Come avere le Piante in balcone sempre belle con questi 5+1 Concimi a costo zero

357
concimi-fatti-in-casa

L’acqua è l’elemento fondamentale per far sì che la maggior parte delle piante possa crescere vigorosa e forte.

Tuttavia esse hanno bisogno anche di cibo in quanto devono essere nutrite dal terreno per poi sbocciare e adornare il nostro giardino!

Ma cosa fare quando in casa non si dispone di concimi specifici? Beh, a tutto c’è una soluzione, non preoccupatevi!

Oggi vedremo insieme 5+1 concimi a costo zero che potrete usare per le piante!

Fondi di caffè

Iniziamo con i fondi di caffè, ingredienti che si possono riutilizzare non solo in casa, ma anche per le piante!

Essi infatti contengono molte proprietà che predispongono bene il terreno e lo rendono estremamente fertile.

I modi per prediligere questo metodo sono principalmente due:

  • Concime liquido: per prepararlo basterà lasciare mezzo bicchiere di fondi di caffè in 2 litri d’acqua per tutta la notte. L’indomani utilizzate il composto per innaffiare le piante ed ecco fatto!
  • Concime in granuli: in questo caso dovrete semplicemente far raffreddare i fondi e spargerli nel terreno. Con questo metodo allontanerete anche eventuali insetti e i gatti che possono invadere le piante.

Vi consiglio di usare questo metodo per le piante acidofile come azalee, ortensie, magnolie e camelie. Le piante acidofile sono quelle piante che prediligono un pH del terreno più acido.

Latte

Questo è un metodo per le piante che viene usato da anni, le nostre Nonne lo adorano!

Il latte, infatti, pare abbia delle capacità nutrienti davvero eccellenti e per questo potrà diventare un supporto per le piante.

Dunque, quando vedete che è scaduto o che ne è rimasto poco nella bottiglia, diluite con acqua e versate il tutto nelle terreno.

Tale rimedio è ottimo per le piante vegetali come pomodori, peperoni, zucchine e così via.

N.B. Il Concime al latte è un metodo da utilizzare in modo più sporadico.

Gusci d’uovo

Prendersi cura delle piante è fantastico perché si scoprono sempre cose nuove non solo sul mondo dei vegetali, ma anche su come usare quello che abbiamo già in casa!

Tra gli elementi che non dobbiamo mai buttare se abbiamo un giardino troviamo anche i gusci d’uovo, i quali posseggono tante sostanze appetibili per le piante.

Quello che dovrete fare è tagliare i gusci a pezzetti e lasciarli macerare in mezzo litro d’acqua per circa 5 giorni. Trascorso il tempo filtrate il composto ottenuto, mettetelo in un innaffiatoio, diluite con acqua e annaffiate le piante!

Il metodo con i gusci d’uovo è perfetto per le piante di origine vegetale come pomodori e peperoni.

Acqua di cottura delle verdure

Tra le cose che possiamo fare con l’acqua di cottura delle verdure c’è senz’atro innaffiare le piante!

Attenzione! Dovrete usare metodo solo se l’acqua è priva di sale altrimenti potrete danneggiare le piante. Inoltre usate il metodo sulle piante fiorite.

Dunque, una volta che avrete preparato le verdure, invece di scolarle, tiratele su con un colino e lasciate raffreddare l’acqua nella pentola.

Una volta fredda potete riutilizzarla per innaffiare le piante ed ecco fatto!

Riso

Ecco un metodo semplice semplice che richiederà pochissimo tempo!

Avete presente quando dovete preparare un risotto e sciacquate per bene il riso finché l’acqua non diventa limpida?

Bene, quell’acqua che usate per risciacquare i chicchi è piena di tutte le proprietà del riso, dunque è perfetta per innaffiare le piante.

Con l’acqua del riso concimate le piante da frutto e dell’orto.

Lievito

Ultimo metodo sempre più diffuso è quello con il lievito come concime naturale!

Usato anche per gli scarichi del bagno, quest’ingrediente sarà perfetto per agevolare la crescita dei boccioli delle piante.

Dovrete sciogliere 1 cucchiaio di lievito in 5 litri d’acqua, successivamente usate il composto per irrigare il terreno ed ecco fatto! Inoltre il lievito è particolarmente apprezzato dalle nostre amate Rose!

Avvertenze

Assicuratevi sempre della natura del terreno per capire qual è il metodo più indicato. In caso di dubbi o perplessità, è consigliabile consultare prima il vostro vivaista di fiducia.