Quando spremi un Limone non buttare i Semi ma usali così

585
come-usare-semi-limone

Succede quasi ogni giorno di usare un limone in cucina, magari per condire l’insalata o qualsiasi altra pietanza! Questo frutto, dal sapore inconfondibile, riesce a insaporire ogni piatto rendendolo unico.

Quando lo spremiamo, però, cadono i semini del frutto, piccoli e duri, dal colore marrone chiaro. In molti li gettano via pensando si tratti di qualcosa di completamente inutile. In realtà non è così.

Ecco come puoi riutilizzarli, sia in giardino sia per altri usi, seguendo pochi e pratici consigli!

Usali per una nuova piantina

Il metodo più utile e pratico per riutilizzare i semi di limone è quello di farli germogliare ottenendo una meravigliosa piantina. Farlo non è affatto difficile, basta seguire questi consigli.

Prepara i semi

Per far germogliare i semi di limone facilmente e velocemente bisogna “prepararli“. Innanzitutto, sciacquali sotto l’acqua corrente in modo da eliminare la polpa. Non utilizzare acqua bollente, ma a temperatura ambiente.

Dopo averli asciugati con attenzione, mettili su di un fazzoletto e, con l’aiuto di una pinzetta, togli la pelle che riveste il seme vero e proprio. Dopo aver magnato il seme, questa si sarà sicuramente ammorbidita: ti basterà prendere un lembo della pelle, tirare e… il gioco è fatto!

Sapevi che, oltre ai semi, puoi riusare il limone già spremuto? Per scoprire come, leggi qui.

Fai germogliare

A questo punto devi seguire alcuni consigli molto semplici.

Metti il semino in un vasetto di yogurt o un piccolo contenitore in plastica pieno di ovatta inumidita. Dopo qualche giorno, o al massimo settimana, vedrai un piccolo stelo verde fuoriuscire dal seme: significa sta germogliando.

Quando il germoglio è diventato alto qualche centimetro e si sono formate delle piccole radici, potrai piantarlo in un vasetto con del terriccio morbido e ben drenante. Tieni in un posto caldo (a una temperatura compresa tra i 18 e i 26 °C) e alla luce solare indiretta brillante, mantenendo il terriccio umido e lasciando crescere la piantina con pazienza.

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

Un altro metodo per far germogliare i semini è quello della tazza. Ti basterà riempire una tazza di terriccio morbido e piantarci alcuni semi di limone disponendoli a spirale, in modo che crescendo i germogli non si intreccino.

Tieni il terreno umido e, in qualche settimana, vedrai i semi germogliare. Otterrai così una fantastica piantina di limone in tazza!

Attenzione: se hai problemi nel piantare una nuova pianta, puoi chiedere consiglio a un professionista.

Prenditi cura della piantina

Ovviamente per ottenere una piantina di limone partendo da un semplice seme occorre tempo e pazienza! I vivaisti sostengono che ci vorranno almeno 5 anni prima che tu riesca a vedere un vero e proprio limone spuntare dalla pianta che hai fatto nascere.

Importante, però, è prendertene cura con attenzione. In particolare, dovrai innaffiarla molto soprattutto nelle stagioni calde e stare attento a malattie e parassiti che possono attaccare la pianta.

Potrai trovare qui altri consigli di coltivazione di questa pianta.

Realizza un profumatore

In realtà, i semi di limone mantengono il profumo del frutto a lungo grazie alla loro consistenza.

Puoi usarli sciacquandoli sotto dell’acqua corrente e poi mettendoli in un sacchettino in stoffa chiuso con un nastrino. Per accentuare il loro profumo, puoi versarci sopra qualche goccia di olio essenziale profumato agli agrumi.

Il tuo sacchettino profumato può essere riposto negli armadi o nei cassetti per profumare i vestiti in essi contenuti, oppure puoi appenderli in bagno per coprire i cattivi odori.

Leggi qui, invece, per scoprire come profumare la casa in estate usando un solo limone.

Facci un sacchetto termico

Molti sostengono che, così come i noccioli delle ciliegie, anche i semi di limone sono capaci di trattenere il calore a lungo.

Puoi, quindi, mettere tutti i semini in un sacchettino, riscaldarlo e usarlo come scaldamani o sacchetto termico nelle fredde giornate invernali. Qui, invece, troverai altri consigli su come realizzare uno scaldamani.

Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".