Arriva l’estate, si va in spiaggia… cosa mangiamo?

617

Mesi e mesi per dimagrire e rimettersi in forma, finalmente ecco la prova costume e ci ritroviamo sulla spiaggia a prendere il sole e a giocare in acqua: ma avete pensato a cosa mangiare in spiaggia? I soliti panini o focacce e pizzette piene di olio che non solo ci fanno percepire maggiormente il caldo e sentire pesanti, ma che ci restituiscono anche (e con gli interessi) tutti i grassi che abbiamo perso con tanta fatica in questi ultimi mesi?

Assolutamente no! Non commettiamo banali errori e rendiamoci ancora più belli e sani anche sotto il sole. Perché la regola d’ordine non è “fare una dieta per” ma “abituarsi a mangiare bene sempre”, in ogni momento e occasione. Vediamo insieme allora come affrontare i pasti in spiaggia con suggerimenti, idee e consigli utili e freschi.

Innanzitutto, per pranzare, scegliere un luogo adatto che sia riparato dal sole (anche sotto l’ombrellone va benissimo) e munirsi di quei materiali base per affrontare un picnic in spiaggia: contenitori ermetici; set di posate appositi o usa e getta; borsa termica per conservare il cibo e le bevande (magari con dei ghiaccioli); sacchetti di plastica per i rifiuti; acqua minerale in abbondanza, che reidrata il corpo e soddisfa la sete, eventualmente con una fettina di limone (per i bambini, anche dei succhi di frutta); cibi comodi da trasportare e da conservare dalla mattina, semplici da consumare in spiaggia, rinfrescanti, leggeri e facili da digerire.

Certamente, i pranzi più facili da preparare e gestire sono quelli costituiti da panini o similari: utilizzate però del pane fresco, magari integrale, del fornaio, con condimenti semplici e nutrienti. Affettati come bresaola, prosciutto cotto o crudo e speck che sono magri; formaggi freschi come mozzarella, caprino e crescenza; verdure a piacimento (non fritte!), che danno gusto e freschezza; oppure carni magre (pollo o tacchino) arrosto o roastbeef; uova sode o ancora pesce come sgombro, tonno, salmone, etc…. ovviamente non tutti questi ingredienti insieme! Scegliete le combinazioni che preferite (o carne o affettato o pesce etc), non facendo mai mancare la verdura.

Non si può vivere di solo pane però… così dicevano. E infatti, con poco impegno, possiamo preparare anche delle valide alternative per il pranzo in spiaggia: i piatti unici sono ottime soluzioni molto comode e gustose.

I bambini ne vanno matti: sono colorati, buoni e spesso sono molto più freschi e appetibili dei panini, e consentono di variare anche ogni giorno, dando spazio alla fantasia. Sul gradino più alto del podio, ovviamente risiedono l’insalata di riso e la pasta fredda. Con mozzarella, pomodorini, verdure grigliate o a pezzetti, prosciutto a dadini e sottaceti a piacimento (danno gusto e, caloricamente, non sono eccessivi) sono degli ottimi piatti nutrienti e salutari, che non scalfiscono la linea raggiunta (se si vuole essere maggiormente accorti, sostituite le proteine animali con i legumi). Anche piatti unici come una caprese (mozzarella e pomodorini) o prosciutto e melone sono facili e gustosi: ricordate sempre però, di condire con olio extra vergine di oliva e, possibilmente, di farlo al momento (rischio di vera “macerazione” del cibo durante le ore in spiaggia). Ci sono però anche altre ricette che possiamo agevolmente preparare e portare in spiaggia, ecco alcune idee:

–          Insalata di frutti di mare: 750 gr vongole, 750 gr cozze, 200 gr scampi, 200gr  funghi porcini, 2 uova, 1 cuore di lattuga, prezzemolo, succo di 1 limone, sale, pepe olio extra vergine di oliva. Spurgate vongole e cozze e poi, in padella, cuocetele finché saranno aperte e potete staccarle dai propri gusci. A parte, lessate gli scampi per 10 minuti (scolateli e sgusciateli), e le uova per 7 minuti (uova sode). I funghi affettati, cuoceteli in padella con olio, prezzemolo tritato e sale. Lavate e tagliate la lattuga finemente. In un’unica grande ciotola, mescolate i frutti di mare, gli scampi, i funghi e la lattuga con olio, sale, pepe e il succo del limone. Servite quindi, disponendo le uova sode sopra (intere o tagliate a fettine).

–          Rotolo di mozzarella farcito: 1 rotolo di mozzarella pronto, 100 gr prosciutto crudo, 1 ciuffo di rucola, 2 uova, grana/parmigiano, sale, olio, pepe. Lavate la rucola, asciugatela con delicatezza e, metà, tagliatela finemente. Fate quindi una frittata con uova, rucola, grana/parmigiano, sale, pepe e lasciate raffreddare. Disponete sul piano la sfoglia di mozzarella e ricopritela con la frittata, poi le fette di prosciutto e la rucola rimasta. Arrotolate quindi la sfoglia di mozzarella cominciando dal lato più lungo e avvolgetela in un foglio di alluminio. Ponete in frigorifero per almeno 20 minuti e poi, srotolate e affettate il rotolo a piacimento, adagiando i dischetti magari su un letto di insalata/rucola o contornato da pomodori.

–          Insalata di cous cous: 250gr cous cous, 2 zucchine, 10 pomodori datterini, ½ treccia di mozzarella, 10 olive (senza nocciolo), 1 scatoletta di tonno, ½ cipolla rossa di Tropea, qualche foglia di basilico, 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva, sale. In una pentola, versare il cous cous e aggiungere l’olio, mescolando bene fino ad eliminare i grumi che si formano. Aggiungere poi 250gr di acqua bollente salata per ogni persona, e coprire il tutto con un coperchio per far riposare (5 minuti). Affettate fini le zucchine (lavate) e su una bistecchiera, grigliatele: aggiungetele poi al cous cous, insieme al tonno, alla cipolla tagliata molto fine, ai datterini tagliati in 4, alle olive, alla mozzarella a dadini, all’olio e al basilico tritato. Mescolate il tutto delicatamente e poi lasciate riposare in frigorifero per 30-40 minuti circa.

Non dimenticarsi mai della frutta a fine pasto: un frutto o una macedonia fresca è ideale per concludere il pranzo e accumulare vitamine, sali e acqua (meglio se non mettete lo zucchero).

Come dolce, è immancabile il gelato artigianale: è un ottimo alimento, gradevole e fresco e non è così deletereo come si può pensare. Scegliete un formato piccolo/medio e gusti alla frutta e non dovrete preoccuparvi della linea o sentirvi in colpa!

Cosa non mangiare e bere in spiaggia

Ricordate che i “nemici” sono molti:

–          Assolutamente no agli alcolici

–          Le bevande zuccherate non dissetano, gonfiano e fanno ingrassare. Sono certo molto fresche ma contengono zuccheri e additivi (addio alla linea…): meglio un thè o un caffè freddo

–          Le granite contengono gli sciroppi di glucosio, con all’interno coloranti, aromi e zuccheri, e non sono nemmeno dissetanti (preferire una fetta di anguria o un frullato di frutta fresca)

–          I frappè  vengono preparati miscelando latte con buste pronte, piene di zuccheri, aromi e coloranti: preferite quindi un buon gelato artigianale o uno yogurt

–          Focacce e pizzette comprate in spiaggia o nei chioschi, sono colme di olio e grassi, per aumentare poi la sete nel cliente: preferite a queste, una piadina o un panino con semplici ingredienti e verdure (se non potete prepararveli direttamente voi).