Dimagrire con il fresco mentolo che brucia i grassi

61

Il mentolo, l’olio essenziale ricavato dalla menta piperita, è il nuovo bruciagrassi utile nella lotta contro i chili di troppo scoperto dai ricercatori del Dipartimento di Medicina dell’Università di Padova, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista inglese “Molecular and Cellular Endocrinology”.

Il dimagrimento attivato dal mentolo in realtà consiste in un inganno operato ai danni dell’organismo che viene spinto a bruciare i cosiddetti “grassi di riserva” così da produrre calore per combattere il freddo sprigionato dal mentolo.

Lo studio padovano ha dimostrato che il tessuto adiposo bianco è dotato di sensori in grado di percepire direttamente il freddo, senza alcuna mediazione del sistema nervoso, ed è proprio questa la chiave del successo del mentolo, l’olio essenziale estratto dalla menta piperita per aromatizzare i chewing gum (tutti conoscono l’immediata sensazione di freschezza che sprigionano masticando), nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.

Nell’uomo esistono due tipi di tessuto adiposo: bianco e bruno. Il primo è una sorta di magazzino di grassi invece il secondo, quello bruno, riesce a bruciare i grassi depositati nel tessuto adiposo bianco per produrre  energia utile alle cellule e alla produzione di calore. In virtù della diversa funzione i due tessuti adiposi hanno anche una diversa collocazione, per cui il bianco si trova sottocute a formare una sorta di barriera termica invece il tessuto bruno è più all’interno.

“Una delle molecole in grado di indurre questa trasformazione è il mentolo – ha spiegato il coordinatore del gruppo di ricercatori di Padova, il dottor Marco Rossato – noto a tutti per la capacità di evocare una sensazione di freddo una volta a contatto con cute e mucose” ed è questo il motivo per cui il mentolo, usato finora senza alcuna controinidicazione per l’uomo, può rivelarsi una nuova strada da percorrere nella lotta contro l’obesità.