Alga spirulina: i benefici del superfood!

1.278 views
spirulina

L’alga spirulina è stata una delle prime forme di vita ad essere presenti sul nostro pianeta e ad oggi le sue eccezionali proprietà nutritive sono scientificamente accertate: è l’alimento con il più alto numero di proteine di origine vegetale conosciuto fino a questo momento, contiene un grosso quantitativo di ferro, sali minerali e vitamine indispensabili per accrescere il nostro benessere psicofisico.

Da qualche anno il nostro Paese può vantare la nascita e il funzionamento del primo stabilimento di produzione dell’alga spirulina, interamente Made in Italy.

Il progetto è nato dall’intuizione di due giovani pugliesi, Danila Chiapperini e Raffaele Settanni, che dal 2012 portano avanti con orgoglio Apulia Kundi, la prima azienda italiana specializzata nella produzione dell’alga spirulina.

Abbiamo avuto modo di parlare direttamente con Danila e di approfondire assieme a lei i punti focali che hanno portato alla nascita del progetto e quali sono i principali traguardi che  vogliono raggiungere nel breve-medio periodo.

Come è nata l’idea di coltivare l’alga spirulina?

La conoscenza dell’alga spirulina è avvenuta nel corso di un viaggio in Malawi, in Africa, compiuto nel 2010 da me e Raffaele, mentre eravamo impegnati in un progetto internazionale di cooperazione allo sviluppo. È proprio nel caldo cuore dell’Africa, che per la prima volta vediamo le modalità d’impiego di questa preziosa alga, dove viene utilizzata per integrare l’alimentazione dei bambini, delle donne incinte e delle persone malate.

Colpiti da ciò che avevamo visto in Malawi, una volta tornati in Italia decidiamo di metterci subito a lavoro per cercare di capire se fosse possibile produrre l’alga spirulina anche in Italia. Raffaele è biologo, quindi l’esperienza che aveva maturato sino a quel momento in questo campo è stata fondamentale per pervenire ad un risultato valido, dal momento che la produzione di quest’alga necessita di un forte know-how tecnico.

Dopo ben due anni di ricerche, siamo finalmente pronti con il nostro progetto, completo in tutte le sue parti. Vista la mancanza di fondi decidiamo di partecipare ad un bando promosso dalla Regione Puglia, denominato “Principi Attivi”, nato con l’intento di favorire l’imprenditorialità giovanile.

Apulia Kundi riesce a vincere il bando e inizia così la realizzazione del primo impianto di ricerca avente l’obiettivo di produrre l’alga spirulina.

Nel 2015, vinciamo un altro bando, indetto questa volta dalla Camera di Commercio di Bari e così quello che fino a quel momento era stato solo un impianto di ricerca sperimentale, viene trasformato in un impianto produttivo vero e proprio.

Staff Apulia Kundi

Apulia, in latino significa Puglia, e si rifà alla vostra terra d’origine, l’accostamento delle parola Kundi da dove nasce?

Si esatto Apulia, significa Puglia e richiama ovviamente il nome della nostra terra, le cui caratteristiche fisiche e climatiche, ci hanno permesso di realizzare il nostro progetto, la parola Kundi invece deriva dalla lingua africana e significa team. Abbiamo voluto riportare una parola di origine africana per fare esplicito riferimento alle origini del nostro progetto.

Senza il viaggio in Malawi, non saremmo mai venuti A conoscenza di questa speciale alga, abbiamo voluto scegliere proprio la parola team per sottolineare l’importanza della cooperazione e del lavoro di gruppo in tutti gli ambiti. Solo cooperando possiamo portare avanti l’ambiziosa sfida di dar vita ad un mondo migliore.

Pensate che quest’alimento oltre ad essere salutare possa essere utile a risolvere almeno in parte il problema della denutrizione nel mondo?

Assolutamente si, l’alga spirulina per le sue caratteristiche e le sostanze contenute al suo interno, è un alimento che pur non potendo risolvere del tutto il problema della malnutrizione nelle zone povere del globo, può sicuramente contribuire ad attenuarlo.

Inoltre, cosa non meno importante l’alga spirulina può essere utile a risolvere il problema della malnutrizione anche nei paesi ricchi, dove abbiamo il problema opposto, si mangia tanto ma si mangia male, con conseguenze devastanti per il nostro organismo.

L’alga spirulina è un cibo che fa da medicina, per riportare una delle più celebri frasi di Ippocrate, e la sua assunzione all’interno di una dieta equilibrata, può essere utile per migliorare e prevenire lo stato di malattie molto diffuse nei paesi occidentali, come il diabete e il colesterolo.

Uno dei temi che ci sta più a cuore è proprio quello di sviluppare un corretto stile alimentare e una maggiore consapevolezza e sensibilità nei confronti dell’impatto delle nostre scelte alimentari, non solo sul nostro organismo ma anche sul nostro ambiente. Proprio per portare avanti questo importante obiettivo di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, partecipiamo con frequenza a progetti di educazione alimentare all’interno di scuole e altre istituzioni.

Per noi l’alga spirulina è innanzitutto un cibo e non un semplice integratore, infatti la forma a stick è stasta scelta appunto richiamare quelle che sono le caratteristiche di un alimento a tutti gli effetti, da poter consumare assieme ad altri cibi.

Gli effetti benefici dell’alga spirulina sul nostro organismo sono molteplici: presa durante i cambi di stagione ha un effetto energizzante e attenua la stanchezza fisica e mentale, durante l’inverno invece l’alto contenuto di vitamine rafforza le nostre difese immunitarie.

Gli importanti aminoacidi presenti contribuiscono inoltre anche al benessere psicologico dell’individuo.

Come si colloca il tema della sostenibilità all’interno del vostro progetto?

Il tema della sostenibilità ambientale, è per noi importantissimo e con il nostro progetto abbiamo realizzato l’obiettivo di dare il via ad una produzione green al 100% che ha un impatto ambientale pari a 0. L’alga spirulina, è un alimento la cui produzione non richiede pesticidi e fertilizzanti di nessun tipo ed è una delle poche sostanze, che riesce a catturare l’anidride carbonica presente nell’ambiente invece di contribuire ad aumentarne la presenza. Quindi ci troviamo di fronte ad uno dei pochi cibi che fa bene a noi ed anche al nostro ambiente.

Quali sono state le maggiori difficoltà che avete incontrato nel creare un’ impresa in Italia?

Creare un’impresa in Italia è abbastanza complesso perché i tempi della burocrazia sono molto lunghi, per non parlare poi della difficoltà di reperire fondi, visti i costi di tassazione molto più elevati di quelli degli altri paesi, soprattutto sul fronte delle risorse umane.

Quali sono le soddisfazioni più grandi che avete ottenuto sino a questo momento?

Le gratificazioni ricavate da questo progetto sono state tante, in primis c’è la soddisfazione di aver creato qualcosa nella nostra terra e aver quindi avuto il coraggio di fare impresa in Puglia.

Le soddisfazioni più belle le riceviamo soprattutto giorno per giorno, quando le persone affette da malattie come il diabete, l’anemia o addirittura la sclerosi multipla ci telefonano e ci informano dei loro miglioramenti. Sapere che stiamo aiutando alcune persone a stare meglio è una grande riconoscimento di valore, che per noi non ha prezzo.

Anche tutti i premi vinti e le collaborazioni instaurate in pochi anni con enti importanti, sono per noi un riconoscimento importante che ci spinge a fare sempre meglio il nostro lavoro e a sperimentare sempre nuove soluzioni e innovazioni in questo campo.

Vasca Spirulina

Quali sono i vostri progetti nell’immediato futuro?

Stiamo già facendo delle sperimentazioni per espandere i campi d’applicazione dell’alga spirulina ad altri settori come quello cosmetico. A breve, abbiamo intenzione di commercializzare una linea di creme per il viso e il corpo, dal momento che è scientificamente provato che questa sostanza, visti i suoi poteri antiossidanti mantiene la pelle più giovane ed elastica. Attualmente, grazie ad alcune collaborazioni con altre aziende, stiamo già commercializzando la pasta e la birra a base di alga spirulina, e nel futuro vorremmo sempre di più estendere la linea di prodotti esistenti sul mercato.

Per quanto riguarda i canali di distribuzione, al momento siamo presenti con un nostro e-commerce e vendiamo in tutta Italia. Ci avvaliamo anche di un canale indiretto composto da una serie di farmacie ed erboristerie, che commercializzano i nostri prodotti. Nel futuro vorremmo ampliare sempre di più i punti vendita dove poter reperire i prodotti a marchio Apulia Kundi ed estendere le vendite online anche all’estero. 

Qual è la cosa che vi sta più a cuore al momento?

Ciò che per noi è importante, al di là dei piani di espansione futuri e dei rischi ai quali è soggetta una realtà imprenditoriale giovane come la nostra, è portare avanti questo progetto con lo stesso spirito e lo stesso entusiasmo con cui è nato.