Forza, leggerezza ed elasticità con la posizione del cammello nello yoga

1096

Ustrasana, comunemente nota come posizione del cammello, è una delle asana principali e più antiche, praticate nello yoga, che unisce in sé la mobilitazione di tutto il corpo e al tempo stesso conduce ad uno stato meditativo profondo e silenzioso.

Come ogni esercizio yogico, l’obiettivo è sempre l’unione mente corpo, ed è solo attraverso questo speciale collegamento che si può andare oltre la mera prestazione fisica, per raggiungere livelli di consapevolezza personale sempre più ampi e di conseguenza vivere meglio, più appagati e in armonia con se stessi e il mondo.

Questa posizione Yoga è quindi un vero e proprio concentrato di benessere , che si può praticare in qualsiasi momento della giornata (l’importante è non essere a stomaco pieno),avendo a disposizione anche solo pochi minuti e un luogo che consenta di rilassarvi senza interruzioni.

Non è particolarmente difficile da eseguire, perché sebbene interessi tutte le zone corporee, non richiede una preparazione atletica ma solo la vostra intenzione a lasciarvi fluire senza contrarvi e a riportare i movimenti alla loro naturale scioltezza.

A cosa serve la posizione del cammello?

Con questa specifica asana, indirizzeremo l’attenzione e pertanto anche la forza nel basso ventre, aumentandone la compattezza ad ogni espirazione e percependo, attraverso l’ inspirazione, la forza del diaframma che ci sostiene.

Tutto ciò ci aiuterà ad imprimere agilità e morbidezza all’insieme articolare e al tempo stesso porteremo  alla rivitalizzazione completa l’addome, aumentando così il metabolismo e migliorando l’insieme dei processi vitali oltre che snellirlo. Un altro punto di forza sono le mani, le quali ben saldate alle caviglie rendono possibile la maggiore leggerezza delle spalle e del tronco.

Come eseguire la posizione del cammello

Vediamo come si esegue: Inginocchiati sul tappetino, con le ginocchia leggermente distanziate e le cosce perpendicolari al pavimento, prendiamo contatto con il nostro corpo, in particolare con la colonna vertebrale che sarà particolarmente sollecitata e con il respiro che dovrà essere lungo e profondo, praticato solo dal naso.

Una volta percepite le basi di appoggio a terra (piedi e tibie) in maniera stabile e radicata al suolo, appoggiate le mani sulla parte posteriore del bacino, usandole per aiutarvi ad estendere il bacino, allungarlo e stabilizzare leggermente i glutei in avanti.

A questo punto, piegatevi all’indietro, facendo forza sulla stabilità del coccige e delle scapole, con il capo sollevato . Con una minima torsione su un lato, afferrare con la mano destra la caviglia destra; successivamente, sempre con una leggera torsione dall’altra parte, afferrare la caviglia sinistra con la mano sinistra.

A questo punto sollevate le costole inferiori del dorso allungandovi rispetto al bacino, per estendere al massimo la zona posteriore lombare. Portate il capo all’indietro senza però sforzare il collo e irrigidire la gola.

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

 Rimanete nella posizione raggiunta da un minimo di 30 secondi a 1 minuto, controllando sempre che la respirazione sia ritmica ma profonda e rilassata. Questo vi aiuterà tantissimo in tutta l’esecuzione e durante il mantenimento, allontanando stanchezza e rigidità dal punto di vista fisico ma  soprattutto mentale.

Benefici della posizione del cammello

Il cammello è un tipo di esercizio che può essere praticato da chiunque a patto che non vi siano gravi lesioni della zona lombare o cervicale; in questi casi meglio astenersi  e preferire posizioni che sforzino altre parti, diverse  dalla schiena. A parte questi casi, è un esercizio completo da un punto di vista corporeo, che in poco tempo e un po’ di calma vi permette di  allungare l’intera parte anteriore del corpo, comprese le caviglie, le cosce , l’inguine, la regione addominale, il torace e la gola; distende i flessori dell’anca, rinforza i muscoli della schiena ed è molto utile per il miglioramento della postura in genere.

Cosa fare dopo?

Al termine dell’esercizio , concedetevi qualche minuto di rilassamento, distesi supini sul tappetino, per assaporare a pieno le benefiche sensazioni  di armonia recuperata e di energia  attraverso la pratica. Ogni volta che ripetete l’esercizio, avrete sempre più percezione del vostro corpo, di come esso reagisce agli stimoli e come direzionare al meglio ogni singolo muscolo, affinchè giorno dopo giorno, possiate essere sempre più fluidi e padroni dei movimenti, nella ricerca della pace interiore.