Come risparmiare sui farmaci?

141
sconto farmacia

La spesa per I farmaci, con il passare del tempo, è diventata sempre più incisiva sul bilancio familiare perché è aumentata anche la domanda relativa da parte delle persone per tanti motivi, dall’aumento di malattie e patologie all’uso poco intelligente e smoderato di medicinali o semplicemente per un alto business delle case farmaceutiche.

Come accade per tanti altri settori (abbigliamento, calzature, prodotti per la casa etc) anche per i farmaci esistono dei modi per risparmiare sull’acquisto.

Come fare? Le occasioni per spendere meno in pillole, sciroppi e bustine non mancano e sono la liberalizzazione del mercato e la concorrenza a garantire ai cittadini la possibilità di spendere meno anche quando si tratta di salute.

Medicinali equivalenti o generici

Uno dei metodi più diffusi per risparmiare sui farmaci è optare per l’acquisto di quelli generici. I medicinali equivalenti o generici sono farmaci che hanno lo stesso principio attivo degli originali, cambiano solo il nome del prodotto e la confezione (e di conseguenza le spese pubblicitarie).

La possibilità per una casa farmaceutica di produrre un farmaco equivalente viene data solo in determinate circostanze, ovvero esattamente dopo 20 anni dalla nascita del medicinale originale. Dopo questo periodo, infatti, scade l’esclusiva per l’utilizzo della formula specifica e tutte le aziende possono realizzare prodotti che sfruttano lo stesso principio attivo del farmaco originale.

Sarà il medico a indirizzarvi sulla scelta del farmaco equivalente sostitutivo di quello originale. Il medicinale generico permette di curare il malessere o la patologia con la stessa efficacia del farmaco originale, ma a un prezzo nettamente più basso. Si stima che il risparmio sull’acquisto dei generici può arrivare fino al 70% (sia per i prodotti di automedicazione, sia per quelli con l’obbligo di ricetta medica) rispetto all’originale.

Scegliere la farmacia più conveniente

La liberalizzazione del mercato e l’aumento della concorrenza (ovvero l’ampliamento dei canali di vendita dei farmaci) ha permesso di allargare il ventaglio dei prezzi dei farmaci e prodotti medicali. In questo modo ogni farmacia o negozio specializzato può fare il suo prezzo sui vari prodotti.

E’ possibile quindi trovare lo stesso farmaco a prezzi diversi nelle varie farmacie. Un esempio: un antidolorifico e antinfiammatorio può avere un tetto massimo di prezzo di 15 euro, ma è possibile trovarlo in alcune farmacie anche a 3 euro in meno (proprio a causa della liberalizzazione).

Tutto è a discrezione del singolo punto vendita e del farmacista titolare dell’esercizio. Come fare per trovare la farmacia più conveniente? Nel modo più semplice possibile, dal passaparola all’esposizione di sconti e offerte sui medicinali, oppure girare tra i vari negozi e farsi un’idea.

Rimedi fai da te

E‘ severamente sconsigliato fare un abuso di farmaci se non strettamente necessari e non indicati dal medico specialista. Oggi c’è la tendenza ad assumere medicinali anche per malesseri per cui non sono indispensabili, anzi sono addirittura inutili. In questi casi si consiglia o la totale astensione dall’assunzione di farmaci oppure optare per una valida alternativa come i rimedi naturali.

Un esempio: le lacrime artificiali per la secchezza oculare temporanea possono essere sostituite da semplice acqua fresca, oppure gli antibiotici per i virus influenzali (e non batterici) possono essere tranquillamente sostituiti con rimedi naturali. Questa oculatezza e saggezza portano a un risparmio notevole sulle spese medicali oltre che a un occhio di riguardo per la salute.

In alcuni casi optare per i rimedi naturali fai da te è una valida alternativa che riscontra gli stessi risultati benefici (se non maggiori) derivanti dall’assunzione di medicine. Ovviamente prima di prendere iniziative consultare il medico e non cadere nell’errore inverso: per alcune patologie i medicinali (antibiotici, antivirali, antipiretici) sono indispensabili!

Codici sconto farmacie online

La tendenza ad acquistare online per risparmiare riguarda sempre di più anche i prodotti farmaceutici. Cercare online codici sconto per farmacie online  (Codicesconto.com è il sito che consigliamo in questo caso) è sempre più frequente, anche perché si possono reperire gratuitamente e usare senza vincoli particolari. Anzi, in molti casi non occorre nemmeno lasciare la propria email!

I coupon riguardano molte categorie merceologiche, ma se ci concentriamo sulle farmacie online scopriamo che grazie ai codici sconto le persone possono risparmiare su molti prodotti per la salute e il benessere, come ad esempio:

  • Solari
  • Prodotti per la prima infanzia
  • Prodotti erboristici
  • Integratori alimentari
  • Prodotti per la dieta
  • Kit cosmetici
  • Farmaci da banco

Sul sito in questione sono presenti codici sconto per fare acquisti in numerose farmacie online. Tra i negozi online più famosi che sono suoi partner ci sono:

  • Farmacia Loreto
  • Amica Farmacia
  • Farmacosmo
  • eFarma
  • Lloyds Farmacia

Le prime 4 sono parafarmacie che sono state autorizzate dal Ministero della Salute a vendere online anche i farmaci da banco, quelli senza ricetta medica (SOP e OTC).

Perchè rivolgersi a siti come Codicesconto.com per risparmiare sull’acquisto di farmaci? Oltre ai costi più bassi, all’affidabilità dei negozi che partecipano e alle offerte garantite, ci sono anche altri vantaggi:

  • Come anticipato, i codici sconto sono sempre gratuiti e non è necessaria alcuna iscrizione per prelevarli. Una volta prelevato un codice sconto non c’è l’obbligo di acquisto.
  • Presenza di codici sconto esclusivi concessi agli utenti del sito grazie all’autorevolezza e ai rapporti consolidati con le migliori farmacie online. Si tratta di coupon che non si trovano altrove.
  • Grande esperienza e competenza, che nel caso del sito suggerito è quasi decennale, essendo nato per primo in Italia nel 2008.

E’ importante sapere che i coupon in genere hanno una durata limitata nel tempo, per cui è bene approfittare delle offerte prima che scadano. Spesso hanno un termine di pochi giorni, proprio per la loro grande convenienza.

L‘uso intelligente dei farmaci riguarda due questioni fondamentali:

  • Numero eccessivo di medicinali
  • Attenzione ai dosaggi

Sul primo punto è importante assumere farmaci solo per lo stretto necessario e non comprarne in quantità eccessive (valutando anche la data di scadenza). Per il secondo punto la modalità di acquisto è molto più tattica. I laboratori di farmacia, quando producono medicinali, giocano sui dosaggi e proprio su questo è possibile risparmiare.

Se ad esempio dovete assumere un farmaco regolarmente tutti i giorni, potete giocare di astuzia e acquistare il dosaggio più alto del medicinale (che costa meno) e successivamente assumerne la dose indicata dal medico per la propria patologia. Se dovete prendere una compressa da 125 mg potete acquistare risparmiando la confezione da 250 mg e assumere metà pillola.

Stesso discorso se il medicinale in questione è in gocce, basta assumere la metà di quelle prescritte dallo specialista ma acquistare il flacone più grande.

Esenzione mutua

Si può risparmiare sui farmaci prescritti anche con l’aiuto del Sistema Sanitario Nazionale. Ogni Regione ha un suo regolamento che è possibile conoscere tramite siti di competenza e personale specializzato. In genere ci sono alcune categorie di soggetti esenti “obbligatoriamente” dal pagamento della quota assistito:

  • bambini
  • anziani (over 65)
  • famiglie non agiate e con difficoltà economiche oggettive
  • disoccupati
  • famiglie numerose
  • malati cronici
  • diversamente abili

Per essere esenti è necessario fare richiesta all‘ASL territoriale o al medico di base. Con l’introduzione della ricetta elettronica in molte Regioni anche i codici di esenzione per i farmaci sono diventati nazionali e possono essere utilizzati in tutta Italia.

Scaricare spese sul 730

Le spese annuali sui farmaci possono essere recuperate in parte sul 730. Anche questo è un modo per risparmiare. Ogni volta che si fanno acquisti in farmacia, parafarmacia o altri negozi specializzati ricordatevi di dare al farmacista la tessera sanitaria in modo che lo scontrino possa essere utilizzato per la successiva detrazione dalle tasse. Per scaricare i farmaci ricordate che è necessaria un’autocertificazione.

Per prima cosa conservate tutti gli scontrini dell’anno solare, in seguito compilate il modulo di autocertificazione (potete farlo anche online) e consegnatelo al commercialista. La detrazione si aggira intorno al 19% del totale. Quali farmaci si possono detrarre? Quelli che sullo scontrino corrispondono alle seguenti voci:

  • farmaco
  • SOP
  • OTC
  • omeopatico
  • preparazione galenica
  • ticket
  • ricetta