Come pulire le ringhiere di balconi, scale e terrazze

11978
come-pulire-ringhiere

Ferro, vetro, cemento, legno: le ringhiere di casa nostra possono essere di tanti materiali diversi.

Le troviamo nell’androne di casa nei pressi delle scale per salire ai piani superiori, ma anche sui balconi e sulle terrazze.

Un elemento che spesso trascuriamo, ma che in realtà necessita di un’attenta pulizia periodica.

Impronte, cenere di sigarette, escrementi di uccelli: sono tante le fonti di sporco che si possono depositare sulle ringhiere.

Per questo è sempre opportuno prestare attenzione e ricorrere a forme di lavaggio efficaci e approfondite.

Scopriamo insieme come lavare al meglio le ringhiere, tenendo conto dei loro diversi materiali.

Attenzione: prima di applicare i rimedi consigliati, ricordate di consultare sempre le indicazioni di produzione e di tener conto delle diverse peculiarità dei materiali, per non danneggiare irrimediabilmente le ringhiere.

Ringhiere in ferro battuto

Solide e resistenti. Le ringhiere in ferro battuto sono le più comuni e utilizzate, nonché le più facili da pulire.

Vediamo come fare.

Aceto bianco e limone

Uno dei rimedi migliori per pulire le ringhiere in ferro battuto consiste nell’utilizzare un composto a base di aceto bianco e limone.

Più precisamente, prendete un bicchiere di aceto bianco, mescolatelo al succo di mezzo limone e a due litri d’acqua. Lasciate riposare per qualche minuto.

Poi, applicate il composto sulla ringhiera, aiutandovi con una spugnetta da utilizzare dal lato non abrasivo.

Insistete sui punti dove lo sporco ha formato incrostazioni o macchie più evidenti.

Risciacquate con acqua tiepida.

L’aceto bianco ha proprietà sgrassanti che, unite a quelle disinfettanti e pulenti del succo di limone, puliranno a fondo la ringhiera.

Sapone di Marsiglia

Un altro metodo, utile soprattutto per pulire la ringhiera da ossidazione e calcare, consiste nell’utilizzo del sapone di Marsiglia.

Innanzitutto, passate sulla ringhiera un panno imbevuto d’acqua, rimuovendo così quello che è lo sporco più superficiale.

Con una spugnetta, poi, passate sulla ringhiera un composto formato da acqua e qualche scaglia di sapone di Marsiglia.

Il sapone di Marsiglia è un prodotto allo stesso tempo delicato ed efficace: laverà e pulirà a fondo le ringhiere, eliminando il calcare, ma mantenendo intatta la qualità dei materiali.

E il vetro?

Molto spesso le ringhiere in ferro battuto sono poste sopra una lastra in vetro.

Solitamente si tratta di vetri opacizzati e molto spessi, di facile pulizia in quanto non soggetti ad aloni.

Il rimedio migliore per lavarli è mescolare 100ml di aceto in un litro d’acqua e, tramite un vaporizzatore, spruzzare il composto su tutta la superficie.

Passate un foglio di giornale, prima di risciacquare con acqua tiepida.

L’aceto, grazie alle sue proprietà sgrassanti, rimuoverà dal vetro ogni impurità.

Ringhiere in marmo

Pregiate ed esteticamente bellissime. Le ringhiere in marmo sono molto comuni negli scaloni delle case più antiche o su terrazze.

Il marmo, purtroppo, è tanto bello quanto delicato e può macchiarsi o danneggiarsi facilmente.

Vediamo quali sono i metodi migliori per pulirlo.

Gesso

Uno dei rimedi più comuni per rimuovere macchie dalle ringhiere in marmo consiste nell’utilizzo di gesso.

Prendete del gesso in polvere e mescolatelo ad acqua tiepida in quantità non eccessiva, finché non otterrete un composto pastoso.

Applicate il composto sulla ringhiera e lasciatelo in posa per circa 30 minuti.

Poi, sciacquate con acqua tiepida mista a qualche scaglia di sapone di Marsiglia. Infine, risciacquate.

Il gesso avrà assorbito le macchie, rendendo il vostro marmo pulito e splendente.

Sale e limone

Un rimedio insolito, ma davvero molto efficace soprattutto per eliminare eventuali macchie di ruggine: sale e limone.

Prendete del sale grosso e bagnatelo con il succo di un limone e un po’ d’acqua tiepida (non più di un quarto di bicchiere).

Avrete così un composto semi-liquido che dovrete stendere sulla ringhiera in marmo, in particolare sulle macchie di ruggine.

Lasciate agire per circa 30 minuti, poi sciacquate con acqua e sapone di Marsiglia, prima di risciacquare con sola acqua.

Grazie alle proprietà assorbenti del sale e a quelle sgrassanti del succo di limone, ogni macchia sarà definitivamente scomparsa!

Ringhiere in legno

Più rare, ma comunque molto diffuse soprattutto sui balconcini delle case di montagna o come ringhiere delle scale interne.

Le ringhiere in legno sono belle ma delicate e necessitano di una cura più frequente per non usurarsi.

Vediamo quali sono le modalità di pulizia più efficaci.

Aceto bianco

Anche per la pulizia delle ringhiere in legno un alleato fondamentale è l’aceto bianco.

Sarà sufficiente prendere un bicchiere d’aceto bianco e mescolarlo a due litri d’acqua per creare un composto con cui lavare le ringhiere.

Se volete un effetto lucidante, invece, potete mescolare un bicchiere di aceto bianco a dell’olio d’oliva (non più di un quarto di bicchiere).

Applicate il composto sul legno e, dopo circa 30 minuti, sciacquate con acqua tiepida.

La vostra ringhiera in legno avrà una lucentezza che non avete mai visto!

Sapone di Marsiglia

Un prodotto dai mille utilizzi! Il sapone di Marsiglia può essere usato anche per il lavaggio delle ringhiere in legno.

Vi basterà scioglierne qualche scaglia in un litro d’acqua e applicare il composto sulla ringhiera con l’aiuto di una spugnetta, utilizzando il lato non abrasivo.

Poi sciacquate con acqua tiepida: ogni macchia o residuo di sporco sarà definitivamente scomparso.

Altri consigli

In vena di pulizie domestiche? Scopri come utilizzare al meglio i rimedi naturali!

Leggi i nostri articoli:

Gianluca Grimaldi
Nato a Napoli, sono laureato in giurisprudenza. Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".