Come eliminare i cattivi odori dalla lavatrice

399989
come-eliminare-cattivi-odori-lavatrice

Prima o poi capita a tutte: entri in bagno (o in lavanderia) e senti una strana puzza di fogna. Ma no, stavolta non è il lavandino, o la doccia: il “profumino” arriva proprio dalla lavatrice!

Prendersene cura è fondamentale per un buon bucato e per risparmiare.

A lungo andare, infatti, una lavatrice sporca o di cui non ci si è presi la giusta cura porterà da un lato a un bucato non più perfettamente pulito e profumato; dall’altro, a una riduzione degli anni di vita della lavatrice stessa.

Ovviamente, in base allo stato della nostra lavatrice è molto importante affidarsi a chi è di competenza. Ma esistono moltissimi metodi naturali e non chimici per eliminare i cattivi odori dalla lavatrice!

Analizziamo brevemente le cause che portano alla formazione di cattivi odori, per poi procedere.

Cause dei cattivi odori

Le cause possono essere molteplici e solitamente sono le stesse che portano cattivo odore dalle tubature: muffe, batteri, residui di detersivi, calcare.

Quindi, sostanzialmente, i cattivi odori della lavatrice dipendono:

  • Dal calcare, che può accumularsi nel cestello e depositarsi all’interno delle tubature rendendo l’acqua di un odore spiacevole.
  • Dai tubi di scarico: il classico “odore di fognatura” deriva molto spesso da depositi e residui di detersivo e ammorbidente che emanano cattivo odore.

Come non far puzzare la lavatrice?

Ecco alcuni consigli utili, che possono essere seguiti sia nel quotidiano che di tanto in tanto.

  • Pulire o quanto meno asciugare la guarnizione dopo ogni lavaggio o una volta al giorno, in caso di più lavaggi al giorno.
  • Pulire una volta al mese il cestello dei detersivi per evitare la crescita delle muffe dai residui di detersivo ed eventualmente di ammorbidente.
  • Pulire il filtro almeno una volta all’anno, avendo cura di chiudere l’acqua e staccare la lavatrice dalla corrente.

Vediamo adesso come eliminare i cattivi odori della lavatrice con prodotti naturali.

Pulizia del cestello

Per la pulizia periodica del cestello, potete preparare a casa una soluzione di acqua e aceto e spruzzarla all’interno della superficie.

L’aceto, che può essere di mele ma anche di vino, è un anti-calcare naturale ed elimina i cattivi odori. Potete eseguire così una pulizia delicata aiutandovi con un panno in microfibra.

Se volete profumare il cestello potete aggiungere un po’ di olio essenziale a vostra scelta. Per una fragranza fresca, l’olio essenziale di limone è ottimo!

In alternativa, potreste provare con lo sgrassatore all’arancia fai da te. Si fa solo con 4 ingredienti ed è ottimo non solo in cucina, perché è del tutto naturale!

Pulizia della guarnizione

La pulizia della guarnizione è più delicata. Il materiale è in gomma e durante i lavaggi quotidiani accumula sporco e residui di detersivo.

Se desiderate pulirla in modo del tutto naturale, potete preparare una pasta con bicarbonato, limone e aceto. Andate un po’ a occhio, in modo che si formi una pasta cremosa da poter applicare sulla guarnizione.

Procedere poi con movimenti decisi e delicati, magari aiutandovi con uno spazzolino morbido o un panno in microfibra. Dopodiché procedete con il risciacquo.

Lavaggi a vuoto

I lavaggi a vuoto sono importantissimi, perché ci permettono di eliminare i residui di sporco e detersivi e di liberare gli scarichi!

Con aceto

Una volta al mese può essere utile fare un lavaggio a vuoto mettendo un bicchiere di aceto nel cestello dei detersivi e poi avviare un lavaggio breve, ma a temperatura alta, almeno 60°.

L’azione antibatterica dell’aceto vi permetterà di disinfettare in modo del tutto naturale la vostra lavatrice.

Questo alimento che abbiamo tutte in dispensa non smette mai di sorprenderci! Lo possiamo usare in lavatrice, oppure potete utilizzarlo per pulire i vetri o per lucidare l’acciaio!

Con il sale

Una volta ogni 3 mesi, potreste fare un lavaggio a vuoto riempiendo il cestello con un chilo di sale grosso, che è utilissimo anche contro il calcare che si forma nelle guarnizioni e nel cestello.

In questo caso, per il lavaggio, bisognerà utilizzare dell’acqua fredda.

Acido citrico

Non possiamo non menzionare l’acido citrico!

Questo composto derivante dagli agrumi è uno dei nostri migliori alleati in casa, è ottimo anche come ammorbidente fai da te!

Inoltre questo acido svolge un’azione disincrostante in lavatrice, risolvendo il classico problema del calcare.

Come utilizzarlo? Vi basta sciogliere 150 grammi di acido citrico in 1 litro d’acqua demineralizzata e mescolare bene. Versare metà del composto (500 ml) nella vaschetta della lavatrice ed avviare il lavaggio.

Con l’acido citrico, sarà opportuno fare un lavaggio con temperature alte, meglio se a 90 gradi.

Anti-odori fai da te per lavatrice

Tra tutti questi rimedi naturali, è possibile anche realizzare questa ricetta per un anti-odore fai da te per lavatrice!

Ingredienti

  • 100 ml di aceto di alcol o aceto di mele
  • 5 gocce di olio essenziale di lavanda
  • tea tree oil, 5 gocce
  • 5 gocce di olio essenziale di eucalipto
  • (facoltativo) un cucchiaio di bicarbonato o di acido citrico

Come si usa

Aggiungere nel cestello dei detersivi al posto dell’ammorbidente e avviare normalmente il lavaggio dei vostri capi. Questo mix, unito alla giusta manutenzione, fa sì che la lavatrice non emani più cattivo odore.

Questo metodo naturale è anche un ammorbidente naturale e darà un profumo inebriante al bucato.

Ma esistono tantissime alternative per preparare un ammorbidente fatto in casa!

Altri consigli utili

  • Cercate di non utilizzare molto detersivo durante il lavaggio, soprattutto se in polvere. Ciò favorisce l’accumulo dei residui.
  • Quando la lavatrice è spenta potete tenere lo sportello aperto in modo che passi l’area e non si senta quell’odore di “chiuso”.
  • Per quanto riguarda la pulizia delle tubature, meglio chiedere a chi di competenza dei prodotti specifichi e come si usano.
  • Quando pulite i filtri, assicuratevi che la lavatrice sia spenta e i rubinetti dell’acqua chiusi.

Avvertenze

Vi raccomandiamo di valutare con un professionista lo stato della vostra lavatrice per comprendere al meglio le cause del cattivo odore.

I prodotti elencati sono del tutto naturali, ma è meglio assicurarsi di poterli utilizzare nella propria lavatrice. I modelli sono diversi e i materiali possono cambiare.

Inoltre non manca chi sconsiglia l’uso dell’aceto: sembra che, ad alte temperature, possa rilasciare sostanze nocive che danneggiano l’ambiente. Resta, però, uno dei “rimedi della nonna” più utilizzati in casa.