Cuscini troppo duri? Il metodo della nonna e saranno di nuovo comodi!

604
come-ammorbidire-i-cuscini-duri

Molte volte non c’è niente di meglio di una bella dormita! Il sonno, come ben sappiamo, è rigenerante… Ecco perché dobbiamo far sì che duri tutta la notte senza intoppi!

I cuscini, come i materassi, sono fondamentali per favorire un sonno piacevole e duraturo ma, ahimè, non è sempre così!

Capita spesso che i nostri cuscini sono troppo duri, e non solo perché sono nuovi. Tale disagio è tale da compromettere il nostro riposo, portandoci alla sostituzione del cuscino stesso!

Ma con alcuni trucchetti semplici possiamo intervenire anche sui cuscini più vecchi, e farli tornare di nuovo comodi!

N.B: leggete sempre le indicazioni di produzione sulla cura e conservazione del cuscino. In caso di problemi di cervicale o simili, occorre sempre chiedere prima il parere di un esperto, per non peggiorare la situazione.

Sbattili

Questo è un vecchio trucchetto che di sicuro conoscete e che le nostre nonne fanno spesso anche per i materassi o per i tappeti.

Quando un cuscino è nuovo, oppure semplicemente duro, può dare fastidio durante la notte o al mattino seguente.

Ecco perché si suole sbattere i cuscini aiutandosi con un battipanni o il manico di una scopa. Si appoggia su una superficie dura (come un tavolo, per esempio) e lo si sbatte energicamente.

L’azione energica contribuirà a “indebolire” le fibre del cuscino e a rilassarne la struttura.

Togliere il “ripieno”

I cuscini possono essere di materiale diverso, come in lattice o memory foam, oppure i classici sintetici o anche in lana merino.

La maggioranza dei cuscini sono dotati di una “copertura” con cerniera, all’interno del quale è possibile anche rimuovere il contenuto.

Se il nostro cuscino lo permette è possibile togliere parte del ripieno, in modo da distribuirlo meglio nel cuscino e avere subito una maggiore sensazione di morbidezza.

Però, come abbiamo detto, dipende dalla tipologia di cuscino. Quelli in schiuma, per fare un esempio, non possono essere trattati in tal modo.

Calore

C’è inoltre chi si serve del calore per ammorbidire i cuscini duri. Sembra infatti che il calore possa limitare la durezza delle fibre del cuscino.

I metodi sono diversi ma non sempre applicabili ad ogni tipologia di cuscino, per questo leggete sempre le etichette di produzioni.

In alcuni casi, si usa utilizzare una fonte di calore (come ad esempio un termosifone), su cui lasciare i cuscini per una decina di minuti. Quando la temperatura si sarà distribuita, possiamo già notare una morbidezza maggiore.

Coperta elettrica

Sul web è spesso citato un altro trucchetto utile ad ammorbidire cuscini troppo duri.

Chi ha una coperta elettrica, può provare a riscaldare il proprio cuscino ogni sera. Basta metterlo sotto la coperta elettrica e azionarla.

Far riscaldare il tutto per una decina di minuti, dopodiché spegnere. Massaggiare un po’ il cuscino.

Consigli importanti

Abbiamo spiegato in un altro dei nostri articoli come lavare tutti i cuscini nel modo giusto. Non possono essere lavati allo stesso modo e, a dirla tutta, ci sono dei cuscini che sarebbe meglio non lavare in acqua!

Ma, al di là di tutto, c’è una cosa che può aiutarci ad ammorbidire i cuscini duri. La prima cosa è usarli! Più poggiamo la testa, più il suo peso modella le fibre del cuscino in base alle nostre necessità e al nostro corpo.

Ma vogliamo darvi un consiglio in più: quando li lavate fateli asciugare in orizzontale e ricordate di massaggiarli mentre sono umidi. Così facendo, il “ripieno” di cui abbiamo parlato prima sarà ben distribuito in tutto il cuscino.

Avvertenze

Vi ricordiamo di conservare i cuscini seguendo sempre le indicazioni di produzione, per non rovinarli.

Inoltre chiedete prima il consiglio di un esperto sulla scelta giusta del cuscino su cui vorrete dormire, in particolar modo se soffrite di cervicale o simili.

Altri trucchetti di pulizia

Cuscini, materassi, federe… Abbiamo la soluzione per ogni piccola problematica casalinga!

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.