3 Trucchetti per togliere il Calcare dal Soffione della Doccia senza smontarlo

274
pulire-soffione-doccia-senza-smontarlo

Siete sotto la doccia per scrollarvi di dosso tutto lo stress della giornata ed ecco che notate che l’acqua fluisce poco. Quante volte vi è capitato? Immagino spesso.

La motivazione per cui questo accade è da ricondurre solitamente alle incrostazioni di sporco e calcare che vanno ad otturare i fori del soffione non facendo ben defluire l’acqua.

Ma non temete perché togliere il calcare dal soffione della doccia è facile se utilizzate questi ingredienti da dispensa! E, in più, non dovrete neppure smontarlo! Vediamo come fare!

Limone

Innanzitutto, vediamo insieme come utilizzare il succo di limone per rimuovere il calcare dai fori del soffione in un batter d’occhio! Tutto ciò che dovrete fare è munirvi di un limone e tagliarlo a metà. Dopodiché, ricavate il succo al suo interno e versatelo in una ciotola o bacinella contenente mezzo litro di acqua.

A questo punto, immergete un vecchio spazzolino da denti nella soluzione, strofinatelo, poi, sul soffione in corrispondenza dei forellini, lasciate agire per un’ora e risciacquate.

Noterete che i fori saranno liberi dal calcare e il flusso dell’acqua subito ripristinato, grazie alle naturali proprietà del limone in grado di sciogliere i residui più esterni di calcare e sporco.

Ovviamente, questo rimedio è efficace in caso di incrostazioni di calcare e di sporco non così eccessive che coinvolgano solo la parte esterna del soffione. Vi consigliamo, quindi, di provare questo metodo ogni settimana così da prevenire la formazione del calcare. Inoltre, il limone può essere utilizzato per togliere il calcare in tutta la doccia!

Metodo del sacchetto

Se le incrostazioni sui fori del soffione della doccia risultano essere più ostinate, allora possiamo provare quest’altro trucchetto, il quale prevede l’utilizzo di un sacchetto di plastica che normalmente utilizzate per fare la spesa o per conservare gli alimenti nel freezer.

Tutto ciò che dovrete fare, quindi, è riempire il sacchetto con l’aceto bianco, avendo cura di non mettercene troppo per evitare di rompere il sacchetto, e aggiungere, poi, due cucchiai di bicarbonato di sodio.

Dopodiché, alzate il sacchetto, immergete al suo interno il soffione e fissatelo, poi, con un nastro o con un elastico. A questo punto, lasciate agire per tutta la notte e l’indomani aprite l’acqua e voilà: il flusso dell’acqua sarà totalmente ripristinato e il vostro soffione sarà come nuovo!

L’utilizzo dell’aceto bianco e del bicarbonato di sodio, infatti, darà vita a un prodotto dalla forte azione anticalcare! Vi ricordiamo, infatti, che insieme sono una manna dal cielo anche per liberare gli scarichi intasati della cucina o del bagno!

N.B Vi raccomandiamo di utilizzare un sacchetto abbastanza resistente e grande, in modo da non rompersi e da riuscire a coprire il soffione della vostra doccia.

Trucchetto dello straccio

Infine, vediamo un ultimo trucchetto per pulire a fondo il soffione della doccia senza doverlo smontare: il trucchetto dello straccio, il quale costituisce un’alternativa rispetto al metodo del sacchetto, in quanto più immediato e facile!

Vi basterà, quindi, munirvi di un qualsiasi straccio, immergerlo nell’aceto e applicarlo direttamente sulla superficie del soffione senza strizzarlo. Vi raccomandiamo di accertarvi che aderisca bene sui forellini otturati in modo che possa agire in maniera efficace.

A questo punto, fate un nodo con lo straccio stesso o servitevi di un elastico in modo da fissarlo sul soffione. Se è troppo pesante e non riesce a mantenersi da solo, potete anche utilizzare la pellicola trasparente per alimenti e fare più giri.

Infine, lasciate agire per tutta la notte e il giorno dopo servitevi di uno spazzolino per eliminare le ultime tracce di calcare: siete pronte per fare la doccia con un getto potente come non mai!

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.