Come pulire i Termosifoni prima di Accenderli per la prima volta?

506
pulire-termosifone-prima-di-accenderlo

Quando arriva l’inverno, una delle cose più piacevoli per ripararci dal freddo è accendere i termosifoni.

Quante volte abbiamo messo i vestiti sopra per riscaldarli prima di indossarli? Oppure riscaldiamo le mani che subito si infreddoliscono?

Averli in casa è un vero e proprio sollievo, ma bisogna pulirli prima di metterli in funzione, altrimenti possono generare cattivi odori e funzionare male.

Vediamo, quindi, come pulire i termosifoni prima di accenderli in inverno!

Trucchetto del phon per la polvere

La prima cosa necessaria da fare è togliere la polvere da tutti i termosifoni che avete in casa.

Durante la stagione estiva, infatti, si accumula un quantitativo molto grande di polvere e non rimuoverla può far puzzare il termosifone, oltre a ridurre il suo funzionamento.

Dunque, trattandosi di apparecchi con molti spazi stretti, la cosa migliore fa fare è utilizzare il phon!

Già, il getto d’aria fredda che esce dal phon permetterà la fuoriuscita della polvere in maniera semplice e veloce anche nelle fessure!

Tutto quello che dovrete fare è mettere un panno umido dietro il calorifero e un altro a terra sotto il termosifone, dopodiché azionate il phon, mettete la velocità media con aria fredda e passatelo su tutte le zone dell’apparecchio.

Il panno umido a terra raccoglierà lo sporco e non andrà a finire sul pavimento!

Metodo Bacinella per lo sporco

In alternativa potete utilizzare una soluzione di acqua e sapone di Marsiglia.

N.B. Per questo metodo è importante mettere sotto al termosifone asciugamani per assorbire l’acqua e con sopra una bacinella che comprenda tutta la larghezza del calorifero, in modo che quando scorrerà l’acqua non bagnerà il pavimento.

Riempite un contenitore (o una brocca) con acqua calda e sciogliete all’interno 1 cucchiaio di sapone di Marsiglia liquido o in scaglie.

Facendo attenzione, versatelo in tutti i fori del termosifone e lasciate scorrere l’acqua. In questa fase è opportuno farla scorrere completamente e controllare di tanto in tanto se è il caso di sostituire panni o bacinella.

Dopodiché potete asciugate mettendo un panno in microfibra sull’appendiabiti oppure su una stecca o un vecchio mestolo e inserendola negli spazi, ricordate di risciacquarla all’occorrenza.

Lasciate passare anche un’intera giornata e assicuratevi che si sia asciugata tutta l’acqua.

Importante: in caso di presenza di parquet o pavimenti e rivestimenti delicati, meglio procedere con il solo trucchetto del phon.

Come pulire l’interno

Una volta che abbiamo completato il passaggio suddetto, non resta che iniziare con la pulizia vera e e propria.

Vediamo come pulire l’interno del termosifone con metodi che non ci facciano affaticare eccessivamente.

Quando si apre la valvola del calorifero, fuoriesce tanta acqua sporca, dunque vi consiglio di posizionare una bacinella sotto la valvola e svitarla facendo molta attenzione.

Utilizzate una chiave degli attrezzi che avete, oppure quella apposita che di solito esce nella confezione del termosifone.

È importante far uscire fuori soltanto l’acqua nera che è quella più sporca, dopodiché richiudete la valvola.

Se avete termosifoni più moderni, fatevi aiutare da un esperto per questo procedimento poiché dovrà regolare la pressione dell’aria.

Pulizia esterna

Ora non ci resta che passare alla pulizia esterna! Questa, in particolare, è opportuna almeno più volte durante l’anno, anche nei periodi in cui non utilizziamo il termosifone.

Possiamo utilizzare vari ingredienti per sgrassare a fondo sia i caloriferi in ghisa che in alluminio, vediamoli insieme!

Termosifoni in ghisa

termosifoni in ghisa sono più delicati rispetto a quelli in alluminio, per cui c’è da fare attenzione.

L’ingrediente più opportuno da usare è il Sapone di Marsiglia, in quanto sgrasserà, profumerà ed eliminerà eventuali macchie unito all’azione pulente del bicarbonato di sodio.

Bene, mettete 3 cucchiai di sapone in una ciotola e aggiungete il bicarbonato fino ad ottenere un composto denso.

Mettete la pasta ottenuta su una spugnetta e strofinate leggermente tutto il termosifone, ricordando anche la parte posteriore.

In seguito sciacquate con un panno in microfibra ben strizzato e lasciate asciugare bene.

Termosifoni in alluminio

Anche se non belli come quelli in ghisa, i termosifoni in alluminio sono molto resistenti e si puliscono facilmente.

Per effettuare una pulizia efficace, vi serviranno aceto e limone. Questi due ingredienti hanno una forte azione sgrassante e non lasceranno aloni sull’alluminio.

Tutto quello che dovrete fare è riempire un secchio d’acqua calda e aggiungere mezzo bicchiere d’aceto e il succo di un limone.

Utilizzate un panno per il lavaggio, prima con abbondante acqua e poi con un’ultima passata per asciugare.

In caso di macchie, usate una spugnetta e con il lato non abrasivo, strofinate fino a rimuoverla completamente.

In alternativa, potete mettere la soluzione in un contenitore spray riempiendolo d’acqua calda e aggiungendo due cucchiai di aceto e 3 cucchiai di succo di limone filtrato.

N.B. Ricordo di usare molta cautela se avete pavimenti in marmo.

Avvertenze

Seguite attentamente le istruzioni per non macchiare il pavimento. Se i termosifoni dovessero presentare qualche anomalia particolare, è preferibile sentire il parere di un espero prima di pulirli.