Se l’umidità fa la Muffa negli Angoli dei Muri puoi eliminarla con questo Metodo

201
togliere-muffa-angoli-muri

L’eccesso di umidità negli ambienti comporta la formazione della condensa e muffa che si presenta sotto forma di macchie nere.

I luoghi in cui possiamo trovare la muffa sono numerosi, tuttavia gli angoli dei muri sono quelli su cui si deposita più di frequente.

Per questo, oggi vedremo insieme delle soluzioni casalinghe e naturali per togliere la muffa dagli angoli dei muri in maniera facile e veloce!

Bicarbonato di sodio

Il primo rimedio consiste nell’utilizzare il bicarbonato di sodio, il quale vanta proprietà pulenti e sbiancanti molto efficaci ed è adatto soprattutto per i muri bianchi.

Tutto ciò che dovrete fare, quindi, è mescolare il bicarbonato con acqua a filo fino ad ottenere una sorta di composto pastoso. A questo punto, applicatelo sulla macchia, lasciatelo in posa per un po’ e aspettate che si asciughi. Infine, asciugate con una spugnetta o una spazzolina per mandare via la macchia e vedrete che sarà tutto pulito!

In alternativa, potete anche riempire una ciotola con acqua tiepida e aggiungere, poi, 2 cucchiai di bicarbonato. Dopodiché, immergete un panno nella miscela, strizzatelo bene e tamponatelo sulla macchia. Per potenziare l’azione, potete inserire anche qualche goccia di tea tree oil insieme al bicarbonato!

Aceto

Un altro ingrediente molto efficace da usare in caso di muffa è l’aceto, in grado di smacchiare e sgrassare. Vi ricordiamo, infatti, che viene utilizzato in generale per lavare le pareti di casa!

Immergete, quindi, un panno in microfibra in una ciotola contenente acqua tiepida e qualche goccia d’aceto, tamponatelo (senza strofinare) in maniera molto delicata su tutta la macchia di muffa presente negli angoli dei vostri muri. Dopodiché, lasciate asciugare e il gioco è fatto!

Acido citrico

In alternativa all’aceto, potete anche utilizzare l’acido citrico, il quale è un composto ecologico derivante dagli agrumi, noto per le sue proprietà sgrassanti e soprattutto anticalcare. Non a caso, è una manna dal cielo per pulire a fondo gli elettrodomestici!

Fate sciogliere, quindi, circa 150 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua, dopodiché, mescolate e travasate il tutto in un flacone spray. A questo punto, vaporizzate la miscela sulla macchia di muffa e tamponate con un panno finché non si sarà tolta definitivamente.

Succo di limone

Dopo l’aceto, il bicarbonato e l’acido citrico, come poteva mancare all’appello il limone, il quale vanta molteplici proprietà che vengono in nostro soccorso nella pulizia domestica ecologica? Come se non bastasse, poi, è in grado di portare anche un profumo di fresco!

In 2 tazze d’acqua tiepida, quindi, versate due cucchiai di succo di limone filtrato e travasate il tutto in un vaporizzatore. Dopodiché, spruzzate il composto sulla macchia e lasciate agire per un po’ di tempo in modo che possa agire e sciogliere la muffa.

Trascorso il tempo necessario, risciacquate con un panno in microfibra inumidito con acqua tamponando leggermente.

Acqua ossigenata

Se la macchia di muffa è molto ostinata e fatica ad andare via, allora potete utilizzare l’acqua ossigenata, in grado di disinfettare e sbiancare!

Vi basterà inumidire un panno in microfibra, versarci sopra un po’ di acqua ossigenata, dopodiché posizionate il panno sulla zona interessata e lasciate agire per un po’ di tempo. In alternativa, è possibile anche bagnare con l’acqua ossigenata alcuni dischetti di cotone o dei batuffoli d’ovatta e tamponarli sugli angoli “neri”.  

N.B. Vi ricordiamo che questo metodo è da usare solo su muri bianchi altrimenti potrete macchiarli in maniera irreversibile.

Sale grosso

Ora vediamo insieme come usare il sale, il quale, sebbene non sia efficace per rimuovere direttamente le macchie nere di muffa, può essere in grado, però, di prevenire la sua formazione.

Il sale grosso, infatti, viene usato per creare un deumidificatore naturale in grado di contrastare la formazione dell’umidità in casa. Aggiungete, quindi, del sale in un barattolo e collocatelo, poi, nelle zone in cui c’è la muffa o nei posti in cui tende a crearsi: addio muffa!

Avvertenze

Vi ricordo di usare questi metodi prima su in un angolino nascosto per assicurarvi di non danneggiare le superfici. In caso di macchie di muffa ingenti, occorre consultare un esperto in merito.

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.