Domyos Abdo Gain, l’attrezzo per rinforzare gli addominali

130

Siediti per avere un ventre piatto: è questo lo slogan del nuovo attrezzo ginnico Domyos Abdo Gain, un dispositivo poco ingombrante (pesa 1.7 Kg e misura 54×17 cm con uno spessore di 1 cm e mezzo) che consente di allenare e tonificare gli addominali. Basta poggiarlo a terra, sedersi sopra (ha una forma concava che si adatta ai glutei) e svolgere l’allenamento proposto, con vari livelli di difficoltà.

In realtà lo slogan non deve trarre in inganno: per poter utilizzare Abdo Gain al meglio bisogna avere un buon equilibrio ed essere già un po’ allenati, altrimenti le prime sedute di home fitness con l’attrezzo potrebbero diventare piuttosto frustranti.

Chi svolge già pilates sarà facilitato nell’utilizzo dell’attrezzo che prevede diversi tipi di esercizi con difficoltà crescente. Nell’esercizio base bisogna sedersi sull’attrezzo con le gambe a terra e le mani poggiate sul petto, inclinando il busto all’indietro di 30° e sforzandosi di mantenere la posizione per dieci secondi.

Man mano che l’equilibrio migliora e gli addominali si rinforzano si può aumentare il livello di difficoltà, portando le gambe tese verso l’alto e stendendo le braccia a lato del busto. Inclinando il busto all’indietro (si può decidere il grado di inclinazione a seconda del livello) si deve, da un lato cercare di restare in equilibro, dall’altro contrarre gli addominali per mantenere la posizione. In fondo si tratta di tecniche ben note a chi già pratica pilates da tempo, dove una delle posizioni base è proprio quella di sedersi a terra e inclinare il busto all’indietro contraendo gli addominali.

L’attrezzo fornisce un livello di difficoltà ulteriore dato che l’equilibrio dato da Abdo Gain è precario e solo mantenendo contratti e tesi tutti i muscoli addominali e della colonna verterbrale si potrà riuscire ad avere una buona postura.

Tutto sommato il costo non eccessivo (29€ circa) lo rende un buon investimento per chi pratica l’home fitness e vuole migliorare la propria postura.