Aluseb con alukina: cura per la dermatite seborroica

643
aluseb alukina dermatite seborroica

Aluseb con alukina per curare la dermatite seborroica funziona? Innanzitutto capiamo la patologia di questa malattia: e soffrono circa 3 milioni d’italiani dai 20 ai 60 anni. Parliamo di dermatite seborroica, un’infiammazione della cute che può interessare la pelle del viso (solitamente lati del naso, mento, orecchie), del corpo (spesso il torace), o il cuoio capelluto (solitamente all’attaccatura). Può presentare: arrossamento, desquamazione, croste o anche chiazze ispessite, il tutto spesso accompagnato da un forte prurito.

Per chi ne soffre, è molto fastidiosa sia a livello fisico, sia a livello psicologico (chi ne soffre tende ad isolarsi). E’ recidiva, perciò può essere che su un soggetto non compaia anche per diversi mesi o addirittura anni e poi improvvisamente si ripresenti.

La dermatite seborroica (chiamata da chi ne soffre DS) è un’alterazione della quantità e qualità di sebo prodotto dalle ghiandole cutanee della pelle, che a sua volta fa proliferare un fungo chiamato malassezia. Le cause ancora non sono chiare, ma sembrerebbero genetiche.

La cura solitamente seguita dal paziente è a base di farmaci.

Fino ad oggi ottimo risultato si era ottenuto con prodotti sebo-regolatori a base di:

  • ketoconazolo
  • cortisone
  • zinco
  • solfuro di selenio
  • octopirox
  • acido salicilico
  • acido glicirretico
  • vitamina E e H
  • fitoestratti calmanti (ad es.la calendula e il bisabololo)

L’effetto collaterale di queste somministrazioni, è che col tempo danno assuefazione, perciò era necessario sempre più aumentare le concentrazioni per ottenere dei risultati.

Ora c’è un’alternativa,un rimedio molto promettente a base di alukina.

Secondo studi presentati di recente al congresso dell’Isplad, la società internazionale-italiana di dermatologia plastica-estetica e oncologica, l’alukina è in grado di attenuare in disturbo già dopo quindici giorni di somministrazione nel 75% dei casi.

Il 25% delle persone che non hanno ottenuto nessun tipo di riscontro, si sono dimostrate soprattutto persone che erano già state trattate molto a lungo con farmaci, per cui non rispondevano più alle cure.

Alukina

L’alukina contenuta in aluseb, che deve essere consigliata dal proprio dermatologo, è un composto di sostanze naturali che non hanno effetti collaterali. Non si è purtroppo dimostrata altrettanto utile nei casi di eczema e psoriasi, anzi, in alcuni casi ha peggiorato la situazione.

Tra gli ingredienti dell’alukina c’è l’allume di rocca, un minerale di origine vulcanica con ph acido che ha proprietà antimicotiche e antisettiche. L’allume di rocca o allume di potassio, che si presenta come un sasso trasparente-bianco lattiginoso, lo troviamo spesso anche nei banchetti che vendono prodotti naturali o di bellezza al mercato, perché è un ottimo deodorante se bagnato e sfregato sotto le ascelle, o un ottimo assorbi-odore se posto nel frigorifero.

L’alukina contiene anche acido glicirretico, che ha la funzione di restringere i capillari sanguigni, facendo diminuire l’arrossamento. Un altro ingrediente dell’alukina è il retinolo, ottenuto dalla vitamina A, che stimola il ricambio cellulare.

Aluseb crema

Al momento il prodotto in commercio che contiene alukina è un dermocosmetico in crema: l’Aluseb (in commercio da ottobre 2010 marca Avantgarde), che va applicata due volte al giorno (mattino e sera), dopo aver pulito bene la pelle con un detergente a base di glicerina, proteine della seta o collagene, a ph5 o 6.

Purtroppo al momento a base di alukina non sono commercializzati prodotti per capelli. Per cui l’unica soluzione è: prima di andare a dormire usare la crema anche sul cuoio capelluto e la mattina dopo lavarsi i capelli con uno shampoo delicato.

Al momento l’unico “difetto” di Aluseb è il costo: un tubetto da 30 gr costa € 18,00.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.