Perché scegliere il power yoga?

Oggi vogliamo parlarvi di una delle tante iniziative nate dallo yoga ma che si propongono di rivisitarlo per soddisfare sempre meglio le esigenze specifiche, in questo caso rappresentate dalla necessità di definire in modo più preciso la silhouette ed avere quindi un effetto dimagrante e tonico assicurato.Lo yoga si qualifica infatti, innanzitutto come disciplina interiore e di sviluppo personale a cui si giunge grazie anche all’esecuzioni di determinare posture, metodi di respirazione, pronuncia di suoni specifici e mantra; il tutto per un evoluzione spirituale, che trascenda la condizione attuale.

Un obiettivo senz’altro ammirevole che però, a dirla tutta, non è facilmente assimilabile in maniera integrale da noi occidentali. Spesso chi pratica una forma di yoga tradizionale sente anche l’esigenza, contemporaneamente, di abbinarvi un’altra disciplina più mirata per avere un corpo tonico e snello, questo a causa dell’ossessione della modernità per la perfezione estetica, anche se poi in termini salutari dovremmo fare delle ulteriori evoluzioni o forse tornare ai cibi di una volta più semplici e meno grassi.

Vince la forma sulla sostanza (nella maggior parte dei casi) e così solo lo yoga sembra non bastare.

Questa esigenza è stata intercettata e resa realtà da chi ha ben pensato di abbinare alla classica lezione di yoga contaminazioni provenienti dal mondo del fitness e dell’aerobica, studiati in partenza per assicurare che il lavoro svolto nei singoli incontri non lasci solo migliorati spiritualmente ma garantisca appunto la forma fisica nella sua globalità. Per cui si pone attenzione ad ogni parte del corpo e a che ciascuna di essa abbia ben lavorato, permettendo così un allenamento che possiamo definire a 360 gradi.

Certo, non sembra che lo yoga manchi, sinceramente, di esercizi fisici di potenziamento, allungamento e resistenza oltre che di flessibilità ma a quanto pare, la commistione realizzata dal power yoga è utile forse per chi, al di là dei supremi concetti e di tutta la filosofia che sta dietro anche a ciascun movimento, abbia la sensazione che quello non sia abbastanza, cosa discutibile, dato che molte delle posizioni yoga sono dotate di una complessità e richiedono uno sforzo e un allenamento notevole, che pochi infatti hanno.

 Ma può essere visto anche sotto altro aspetto; cioè l’inserire esercizi di fitness può al contrario risultare più leggero di quanto non lo sia lo yoga integrale. E in effetti ciò è confermato da coloro che attualmente conducono lezioni di power yoga: si tengono posizioni prevalentemente a corpo libero, se vogliamo più comuni, che qualunque persona abbia praticato un po’ di sport non ne sarà estraneo.

Un modo dunque per rompere il ghiaccio con una disciplina così impegnativa?

Ricordiamo che le sedute di power yoga mantengono inalterati alcuni punti salienti della disciplina di derivazione millenaria: è infatti previsto  il saluto al sole, sequenza classica, le tecniche di respirazione e meditazione.

Un incontro tra Oriente e Occidente allora, che non ha nulla di male in sé, se non la parzialità del metodo classico a favore di elementi moderni.

 A seconda quindi dello specifico obiettivo di ciascuno, personalmente, si può scegliere la tipologia, non solo tra l’altro, fra queste due varianti perché ci sono attualmente almeno una decina di connubi moderni senza contare i diversi tipi di yoga più risalenti.

 Oggi più che mai è il tempo della scelta fra un moltitudine di offerte e che spetta solo a voi definire. L’importate è stare bene e godere di quello che si fa, questo è certo.