Fieno greco

Il fieno greco (trigonella) è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae, originaria dell’Asia e che cresce spontaneamente in ambienti costieri e submontani del Mediterraneo e dell’India. I, nome “trigonella” ha origini greche e indica la forma triangolare dei suoi semi (con tre lati).

Il fieno greco è conosciuto fin dai tempi dei Romani e degli Egizi per le sue proprietà medicinali e nutrizionali. Quali sono le proprietà benefiche del fieno greco? Quali sono i suoi usi? Come assumerlo? Può avere effetti collaterali? Scopriamolo insieme.

Proprietà benefiche del fieno greco

Il fieno greco, come anticipato, era già ampiamente conosciuto e utilizzato nell’antichità per scopi medicali e nutrizionali. Gli Egizi, ad esempio, lo utilizzavano per curare la magrezza e l’assenza di appetito mentre Romani e Greci lo impiegavano come alimentazione rispettivamente dei gladiatori e degli atleti.

Il fieno greco ancora oggi viene utilizzato per le sue numerose proprietà benefiche grazie al contenuto della pianta:

  • Vitamina A
  • Vitamina B
  • Vitamina C
  • proteine
  • fibre
  • sali minerali (ferro e calcio)

Tra gli impieghi principali e i benefici del fieno greco troviamo:

  • tonico
  • ricostituente
  • rinvigorente
  • antianemico in gravidanza
  • disturbi femminili
  • stimola il latte materno dopo il parto (benefici ormonali)
  • regolarizza le mestruazioni (leggi anche blocco ciclo)
  • contrasta l’osteoporosi
  • allevia le vampate di calore in menopausa
  • normalizza i livelli di zucchero nel sangue
  • abbassa i livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo
  • protegge l’intestino dalle ulcere
  • rinvigorisce i capelli
  • attenua le rughe
  • potere afrodisiaco
  • aumento di peso in soggetti con eccessiva magrezza

 

Dove trovare il fieno greco

Il fieno greco è reperibile nelle migliori erboristerie e negozi biologici e viene utilizzato spesso come integratore (che non deve in alcun modo sostituire una dieta bilanciata).Il fieno greco è possibile trovarlo sotto forma di:

  • capsule
  • estratto fluido
  • semi
  • polvere

I semi possono essere anche acquistati in questa forma e successivamente ridotti in polvere grazie a un mixer o frullatore.

Come assumere il fieno greco

La quantità giusta di fieno greco da assumere giornalmente è 3/4 capsule prima dei pasti. Se si desidera assumerlo liquido sotto forma di estratto si consigliano dalle 70 alle 100 gocce al giorno. Il fieno greco in polvere può essere assunto mescolandolo a miele o marmellate e mangiarlo con fette biscottate o pane.

Usi del fieno greco

Il fieno greco può essere assunto sotto forma di decotti o infusi. Occorrono i seguenti ingredienti facili da reperire ed economici:

  • semi di fieno greco
  • acqua

Prendere 3/4 cucchiai di semi di fieno greco e lasciarli in ammollo per una notte intera. Il giorno seguente prendere 1 litro di acqua e immergere all’interno i semi di fieno facendoli bollire per circa 15 minuti. Fate raffreddare, filtrare il tutto e bere addolcendo il composto a piacere con zucchero o miele.

Il decotto di fieno greco possiede ottimi benefici depurativi, ecco perchè si consiglia di berlo al mattino (attenzione all’odore molto intenso).

Controindicazioni del fieno greco

Secondo alcune ricerche il fieno greco ha una scarsa tossicità, nonostante ciò può avere controindicazioni in particolari categorie di soggetti. Avendo un effetto ipoglicemizzante non deve essere assunto nei soggetti diabetici che fanno l’insulina. Può inoltre aumentare il peso corporeo perchè molto calorico. In alcuni soggetti sono stati riscontrati lievi disturbi intestinali o nausea come effetti collaterali.

E’ sconsigliato in gravidanza e si devono rispettare le dosi giornaliere (1/3 g al dì). Prima di assumerlo chiedere il parere del medico e sospenderlo se notate effetti ignoti.

Condividi con un amico