Come pulire l’acciaio?

386
pulire acciaio

L’acciaio è un materiale forte, robusto e molto igienico, che però chiede alcune cure speciali per essere mantenuto bello e pulito. Come accade per tutti i metalli, esistono dei metodi e dei prodotti adeguati per sanificare e pulire questa tipologia di superfici, le quali chiedono di essere pulite per bene, ma anche di brillare per offrire un bell’aspetto. Vediamo come pulire l’acciaio in tutta velocità e far brillare le nostre superfici metalliche con semplicità.

Se l’acciaio si presenta ossidato, brutto, annerito o addirittura bruciato, è importante fermarsi un attimo e non lasciarsi prendere la mano e impiegare detergenti molto aggressivi come la candeggina o i saponi che contengono abrasivi o cloruri. Questi prodotti andrebbero infatti a graffiare e a danneggiare irreversibilmente le superfici. Vediamo quali sono i prodotti giusti e come pulire l’acciaio in casa senza sforzo.

Come pulire l’acciaio?

Se dobbiamo fare i conti con pentole o posate sporche o poco lucide, possiamo iniziare con l’aceto, un prodotto sgrassante e lucidante molto efficace. Prendiamo un panno pulito e imbeviamolo con poco aceto, altrimenti si potrebbero creare degli aloni, e passiamo con cura le pentole e anche le posate. Se le pentole sono state bruciate impieghiamo il bicarbonato. Lasciamo in ammollo la polvere di bicarbonato con l’acqua fresca per il tempo necessario e quindi sciacquiamo con cura. Una volta che la bruciatura sarà tolta laviamo la pentola con un po’ di detergente per piatti e procediamo a farla brillare con l’aceto.

Veniamo quindi al lavandino in acciaio, una porzione di cucina che può presentare delle macchie di calcare difficili da eliminare. Chi ha poco tempo può impiegare i classici prodotti a base di anticalcare, avendo l’accortezza di sciacquare per bene dopo l’uso, oppure utilizzare ancora una volta il bicarbonato miscelato con l’acqua calda. Questo composto può essere usato anche sulle superfici del fuochi di cottura con fiducia, in quanto si tratta di prodotti naturali e rispettosi del metallo.

Per pulire il forno in acciaio, è ideale impiegare una miscela di acqua, limone e aceto e creare un composto che aiuta non solo a pulire alla perfezione il forno, ma che lo disinfetta e lo deodora efficacemente.

Veniamo infine alla cappa in acciaio, un elettrodomestico che chiede di splendere perché sempre a vista. In questo caso è possibile sciogliere del sale e un po’ di sapone bio in acqua e passare il composto sulla cappa, soprattutto sulle zone vicine ai filtri che possono macchiarsi e proporsi grasse a causa dei fumi di cottura. Se anche la superficie esterna della cappa è realizzata in acciaio, è ideale lucidarla con un panno imbevuto di acqua e poco aceto e ripetere la pulizia frequentemente per eliminare gli aloni e farla brillare a lungo.