Come Risparmiare sul Gas e Pagare meno con questa Guida semplice ed utile

183
come-risparmiare-bolletta-gas

Quello del gas è un argomento sempre più al centro delle discussioni pubbliche dati gli aumenti che ci sono stati negli ultimi mesi.

Tali cambiamenti hanno portato ad un ridimensionamento generale per quello che è il consumo costante e quotidiano che se ne fa.

Dal momento che non si può rinunciare ad usarlo in casa, vediamo almeno come risparmiare sul gas e attenuare i costi sulla bolletta a fine mese.

Termosifoni

Partiamo dai termosifoni, quelli che ci salvano dal gelo durante l’inverno!

Rappresentano una delle soluzioni più indicate e diffuse al fine di far fronte al freddo, ma allo stesso tempo consumano una quantità considerevole di gas per riscaldare l’acqua.

Dunque scopriamo delle piccole strategie per risparmiare sui termosifoni!

Trucchetto della carta stagnola

Quello della carta stagnola è un trucchetto che si usa da molto tempo e serve per diffondere più velocemente il calore nell’ambiente.

Infatti, prima si riscalda una determinata area della casa, più presto si possono spegnere i termosifoni e di conseguenza agevolare il risparmio.

Dovrete creare un vero e proprio pannello che va messo dietro al calorifero. Per questo avrete bisogno di:

  • Fogli di carta stagnola
  • Fogli di carta
  • Cartone della grandezza del termosifone
  • Colla

Prendete le misure precise con il cartone sia in larghezza che in lunghezza assicurandovi che si incastri bene dietro il termosifone.

Coprite entrambi i lati del cartone con dei fogli A4 e lasciate asciugare per bene.

Concluso questo passaggio, ricoprite di nuovo tutti i lati del cartone con la carta stagnola, fissandoli per bene con la colla.

Una volta asciutto, il vostro pannello è pronto, dovrete metterlo dietro il termosifone con l’aiuto di uno spago ed ecco fatto.

L’alluminio possiede una proprietà termoriflettente, per cui rimanda indietro il calore velocizzando il processo di riscaldamento.

Pulizia accurata

Una pulizia accurata del termosifone è fondamentale per evitare che il calore impieghi troppo tempo a diffondersi nell’ambiente.

Se si trascura, inoltre, la pulizia per un periodo di tempo prolungato, si incorre anche ad un guasto del calorifero.

Per lavarlo accuratamente dovrete prima togliere tutta la polvere con un panno in microfibra (nel lato posteriore usate uno spolverino).

Mettete poi una bacinella sotto al termosifone e riempite una brocca con acqua tiepida e 1 cucchiaio di scaglie di sapone di Marsiglia.

Versate la soluzione nelle fessure interne del termosifone e spostate la bacinella man mano per non far andare l’acqua sul pavimento.

Asciugate per bene tutto e il termosifone sarà perfettamente pulito!

Orari e strategie di risparmio

Ultimi consigli per risparmiare sul termosifone sono gli orari e le strategie di risparmio, vediamo come fare:

  • Durante il giorno, cercate di tenerli spenti, sfruttando al massimo il calore naturale del sole. Aprite balconi e finestre per fare in modo che possa raggiungere tutto l’ambiente.
  • Non accendeteli durante i momenti in cui sapete di dover aprire balconi e finestre o mentre fate le pulizie.
  • Quando li accendete, fate in modo che il calore resti concentrato in quella zona e chiudete le porte delle altre camere (a meno che non vogliate far arrivare il calore anche lì).
  • Una volta che la casa ha raggiunto una temperatura giusta, spegneteli. In questo modo abituerete anche il corpo a non essere dipendente dai caloriferi.
  • Se avete delle tecnologie avanzate, potete accendere i termosifoni prima di tornare a casa e spegnerli al rientro, quando è tutto riscaldato.

Fuochi della cucina

È difficile che passi un giorno senza che si metta mano ai fornelli!

Se i termosifoni si accendono solo in alcuni periodi dell’anno, i fuochi della cucina sono sempre all’opera.

Tuttavia anche in casi simili possiamo adottare dei metodi per non sprecare gas e risparmiare, non ci resta che scoprirli insieme!

Metodo del fuoco spento

Sempre più diffuso è il metodo del fuoco spento, una strategia di cottura studiata scientificamente e usata anche da alcuni chef.

Siete curiosi? Vediamo cosa fare passo dopo passo:

  • Riempite la pentola con acqua e mettetela sul fuoco, rigorosamente con il coperchio sopra.
  • Portate a bollore, poi calate la pasta.
  • Fate passare 2 minuti di cottura con il gas acceso e senza coperchio (altrimenti rischiare di far fuoriuscire l’acqua).
  • Trascorsi questi minuti, rimettete il coperchio sulla pentola e spegnete la fiamma.
  • Aspettate 1-2 minuti in più rispetto al tempo di cottura indicato sullo scatolo della pasta.

Et voilà…la pasta sarà perfettamente cotta!

I vantaggi di un metodo simile sono molto ampi non solo in termini di risparmio del gas, ma anche per le emissioni di CO2.

Inoltre, se vi regolate bene con l’acqua da mettere in pentola, versandone 700 ml per 100 grammi anziché 1 litro, in un anno si risparmierà una quantità spropositata di acqua!

Uso degli elettrodomestici

Sono tante le persone che all’interno della cucina decidono di mettere anche vari elettrodomestici.

Di solito la scelta viene fatta per risparmiare tempo e non prolungare troppo la preparazione delle pietanze, ma in realtà sono un ottimo compromesso anche per il risparmio!

Dal momento che il gas ha un costo sempre più elevato, cuocere determinati cibi all’interno del fornetto oppure riscaldare liquidi nel microonde è sicuramente più veloce, ma se consideriamo queste azioni a lungo tempo, porta anche un risparmio notevole.

Quindi se possedete questi elettrodomestici in casa, sfruttateli al fine di non accendere continuamente il gas.

Pentole metalliche

Ultimo consiglio per quanto riguarda i fuochi della cucina riguarda il tempo di utensili che si prediligono per la cottura dei cibi.

Una cosa di fondamentale importanza è il materiale di cui sono composti.

Il mio suggerimento è di usare, per quanto possibile, delle pentole metalliche. Il metallo è un ottimo conduttore di calore e riscalderà la pentola subito, soprattutto se pensiamo a quando deve cuocere la pasta. Il risultato è che si cucinerà velocemente e si risparmierà gas.

Non solo, ma la cottura nelle pentole metalliche è anche più uniforme e salutare.

Infine è importante anche cucinare le pietanze in una pentola proporzionata e non troppo grande.

Forno

Non tutti i forni sono a gas, ma ci sono molte case in cui regna ancora questa tipologia e dunque è importante vedere cosa si può fare per risparmiare su questo elettrodomestico.

Fermo restando che la cottura nel forno è da valutare solo in determinate situazioni, scopriamo dei piccoli accorgimenti!

  • Non aprite continuamente il forno mentre cucinate: è importante avere un piano dei tempi di cottura, in modo da non stare sempre lì a monitorare la situazione.
  • Non accendete il forno per preriscaldarlo troppo tempo prima di mettere il cibo all’interno. Bastano dai 5 agli 8 minuti in base alla grandezza.
  • Se possibile, preparate più cose insieme, magari invertendoli nei piani delle griglie così da far cuocere tutto in maniera omogenea.
  • Pulite accuratamente il forno quando è troppo incrostato altrimenti non distribuirà bene il calore.
  • Verificate prima che per i cibi da cucinare non si possano adoperare metodi alternativi come il fornetto o il microonde.

Caldaia

Anche con la caldaia, motore di tutto il calore e il gas diffuso in casa, si possono avere delle accortezze che riescono ad attenuare i costi e a risparmiare sulla bolletta del gas.

N.B. Fate molta attenzione ai seguenti fattori e prima di prendere qualsiasi decisione è importante consultare il vostro fornitore personale.

Regolare la temperatura

Il fattore più importante quando parliamo di caldaia (che sia elettrica o a gas) è regolare la temperatura.

Pensare che il grado in più o il grado in meno non faccia la differenza, è totalmente sbiagliato!

Infatti l’aumento di uno solo di questi comporta dei costi maggiori che oscillano tra il 5 ed il 6%, pensate un po’ quanto può variare sulla bolletta intera del gas.

Dunque regolate una temperatura che va dai 18 ai 20 gradi, ovvero quelli sufficienti per avere una buona sensazione di calore senza soffrire il freddo.

Usare un termostato

In relazione a quanto appena detto, usare un termostato potrebbe rappresentare la soluzione ideale!

Prima non ci si curava di installarli in casa, ad oggi sono sempre più diffusi in quanto fanno parte delle decisioni intelligenti da avere in casa.

Si può adottare una strategia molto funzionale come regolare il calore in base alle stanze e vedere dove aumentare o diminuire i gradi.

I termostati, inoltre, fanno fronte direttamente alla caldaia e ne gestiscono l’accensione e lo spegnimento in base alle vostre impostazioni.

Questi piccoli accorgimenti comportano un risparmio pari al 20% circa.

Manutenzione

In ultimo non si deve sottovalutare l’importanza della manutenzione della caldaia.

Avere un buon piano di manutenzione con un esperto, permette di avere la caldaia sempre al meglio, evitando guasti e sprechi.

Più si trascura questo fattore, più si aumenta la possibilità di avere dei malfunzionamenti. Di conseguenza la caldaia andrà sotto sforzo e farà il suo lavoro nel doppio del tempo, accrescendo i costi.