Come tonificare i muscoli con lo Stem massage

67

La già ricca offerta di trattamenti corpo delle Spa si è ampliata di recente grazie ad un nuovo massaggio, lo Stem massage, un vero e proprio toccasana per i muscoli troppo rilassati e poco tonici e le rughe del viso.

Lo stem massage, come indica il nome stesso, utilizza dei bastoncini di legno di ciliegio con alla punta una sfera dello stesso materiale. Questi steli vengono utilizzati per stimolare i punti riflessi dell’agopuntura, in modo da sciogliere le tensioni e allo stesso tempo stimolare i muscoli.

“È una complessa manipolazione che interviene sulle fasce muscolari lungo la maggior parte dei punti di agopuntura (dove le tossine si accumulano) attraverso movimenti sequenziali dai tessuti più profondi a quelli più superficiali”, spiega l’ideatrice dello Stem massage, Annamaria Previati. “Si comincia con i bastoncini puntiformi e, muscolo dopo muscolo, s’interviene con gli steli dalle sfere via via più grandi”.

Per via dell’attrito dei bastoncini sulla pelle, si utilizzano “oli essenziali, burri e cere naturali studiati appositamente per ricostruire il film idrolipidico della pelle“. Le sostante utilizzate variano a seconda del tipo di pelle: possono essere creme idratanti, drenanti, elasticizzanti o anti cellulite per meglio adattarsi alla pelle trattata.

Il risultato immediato è la stimolazione della circolazione e di conseguenza l’eliminazione delle tossine che si accumulano negli strati cutanei.

L’effetto lifting sul viso è istantaneo, basta una seduta di un’ora e mezza per far sì che il volto appaia più tonico e fresco e le rughe siano solo un brutto ricordo. Per un effetto più duraturo, però, sono necessarie più sedute: occorrono almeno tre massaggi a distanza di un mese l’uno dall’altro.

Al momento il massaggio è praticato in pochissimi centri: da Annamaria Previati a Milano, da Silvia Caffi a Esine (Brescia) e Cinzia Perrino a Martano (Lecce), le uniche autorizzate a eseguire lo Stem massage, con gli attrezzi autentici del mestiere, realizzati da un Maestro d’Ascia seguendo i disegni di Previati.