Dimagrire con lo yoga

3.097 views
yoga dimagrire

Lo yoga pur non essendo una pratica dinamica, ha grandi potenzialità dimagranti. Perché fa dimagrire? Innanzitutto per assumere le posizioni è necessario mantenere i diversi muscoli in contrazione costante per alcuni minuti.

Ciò ha l’effetto di rassodare i punti critici ma anche di aumentare la flessibilità e di stimolare il metabolismo. Il movimento favorisce una migliore ossigenazione dei tessuti e l’apporto di sostanze utili alle cellule che migliorano così la propria efficienza. In questo modo si ha un’accelerazione del consumo dei grassi di deposito e uno smaltimento più efficace di tossine e liquidi in eccesso.

Oggi vi proponiamo qualche asana (posizione) mirata al dimagrimento.

Per risvegliare il metabolismo

dalla posizione supina, sollevare le gambe verso l’alto e staccare il busto da terra, rimanendo appoggiati solo con le spalle e assumendo la posizione della candela. Il corpo viene sostenuto dalle mani, che si appoggiano dietro alla schiena, e rimane verticale per circa un minuto, respirando normalmente (senza creare apnea).

Per affinare l’addome

sedute a terra nella posizione del loto con le gambe incrociate e ciascun piede sulla coscia opposta ( chi non riesce può assumere la posizione del semi-loto, con le gambe incrociate e un solo piede sovrapposto alla coscia opposta). Braccia incrociate dietro alla schiena. Espirare e piegare il busto in avanti il più possibile, mantenendo la posizione per 5 secondi senza respirare. Gli addominali sono in tensione. Tornare alla posizione di partenza e ripetere 2-3 volte.

Altro esercizio consiste nello stare seduti a terra, gambe tese, braccia in avanti. Espirando, piegare il busto verso i piedi e afferrarli con le mani. Inspirare e senza lasciare i piedi, alzare la testa verso l’alto e piegarla all’indietro. Mantenere questa posizione, senza respirare, per 3 secondi. Espirando tornate in posizione di partenza e ripetere per 3-5 volte.

Per rassodare i glutei

in posizione prona, mento appoggiato a terra, braccia lungo il corpo, gambe tese e unite. Inspirando contrarre un gluteo e sollevare una gamba nella posizione della locusta . Mantenere la posizione per 20 secondi, poi si riporta la gamba a terra. Eseguire tre ripetizioni per gamba. Alla fine per 3 volte sollevate entrambe le gambe contemporaneamente.

Altro esercizio consiste nello stare in piedi, staccare la gamba destra da terra e afferrare bene il piede con la mano corrispondente. Distendere la gamba davanti a sé, appoggiando la mano sinistra sul ginocchio destro ( se si ha difficoltà si può tenere il ginocchio leggermente piegato) e rimanere in equilibrio solo sulla gamba sinistra contraendo al massimo il gluteo. Inspirando, piegare la gamba di appoggio il più possibile, poi rimanere tre secondi in apnea e ritornare dritti espirando. Eseguire 3 ripetizioni per lato.

Per snellire cosce e fianchi

seduti a terra, gambe incrociate. Intrecciando le mani davanti a sé, afferrare la gamba sinistra e sollevarla il più possibile al petto, espirando. Mantenere la posizione per 30 secondi, respirando normalmente. Vengono messi in tensione i muscoli della fascia laterale della coscia e del fianco. Ripeter dall’altra parte.

Altro esercizio: seduti a terra con una gamba piegata verso l’interno e l’altra verso l’esterno. La mano corrispondente alla gamba piegata verso l’interno si appoggia sul ginocchio, l’altra afferra il piede della gamba piegata verso l’esterno. Inspirando, tirare il piede verso la schiena, sollevandolo da terra e mantenere la posizione 3 secondi a polmoni pieni. Sono in tensione la fascia laterale della coscia e la muscolatura della gamba che sale fino al fianco. Ripetere 3-5 volte per lato.