Se il troppo Caldo fa appassire il Basilico ecco i Consigli della Nonna per recuperarlo

247
basilico-moscio

Il profumo delle sue foglioline riempie la nostra casa e il nostro balcone, oltre a esserci utile nella preparazione di buonissime pietanze: il Basilico è probabilmente la pianta aromatica più amata e diffusa.

Venduta anche al supermercato, questa è una pianta perenne che, quindi, dovrebbe mantenersi verde tutto l’anno. Ovviamente, chiunque l’abbia mai coltivata, sa bene che capita di vederla deperire poiché non è proprio facilissima da curare.

Possiamo tenerla in casa o in balcone, ma nei mesi caldi è consigliato proprio tenerla all’aperto, su un tavolino o su un davanzale.

Capita, tuttavia, che il caldo forte e afoso lo facciano appassire prematuramente, rovinando tutte le sue bellissime foglie. Vediamo insieme come comportarci in modo da mantenere il basilico rigoglioso anche in estate.

Vaporizzare acqua sulle foglie

Come le persone anche le piante hanno bisogno di un po’ di… freschezza!

Nei giorni più torridi dell’estate, vaporizzate un po’ d’acqua sulle foglie del vostro basilico. In questo modo, aiuterete la pianta a combattere le temperature troppo alte oltre a mantenere ottimale il tasso di umidità.

Un segreto? Aggiungete all’acqua qualche goccia dell’olio di Neem. Questo olio dalle moltissime proprietà è capace di creare una barriera protettiva, proteggendo il basilico dai parassiti più comuni, come la cocciniglia e gli afidi.

Se avete notato già la presenza di cocciniglia, potete allontanare questo sgradito ospite con questi rimedi.

Il momento migliore per vaporizzare è nelle ore più calde della giornata.

Innaffiare di più

In generale, il basilico ha bisogno di molta più acqua ora che le temperature sono aumentate.

Ogni giorno, controllate lo stato del terreno che deve restare sempre umido, innaffiando non appena notate che si sta seccando o indurendo.

Un buon metodo di innaffiatura consiste nel mettere il vaso in un lavandino o una bacinella piena d’acqua e lasciarlo lì per 20-30 minuti. In questo modo, le radici assorbiranno tutta l’acqua di cui hanno bisogno.

N.B: non esagerate mai, controllando che il terriccio non sia mai troppo bagnato. Il pericolo è che i ristagni d’acqua possano far marcire le radici, danneggiando per sempre il basilico.

Leggete qui per scoprire perché il vostro basilico ha delle macchie bianche sulle foglie e come fare per risolvere il problema.

Riparare nelle ore più calde

Tutti sanno che il basilico ama il sole, anzi l’esposizione ad almeno 6 ore di luce diretta solare ogni giorno è importante per favorire la sua crescita.

Quando, tuttavia, le temperature superano i 28 °C, i raggi diretti del sole possono danneggiare la pianta facendola appassire: il primo sintomo sono proprio alcune bruciature ai lati delle foglie dal colore marrone, giallo o ruggine.

In questi casi, quindi, cambiate posto alla pianta nelle ore più calde, preferendo luoghi dove ci sia luce solare indiretta o mezz’ombra.

Volete un basilico pieno di foglie profumate? Ecco i segreti dei vivaisti.

Attenzione: se avete problemi nella coltivazione di questa bellissima pianta aromatica, chiedete consiglio a un professionista per curarla sempre al meglio.

Somministrare gusci d’uova

Sembra strano, eppure dare alla pianta dei gusci d’uova è importante per garantirne una crescita ottimale e migliorare la sua resistenza generale, permettendole di adattarsi alle alte temperature.

Rompete i gusci d’uova e spargeteli sul terriccio alla base del basilico. Questi, ricchi di azoto, rappresentano un concime naturale molto efficace.

Alternative a questo metodo sono l’utilizzo dei fondi di caffè, che possono essere usati in molti altri modi in giardino, e del lievito di birra.

In questo caso, ne bastano 2 cucchiaini da sciogliere in 500 ml d’acqua per realizzare un ottimo fertilizzante liquido naturale, capace di stimolare la pianta a produrre più foglioline.

Curiosi di conoscere i segreti di coltivazione di altre piante aromatiche? Cliccate qui per scoprirli.

Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".