Come fare il Piano Pulizie di Casa anti-caldo in estate?

280
come-organizzare-pulizie-estate

Ogni giorno si cerca di tenere la casa sempre in ordine e pulita, ma in estate tutto diventa un po’ più complicato!

Il calore, infatti, rallenta tutta la serie di cose che si vorrebbero fare quotidianamente perché ci si stanca molto presto.

A tal proposito oggi vi dirò tutto su come organizzare le pulizie di casa in estate per evitare il caldo e non soffrire nel rendere la casa perfetta!

Quali sono le priorità?

Ci sono delle zone della casa che hanno inevitabilmente la priorità su altre, soprattutto in estate.

Naturalmente questo perché in ogni stagione ci sono delle aree più colpite di altre, pensiamo, ad esempio, all’umidità invernale o a tutte le foglie che cadono fuori al balcone in autunno!

Per la stagione estiva le priorità sono assolutamente il bagno e la cucina, luoghi in cui si possono alzare dei cattivi odori dato dal caldo eccessivo, ma soprattutto zone in cui gli insetti corrono in un batter d’occhio.

Altra cosa da tenere in considerazione sono i cambi continui di biancheria da letto: lenzuola, federe, copriletto e così via.

Ogni giorno

Ora vediamo, in base alle priorità, le cose da fare ogni giorno!

Naturalmente si parte proprio dalla cucina, controllate quotidianamente ogni angolo togliendo eventuali briciole o macchie di cibo che sono rimaste incrostate.

Potrebbe aiutarvi pulire la cucina con l’aceto, ottimo repellente per le formiche!

Stessa cosa vale per il bagno e soprattutto per la doccia! Alcuni insetti, infatti, prediligono gli ambienti umidi, per cui la doccia diventa il loro covo principale.

Usate anche in questo caso dell’aceto bianco per contrastare cattivi odori, calcare ed insetti.

Date un’occhiata, inoltre, al letto e alle lenzuola assicurandovi che non siano comparsi aloni gialli e macchie di sudore, in tal caso lavate in lavatrice con del bicarbonato di sodio che sbianca e toglie l’umidità.

Una volta a settimana

Una volta viste le cose che hanno la priorità ogni giorno, passiamo a quelle da fare ogni settimana.

In estate è raro che ci siano piogge e raffiche di vento che possono sporcare balconi e vetri della casa.

Dunque, mentre in inverno queste zone sono da tenere d’occhio, in estate potete lasciarle anche ad una sola volta a settimana.

Stessa cosa vale anche per i mobili, le librerie e le mensole che non ricevono la polvere nella stessa frequenza dell’inverno (dove il vento la sposta continuamente, depositandola).

Dall’alto verso il basso

Cosa vuol dire pulire dall’alto verso il basso?

Beh, questa è una strategia tramandata di generazione in generazione dalle nostre nonne che non avevano nemmeno i supporti tecnologici.

Significa semplicemente pulire dalle parti alte della casa (mensole, mobili, lampadari, porte e quant’altro) e poi andare verso il basso finendo con il pavimento.

In questo modo non si sprecherà troppo tempo e sarà tutto più veloce ed organizzato!

Acqua fredda

L’acqua è un ottimo espediente per alterare la temperatura corporea.

Per tale ragione può farci sentire ancora più caldo o rinfrescarci, dipende da quella che scegliamo!

Nelle pulizie potete prediligere l’acqua fredda soprattutto per lavare i pavimenti, in modo che si mantengono freschi durante la giornata.

Naturalmente ci sono situazioni in cui è bene usare l’acqua calda, soprattutto se si tratta di togliere macchie ostinate.

Ore meno calde

Ultima regola che potremmo dire essere anche la più importante è svolgere le pulizie nelle ore meno calde.

Questo fattore è importantissimo al fine di non affaticarsi eccessivamente e poter sfruttare al meglio la frescura che l’estate ci offre ogni tanto.

Se siete persone mattutine, prediligete le prime ore dell’alba fino alle 8:30/9:00, ovvero quando il sole inizia a fare la sua comparsa e il calore si sparge.

Nel caso in cui doveste avere difficoltà all’alba per qualsiasi ragione, potete sfruttare la calura del tramonto così da far rinfrescare l’aria.

In questo modo tenete anche la casa fresca prima di andare a dormire, condizione importantissima per non soffrire il caldo, soprattutto quando non ci sono i condizionatori.