Come si deve pulire il Termosifone prima di accenderlo e senza smontarlo

817
pulire-termosifoni-rimedi-naturali

I termosifoni sono i nostri migliori amici durante la stagione invernale perché danno conforto e ristoro quando rientriamo dopo una giornata di freddo.

In cambio, tuttavia, richiedono soltanto l’attenzione giusta per mantenerli sempre puliti, così da non comprometterne il funzionamento.

Per pulire tutto il termosifone non c’è bisogno di affidarsi a particolari detersivi, vi basterà fare questi semplici passaggi… senza smontarlo!

Prima di inziare

La pulizia del termosifone non è molto faticosa, ma solo se prima di iniziare si fa un passaggio fondamentale: togliere tutta la polvere!

Dal momento che molti caloriferi presentano delle fessure strette, potrebbe risultare complicato togliere la polvere, ma non con i due trucchetti che di seguito vi riporto:

  • Metodo del Phon: altro non dovrete fare che mettere un panno in microfibra umido dietro ed uno sotto al termosifone, poi azionate il getto ed il calore medio del phon. Passatelo su tutta la superficie andando in particolare dove sono gli spazi stretti. Ecco fatto!
  • Metodo del nodo: un trucchetto estremamente interessante dove vi servirà soltanto una salvietta! Dovrete fare un nodo in un angolo della salvietta, incastrarlo nelle fessure e farlo scivolare lungo le fessure una ad una!

Una volta che vi siete liberati per bene della polvere, non ci resta che procedere con il lavaggio!

Pulizia interna

Ora passiamo alla pulizia interna del termosifone, quella che richiede una particolare attenzione!

Attenzione! Alcuni termosifoni a pressione richiedono l’intervento di un esperto. I seguenti metodi si riferiscono a quelli che hanno ancora l’acqua all’interno.

Bene, per prima cosa dovrete posizionare una bacinella sotto alla valvola del termosifone per fare un modo che non si sporchi o allaghi il pavimento.

Prendete poi l’attrezzo apposito e svitate piano piano la valvola, vedrete che inizierà a fuoriuscire l’acqua, ma dovrete lasciare che esca soltanto quella molto scura.

Una volta uscita l’acqua più sporca, chiudete subito la valvola e la pulizia interna è completa!

Pulizia esterna

A questo punto non ci resta che procedere con la pulizia esterna e completare tutto ottenendo un termosifone come nuovo!

Di caloriferi ne esistono diverse tipologie, ma si dividono principalmente in termosifoni in ghisa ed in alluminio.

Dunque vediamo nello specifico come pulire ogni tipologia con un rimedio specifico!

Termosifoni in ghisa

I termosifoni in ghisa sono un po’ più delicati ed è per questo che useremo il bicarbonato di sodio ed il sapone di Marsiglia.

Quello che dovrete fare è mescolare 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio con 1 cucchiaio di scaglie di sapone sciolte a bagnomaria.

Dovrete ottenere un composto denso e spumoso, spalmatelo poi su una spugna morbida inumidita con acqua calda e strofinate su tutto il termosifone.

Successivamente sciacquate più volte e asciugate, vedrete che non soltanto sarà super pulito, ma anche profumato!

Termosifoni in alluminio

I termosifoni in alluminio sono molto resistenti, ma se non si fa attenzione alla loro pulizia si rischia di avere poi delle macchie di ruggine.

Per cui gli elementi più indicati al fine di pulirlo per bene sono succo di limone e aceto!

Dovrete riempire un vaporizzatore metà con acqua, metà con aceto e aggiungere poi il succo filtrato di 1 limone grande, agitate prima di usarlo.

Spruzzate una quantità abbondante di prodotto direttamente sul termosifone oppure su un panno in microfibra e procedete con la pulizia.

Lo sporco sarà diventato solo un lontano ricordo!

Avvertenze

Provate i rimedi indicati prima su angoli non visibili per non rischiare di macchiare il termosifone.