Come allontanare i piccioni dal tuo balcone con il metodo del sacchetto!

593
come-allontanare-piccioni-spezie

Uccelli di città, spesso sporchi, che volano sul vostro balcone alla ricerca di briciole: i piccioni sono tra i volatili più fastidiosi!

Sono innocui, per alcuni addirittura simpatici, ma spesso lasciano i loro escrementi sul pavimento o sulle ringhiere dei balconi o si avvicinano alla nostra biancheria stesa ad asciugare, costringendoci a un nuovo lavaggio.

Non esiste una stagione in cui questi uccelli si presentano con più frequenza: possiamo sentirli tubare sul nostro balcone tutto l’anno.

Anche se, di solito, scappano a un nostro semplice gesto o rumore, bastano pochi secondi perché lascino i loro germi in giro!

Ma esiste un modo efficace per tenerli lontani?

Ne esistono tanti, ma il più semplice ed efficace è il metodo delle tre spezie. Lo conoscete? Scopriamolo insieme.

Metodo del sacchetto

I piccioni, in realtà, non sopportano gli odori forti. Inoltre, questi uccelli non sopporterebbero il piccante, il cui odore è da loro associato al pericolo.

Per questo, molto efficace è il metodo del sacchetto. Consiste nel mescolare tre spezie in polvere che avete in credenza.

Vi basterà mescolare peperoncino, cannella e pepe, amalgamare il tutto e metterlo in dei sacchettini in tela.

Poi, disponete i sacchettini in punti strategici del vostro balcone: appendeteli alle ringhiere, metteteli in quei punti del pavimento dove i piccioni si posano più spesso e vicino ai vostri stendini.

N.B: i vostri sacchettini alle spezie sono efficaci per circa 15 giorni. Poi, il loro contenuto andrebbe sostituito.

Inoltre, se piove, il sacchettino, bagnandosi, perde la sua efficacia.

Se non avete sacchettini in tela, niente paura: potete mettere il mix di spezie in dei bicchierini (come quelli da caffé).

In questo caso, però, attenzione che il bicchierino non si rovesci o che l’odore delle spezie non finisca per attirare insetti o altri piccoli animali.

Spray al peperoncino

Non avete tutte le spezie necessarie per il metodo delle tre spezie?

Niente paura! Una valida alternativa consiste nello spray al peperoncino fatto in casa.

Il consiglio è quello di utilizzare del peperoncino essiccato. Tritatelo finemente fino a ottenere una sorta di polvere.

Poi, mettete 15 grammi del tritato in 3 litri d’acqua e fate macerare.

La macerazione si ha in circa 10 giorni. Tenete il tutto in un contenitore, non esponetelo al sole, ma tenetelo in un luogo ombreggiato.

Almeno una volta al giorno, agitate il tutto.

Trascorsi i 10 giorni, filtrate il contenuto e mettete il macerato di peperoncino in una bottiglia spray.

Spruzzate il composto in quei luoghi dove i piccioni si posano più spesso e ripetete il procedimento ogni 3/4 giorni per tenere questi uccelli sempre lontani dal vostro balcone!

Semi di peperoncino

Non avete tempo di fare il macerato di peperoncino? Un’alternativa più rapida, ma comunque efficace, consiste nell’utilizzare i semi di peperoncino.

L’ideale è spargerli sulle ringhiere: quando i piccioni si avvicineranno, avvertiranno l’odore del peperoncino e fuggiranno subito via.

Anche in questo caso, però, l’effetto è temporaneo e dovete sostituire i semi di peperoncino ogni circa 5 giorni per una duratura efficacia repellente.

Volendo, potete spargere i semi di peperoncino anche sul pavimento del balcone e vicino al vostro stendino.

Spray alla canfora

Un’altra efficace alternativa consiste in un composto spray realizzato con la canfora.

In questo caso, prendete 2 L d’acqua e aggiungeteci 6-7 gocce di olio di canfora.

Si tratta di un olio dalle mille proprietà, sia antiparassitarie che benefiche per l’uomo: i piccioni non ne sopportano l’odore e quindi se ne tengono alla larga.

L’ideale è spruzzare un po’ del composto ogni 3/4 giorni nei posti dove i piccioni si posano con più frequenza.

E per pulire?

Cosa fare, invece, per pulire eventuali escrementi che questi uccelli hanno lasciato sul nostro balcone?

La scelta è vasta, ma potete ricorrere a un procedimento molto semplice.

Vi basterà versare sull’escremento dell’acqua calda, per cominciare a eliminarne lo strato più superficiale.

Poi, strofinate con acqua e ammoniaca o, in alternativa, alcol denaturato.

In vena di pulizie?

Siete in vena di pulizie e volete nuovi consigli utili ed efficaci? Niente paura! Ecco alcuni segreti solo per voi: