Bronchiolite: come riconoscerla e curarla

93

La bronchiolite è una malattia comune delle vie respiratorie causata da un’infezione che colpisce le vie respiratorie superiori, chiamate bronchioli, che conducono ai polmoni quando si infiammano, si gonfiano e si riempiono di muco, rendendo difficoltosa la respirazione.

I più colpiti sono i neonati che, ai primi sintomi, devono subito essere visitati dal pediatra di famiglia che, qualora la diagnosi sia certa, potrà, nei casi più gravi, consigliare il ricovero in ospedale. Si verifica in genere durante i primi 2 anni di vita, con comparsa di picco di circa 3 a 6 mesi di età ed è più comune nei maschi, i bambini che non sono stati allattati al seno, e coloro che vivono in condizioni di sovraffollamento.
I bambini che hanno avuto la bronchiolite possono avere più probabilità di sviluppare asma nel corso della vita, sebbene il rapporto tra le due patologia non sia ben chiaro: è ancora da accertare se i bimbi che sviluppano asma nel corso della vita siano stati più inclini a sviluppare bronchiolite o se proprio la comparsa di questa malattia abbia condizionato il buon funzionamento delle vie respiratorie portando ad un asma nelgi anni successivi.

Come il comune raffreddore è causato da un virus (RSV), molto diffuso in inverno e all’inizio della primavera.

SINTOMI

Anche i  primi sintomi sono simili a quelli di un comune raffreddore:

* starnuti
* naso che cola
* tosse lieve
* febbre lieve

Questi sintomi durano un giorno o due e sono seguiti da un peggioramento della tosse e un rumore simile ad un fischio acuto in fase di espirazione.
Il bambino può anche avere uno scarso appetito e non alimentarsi bene o disidratarsi. Nei casi più gravi può manifestarsi cianosi delle labbra e delle unghie.

Contagiosità

Le infezioni che causano bronchiolite sono contagiose. I germi possono diffondersi in piccole gocce di liquido dal naso di una persona infetta e dalla bocca, che possono disperdersi nell’aria attraverso starnuti, tosse, o risata, e può anche finire su cose che la persona ha toccato, come i tessuti utilizzati o giocattoli.

I neonati che frequentano gli asili nido hanno un rischio maggiore di contrarre una infezione che può portare a una bronchiolite perchè sono in stretto contatto con un sacco di altri bambini.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire la diffusione di virus è lavarsi spesso le mani. I bambini che sono esposti al fumo di sigaretta hanno più probabilità di sviluppare la malattia rispetto a quelli provenienti da famiglie senza fumo. Pertanto, è importante per evitare di esporre i bambini al fumo di sigaretta.

Cura

Gli antibiotici non sono utili perché la bronchiolite è causata da una infezione virale e gli antibiotici sono efficaci solo contro le infezioni batteriche. I farmaci possono a volte essere somministrati per aiutare ad aprire le vie aeree di un bambino.
Il miglior trattamento resta la somministrazione di  molti liquidi, offerti in piccole quantità ad intervalli più frequenti del solito.
L’aria interna, soprattutto durante l’inverno, può seccare  le  vie respiratorie  e rendere il muco appiccicoso. Alcuni genitori utilizzano un vaporizzatore o umidificatore nella stanza del bambino, per contribuire ad allentare il muco nelle vie aeree e alleviare la tosse.
Per alleviare la congestione nasale sono utilissimi i lavaggi nasali con acqua marina o fisiologica tiepida ripetuti ogni tre ore. Il Paracetamolo può essere somministrato per ridurre la febbre e rendere il bambino più tranquillo.

Chiamate il vostro medico se il bambino:

* Sta respirando in fretta e ha l’affanno
* Può essere disidratato a causa di scarso appetito o vomito
* È più sonnolento del solito
* Ha la febbre alta
* Ha una tosse in via di peggioramento
* Appare affaticato o letargico