Se fuori il tempo è umido lava così il bucato per averlo sempre profumato

618
come-lavare-bucato-tempo-umido

Se in estate lavare il bucato e averlo sempre profumato è davvero un gioco da ragazzi, diversa è la situazione nella stagione autunnale o invernale, quando l’umidità e la pioggia diventano i nostri nemici.

Quante volte, infatti, vi è capitato di notare una puzza di umidità sui vostri panni appena lavati e asciugati? Immagino spesso!

Ma per fortuna, esistono dei trucchetti in grado di profumare comunque il bucato anche quando il tempo è umido! Vediamoli insieme!

Sapone di Marsiglia e bicarbonato

Il primo rimedio che vi proponiamo per lavare il vostro bucato e per averlo profumato consiste nel combinare insieme due ingredienti noti per le loro proprietà pulenti molto delicate: il sapone di Marsiglia e il bicarbonato.

Questo mix, infatti, è molto efficace, in quanto da una parte il bicarbonato serve a neutralizzare i cattivi odori, mentre il sapone di Marsiglia conferisce al bucato un profumo inebriante.

Aggiungete, quindi, un cucchiaio di bicarbonato e 2 cucchiai di sapone di Marsiglia liquido nella vaschetta del detersivo e avviate, poi, il ciclo di lavaggio. Se lo preferite, potete anche aggiungere 10 gocce di olio essenziale che preferite. E che profumo!

Aceto e bicarbonato

Un’altra combinazione molto nota per la sua capacità di deodorare il bucato è quella tra aceto e bicarbonato. Come se non bastasse, poi, questi due ingredienti sono utili anche per ravvivare il colore naturale dei vostri capi!

Iniziate, quindi, con l’aggiungere una tazza di aceto bianco nella vaschetta della lavatrice ed avviate il primo ciclo di lavaggio. Dopodiché, aggiungete un po’ di bicarbonato e procedete, quindi, con il secondo lavaggio.

Poiché questi due ingredienti sono in grado di assorbire i cattivi odori, ma non rilasciano un buon odore, vi consigliamo di aggiungere al bicarbonato anche alcune gocce di olio essenziale così da portare anche un buon profumo.

N.B. Sull’utilizzo dell’aceto ci sono dei pareri discordanti. Molti sconsigliano di utilizzarlo soprattutto ad alte temperature, poiché potrebbe rilasciare sostanze nocive nell’ambiente. Come alternativa più ecologica, si può utilizzare l’acido citrico.

Acido citrico

In alternativa all’aceto, potete utilizzare anche l’acido citrico, una polverina bianca dalle molteplici proprietà. Vi ricordiamo, inoltre, che può fungere anche da ammorbidente naturale!

Fate sciogliere, quindi, 75 grammi di acido citrico in 500 ml di acqua tiepida, dopodiché, aggiungete 10 gocce del vostro olio essenziale preferito. Utilizzate, quindi, circa 100 ml di questa soluzione durante il lavaggio in lavatrice e… il vostro bucato sarà super profumato!

Centrifuga

Finora abbiamo visto gli ingredienti da utilizzare per il lavaggio dei vostri capi in modo da renderli profumati come non mai. Un altro trucchetto, però, potrebbe aiutarvi a non ritrovarvi quella puzza di umidità sui vostri capi: la centrifuga.

Sebbene spesso tendiamo ad utilizzare una funzione media (sugli 800 giri) per evitare di stropicciare troppo i panni, sarebbe bene, invece, programmare molti giri di centrifuga in caso non abbiate la possibilità di poter asciugare i panni al sole e all’aria fresca.

Ovviamente, in questo passaggio consultate sempre le etichette di lavaggio che ci guidano al fine di non rovinare i vestiti che sono in lavatrice. Vi consigliamo, quindi, di optare per una centrifuga da 1000/1200 giri, in grado di assorbire tutti i possibili residui d’acqua e di velocizzare il processo di asciugatura dei panni così da avere meno problemi con l’umidità.

La giusta asciugatura

Una volta visto come lavarlo, però, è importante dedicare anche molta attenzione alla fase dell’asciugatura, poiché è in questa fase che l’umidità va a rovinare il profumo dei nostri capi. Innanzitutto, vi ricordiamo di estrarre subito i panni dalla lavatrice e non lasciarli nel cestello per troppo tempo.

Dopodiché, se non potete asciugare il bucato all’esterno perché piove e c’è molta umidità, sarebbe bene scegliere la stanza migliore per far asciugare i vestiti in casa, ovvero una stanza dove possiamo lasciare le finestre aperte per permettere il ricambio d’aria.

Inoltre, sarebbe bene mettere lo stendino vicino al balcone, accertandovi sempre che i capi siano ben distesi e che ci sia abbastanza spazio tra un capo e l’altro per far sì che l’aria possa passare per bene tra tutte le fibre dei tessuti.

Deumidificatori naturali

Spesso, però, anche le nostre case presentano alti livelli di umidità e, quindi, anche l’asciugatura in casa non garantisce un buon profumo sui vostri capi. Quindi come fare in questi casi? Semplice, basta utilizzare dei deumidificatori. E notizia ancora più bella è che potete realizzarli voi con ingredienti naturali!

Vi basterà munirvi di sale grosso o riso, i quali sono una manna dal cielo per contrastare l’umidità e metterli all’interno di barattoli di vetro o bicchieri di plastica, regolando le quantità anche in base alla grandezza della camera

A questo punto, collocateli accanto allo stendino e negli angoli della stanza e il gioco è fatto: noterete che man mano che assorbiranno l’umidità, il sale o il riso si bagneranno. A quel punto dovrete sostituirli. Se volete anche spargere un buon odore, potete creare un assorbi-umidità profumato fai da te!

Avvertenze

Vi consigliamo di consultare sempre le etichette di lavaggio e di produzione prima di seguire i rimedi suggeriti.

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.