L’Oscillococcinum funziona?

882 views
Oscillococcinum_per_influenza

In omeopatia è assai noto l’uso di un rimedio chiamato Oscillococcinum. Questo rimedio omeopatico si propone di contrastare i sintomi provocati dall’influenza.

Non solo. Oltre ad attenuarne i sintomi e facilitare la guarigione dell’individuo, viene spesso assunto anche come metodo di prevenzione per evitare di ammalarsi.

Come si presenta

L’Oscillococcinum si presenta sotto forma di piccoli granuli di colore bianco, da far sciogliere sotto la lingua secondo la posologia consigliata dall’omeopata.

In genere, se utilizzato come metodo preventivo, viene somministrata una dose di granuli alla settimana. Se invece sono comparsi i primi sintomi influenzali, due o tre volte al giorno.

L’assunzione del rimedio omeopatico deve avvenire mezz’ora prima dei pasti, o un’ora dopo di essi.

Inoltre viene somministrata anche a bambini e donne in gravidanza, dopo aver effettuato un consulto specifico con il proprio medico curante.

L’Oscillococcinum non presenta particolari controindicazioni. Sono stati riscontrati dei lievi effetti collaterali come mal di testa o leggero prurito.

Perché fa discutere?

Sull’efficacia dell’Oscillococcinum vi è molto da discutere, che siate sostenitori dell’omeopatia oppure no.

Il principio attivo dell’Oscillococcinum sarebbe ricavato dal cuore e dal fegato dell’anatra muschiata (Anas Barbariae Hepatis et Cordis extractum), con l’aggiunta di componenti di saccarosio e lattosio, a una diluizione di 200 K.

Il motivo per cui questo prodotto è molto chiacchierato sta proprio nella sua diluizione.

Secondo il parere di alcuni esperti, poiché i diversi componenti hanno una diluizione di 200 K (vengono diluiti in acqua), è opportuno credere che in realtà non si conservi più nulla del principio attivo.

Tutto ciò che resta in quelle piccole sfere di colore bianco non sarebbe altro che zucchero.

Proprio nel 2011, infatti, l’azienda francese che produce e distribuisce l’Oscillococcinum è stata protagonista di numerose dispute legali, durante le quali alcuni studi hanno dimostrato l‘inefficacia del principio attivo, sostenendo che non vi sono alcune testimonianze scientifiche che dimostrino il contrario.

Funziona?

Non abbiamo la certezza che l’Oscillococcinum sia davvero efficace. Ma sono in tanti coloro che lo preferiscono per combattere l’influenza e che ne traggono giovamento. E anche su questo potremmo discutere.

Sempre secondo alcuni studiosi, l’efficacia del rimedio omeopatico può essere messa in dubbio dal “corso” dell’influenza stessa e che possa trattarsi di un effetto placebo.

Infatti, in genere una persona affetta da influenza tende a guarire senza particolari cure nel giro di qualche giorno.

Perciò, chi utilizza o ha utilizzato in passato l’Oscilloccoccinum afferma di aver percepito dei miglioramenti. Che questi miglioramenti si siano verificati per il natural scorrere della malattia o grazie al rimedio omeopatico, non possiamo saperlo con certezza.

In ogni caso, prima di acquistare questo prodotto, consultare il proprio medico (soprattutto se in gravidanza o allattamento) o il proprio omeopata.

In alternativa, esistono molti rimedi e accorgimenti per prevenire l’influenza.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.