lo spazio delle altre erbe aromatiche. Molto simile al prezzemolo è il coriandolo.

Erba cipollina

erba-cipollina-okFacile da coltivare non richiede grandi cure: è sufficiente posizionarla in una zona soleggiata (cresce anche con la penombra) e avere cura di innaffiarla quando il terreno (preferibilmente ricco di compost e ben drenato) ne ha bisogno.

L’erba cipollina, che si sposa bene con pesce ed insalate, ha proprietà diuretiche e depurative ed è anche decorativa per il balcone, soprattutto quando fiorisce tanto da sembrare un prato in miniatura. In inverno va in riposo vegetativo.

L’erba cipollina è un rimedio utile in caso di:

  • tosse
  • catarro
  • raffreddore
  • febbre
  • bronchite
  • vermi intestinali
  • arrossamenti cutanei

Menta

mentaRinfrescante e profumata la menta è facilissima da coltivare sul balcone tramite semi o per talea

In questo caso, si prende un rametto di menta, si immerge la base in un bicchiere d’acqua per far sviluppare le radici e poi si pianta nel terriccio.

Come il prezzemolo anche la menta è “infestante” quindi va coltivata in un vaso senza altre erbe e piante; per contenere in qualche modo il suo sviluppo periodicamente vanno recise le infiorescenze.

La menta ha diverse proprietà benefiche:

  • spasmolitica
  • gastrointestinale
  • antisettica
  • tonica
  • antibatterica
  • mal di testa
  • nevralgie
  • rinfrescante
  • tonificante
  • purificante

Dragoncello

dragoncelloUna volta piantato e posizionato in una zona soleggiata e non ventosa il dragoncello non chiede nessuna cura particolare per crescere in salute: molto simile al rosmarino, ma dal gusto speziato, è una pianta perenne che oltre agli usi in cucina ha tantissime proprietà curative tra cui quelle digestive.

Ricco di vitamine A e C e di sali minerali allevia il mal di gola ed è utilizzato per preparare tisane.

Il dragoncello combatte anche le infezioni e procura sollievo a stomatiti, gengiviti e mal di denti (basta masticarne qualche foglia fresca.

Timo

timoCosì come altre erbe aromatiche anche il timo è innanzitutto una pianta decorativa per il balcone con le foglie piccole e i suoi fiorellini bianchi e lilla.

Naturalmente abituata a crescere in terreni aridi la piantina di timo deve essere posizionata in una zona di piena sole e va annaffiata con poca acqua e non troppo di frequente.

Proprio perché ama il sole in inverno il timo va trasferito in casa o comunque in una zona protetta e se secca, prima di sostituirla, è bene aspettare sempre la primavera stagione in cui potrebbe germogliare nuovamente.

Il timo può essere assunto e impiegato per uso esterno in caso di:

  • tosse
  • bronchite
  • aria nella pancia
  • diarrea
  • flusso mestruale (aumentarlo)
  • pesantezza di stomaco
  • gola e tonsilliti
  • insonnia
  • mal di testa
  • stress

Salvia

salviaLa salvia officinalis è una pianta che cresce spontaneamente nella macchia mediterranea. La salvia è una delle spezie preferite in cucina tanto da avvalersi del titolo di “regina delle piante aromatiche”, ma viene utilizzata tanto anche per i suoi effetti positivi per la cura del corpo. Tra i principali:

  • antinfiammatorio
  • cicatrizzante
  • digestivo
  • battericida

Come coltivarla

La salvia può essere comodamente coltivata sul balcone delle nostre case usando solo sostanze naturali.

Per quanto riguarda il clima, la salvia ama il sole e il caldo (le stagioni preferite sono settembre e ottobre per chi desidera avviare la semina).

Si adatta ad ogni tipo di terreno ma non ama quelli con ristagni idrici. Anche il clima non deve mai essere umido.

Come seminarla

Come si procede per la semina della salvia?

Basta riporre i semini nei vasi rettangolari a distanza di 10 cm l’uno dall’altro. Le piantine di salvia vanno annaffiate solo quando il terreno del vaso è completamente asciutto.

Per curare l’erba aromatica in modo efficace ricordate di travasarla nel passaggio di stagione (metterla in un vaso più grande ad inizio primavera).

Origano

origanoL’origano, chiamato anche “erba acciuga”, è una pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Labiate. Oltre ad essere una spezia molto usata in cucina, è importante per le diverse proprietà benefiche:

  • migliora la digestione
  • aiuta i gas addominali
  • tonifica il sistema nervoso
  • libera dai raffreddori e dal catarro
  • è un ottimo sedativo per la tosse
  • ha azione disinfettante

Come coltivarlo

La pianta di origano per crescere ha bisogno di temperature miti e sole. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, l’importante che sia ben drenato e non abbia ristagni di acqua. Per coltivare l’origano in vaso occorre:

  • una bustina di semi
  • terriccio
  • vaso di terracotta

Piantare i semi ad inizio primavera e appena la piantina comincerà a germogliare eliminate quelle meno robuste. Se la semina avviene in semenzaio, ricordate di fare il travaso delle piantine in vaso o direttamente nel terreno quando avranno raggiunto i 6 cm di altezza. Il travaso deve avvenire in un luogo fresco e lontano dai raggi solari.

Maggiorana

maggioranaLa maggiorana (Origanum Majorana) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Labiate e contiene le stesse proprietà benefiche dell’origano.

La maggiorana, come tutte le spezie fino ad ora descritte, oltre ad essere impiegata in cucina ha diversi benefici:

  • digestivi
  • antipiretici
  • antispasmodici

Inoltre viene impiegata per la cura dell’insonnia e delle vescicole. Può essere coltivata in vaso o semenzaio e nell’orto.

Per quanto riguarda l’occorrente e le modalità di semina valgono le stesse tecniche usate per la coltivazione dell’origano. Leggi anche come conservare le erbe aromatiche in casa.

Rimedi naturali con le erbe aromatiche

Le erbe aromatiche sono spesso a doppio uso. Di solito si usano in cucina, ma spesso le loro mille virtù possono essere adottate anche contro i cattivi odori, contro gli insetti, come igienizzanti, come disinfettanti etc…

Per le superfici

Per disinfettare le superfici, ottimo è il dragoncello. Questa aromatica ha delle foglioline tenere, lunghe e strette. In cucina è utilizzata per insaporire pesce, uova e carne. Ma il suo potere è anche disinfettate.

Per estrarre dalle foglie le sostanze purificatrici occorre far macerare qualche rametto in mezzo litro d’aceto di vino bianco per 10 giorni.

Una volta filtrato, si può usare l’aceto puro o diluito per sgrassare e disinfettare le piastrelle e i pavimenti di bagno e cucina.

Nei decotti o come spezia stimola l’appetito e agisce da digestivo, favorendo la produzione dei succhi gastrici, inoltre incrementa l’attività epatica e renale favorendo cosi la depurazione dell’organismo.

Altre erbe

L’erba Luisa e la citronella contengono oli essenziali profumati che sono molto graditi al nostro olfatto e a quello del nostro gatto, basta spargere una manciata di foglie, fresche o essiccate sul fondo della lettiera per neutralizzare il cattivo odore della sabbia sporca.

In più entrambe le erbe agiscono come repellente nei confronti delle pulci del pelo. La citronella è anche ottima come antizanzara, sfregatevi qualche fogliolina sulla pelle esposta, vi aiuterà a non essere punti.

Usi della salvia

Per deodorare la scarpiera si può utilizzare la salvia e il timo, ricche di oli essenziali. Hanno spiccate proprietà aromatiche e disinfettanti.

Se si pestano in un mortaio le foglie essiccate di queste due piante, fino a ottenere una polverina profumata, questa ha la capacità d’assorbire i cattivi odori. Si può mettere in alcuni sacchettini di tela e poi metterli sui vari ripiani, tra le scarpe.

La salvia è ottima anche per i capelli. Si può fare una tisana sminuzzando le foglie di salvia e riporle in un pentolino.

Aggiungere l’acqua e lasciare sul fuoco fino all’ebollizione, fino alla massima densità. Aggiungere un limone spremuto. Una volta raffreddata filtrare la lozione con il colino.

Utilizzare il composto frizionando i capelli umidi appena lavati. Poi sciacquare abbondantemente con acqua tiepida. I capelli risultano in questo modo molto più lucidi e morbidi.

Per il cavo orale: la salvia è ingrediente prezioso dei dentifrici naturali per le proprietà astringenti e rinfrescanti del cavo orale.

I gerani odorosi hanno foglie ricche di oli essenziali. Alcuni ricordano l’odore dell’ananas, altri della menta, altri ancora del limone. Se si mette una manciata di foglie, preventivamente essiccate e sbriciolate, nel sacchetto dell’aspirapolvere, si potranno pulire e contemporaneamente profumare gli ambienti. I gerani odorosi sono perfetti sul balcone e sulle finestre di casa per tenere lontane le zanzare.

Controindicazioni

Evitate di usare le erbe aromatiche menzionate se soffrite di allergie o ipersensibilità a una o più componenti.

Consultare il medico se in gravidanza o allattamento. Un parere medico è importante prima di usare erbe naturali.

Ringraziamo Ilici Ana del nostro gruppo Facebook Rimedi Naturali per la sua splendida foto.