Come non ingrassare a Pasqua con colomba e cioccolato?

161

Difficile resistere alle tentazioni, ma cedere e concederci tutte le delizie e prelibatezze che ci offre la Pasqua può significare vanificare tutti i sacrifici e le rinunce fatte a tavola in questi mesi. Come fare allora, a festeggiare ugualmente, mangiare le pietanze e le bontà pasquali senza buttar via le fatiche (e che fatiche!) finora compiute, per dimagrire o mantenerci in linea?

Innanzitutto, seguiamo piccoli accorgimenti facili e molto utili per limitare i “danni” della Festa primaverile:

  • Cercate di mangiare poco di tutto: assaggiate pure ogni piatto ma limitatene la quantità. Piuttosto, cercate di farvi sempre voi la porzione nel piatto
  • Evitate di mangiare fuori pasto: le calorie che assumiamo durante questi pasti sono già più che sufficienti!
  • La sera, cercate di “recuperare” gli eccessi del pranzo mangiando solo frutta e verdura
  • Evitate di ingerire gli zuccheri semplici come lo zucchero (nel caffè ad esempio) e caramelle durante il giorno: di dolce ne assumete già abbastanza
  • Organizzate un menù gustoso e goloso ma light! Scegliete piatti che soddisfino sia il palato sia la linea, evitando ad esempio le fritture di ogni genere (o limitandole) e ricordando sempre di cambiare l’olio della frittura appena diventa scuro (poi diviene pericoloso per la salute). Sostituite gli alimenti a farina bianca con quelli a farina integrale, che fanno assimilare e smaltire meglio i cibi ingeriti durante tutto il pasto (ad esempio, le tartine di antipasto fatele con i crostini integrali e non con il pane); e sostituite il sale con le spezie, che danno più sapore senza causare ritenzione idrica. Non abbinate carboidrati e grassi (quindi il tradizionale capretto o agnello accompagnatelo con dell’insalata, e non con le patate) e aggiungete delle crudità in tavola che, sfiziose e colorate, siano sazianti e di contorno
  • Cercate di limitare soprattutto i dolci e la cioccolata ed evitate di assumerli la sera. Come dolce, sarebbe ideale il sorbetto al limone: sgrassa la bocca, dà un senso di sollievo e favorisce la digestione.

E’ quasi impossibile però, resistere ai tipici dolci pasquali quindi… come fare ad equilibrare gusto e linea con questi dessert?

La colomba, senza farciture, concedetevela la mattina, con un bicchiere di latte che è saziante; come il panettone e gli altri dolci da forno lievitati, per 100gr di prodotto, apporta fra le 400 e le 500kcal! Ciò significa che una fetta di colomba equivale a mangiare un piatto di spaghetti al pomodoro…

La cioccolata sceglietela fondente e meglio un pezzo grande di uovo piuttosto che tanti piccoli ovetti, che contengono grassi ipercalorici aggiunti. No al cioccolato ricoperto di zucchero (l’abbinamento alza il livello d’insulina e di conseguenza, l’adipe) e no al cioccolato a fine pasto: meglio a merenda con pane integrale o cialde di riso integrale (effetto saziante).