Dolore allo sterno: cause e rimedi

2034
dolore sterno

Con l’avanzare dell’età è naturale accusare dolori alle ossa, ma quando questa condizione ci ostacola nelle nostre attività quotidiane può diventare fastidioso. Lo sterno è un osso piatto situato al di sotto della clavicola, nel torace.

La sua funzione è quella di connettere le costole con l’aiuto della cartilagine. Con la gabbia così formata, lo sterno protegge gli organi interni del petto, come polmoni e cuore. Le persone con più di cinquant’anni, in particolare le donne, hanno una maggiore probabilità di subire fratture o dolore allo sterno.

Questo tipo di dolore è solitamente associato a una sensazione di scricchiolio o di forte pressione nel centro dell’addome. Può essere di natura acuta o cronica e raggiungere diverse intensità.

Sebbene siamo abituati a pensare al dolore allo sterno come al sintomo di un disturbo cardiaco, ci sono altri fattori in grado di provocarlo. Vediamone causa e rimedi.

Costocondrite

Questa condizione comporta dolore nel petto dovuto all’infiammazione della cartilagine che connette le costole allo sterno. La cartilagine è fondamentale perché permette l’espansione della cassa toracica per dare spazio ai polmoni di espandersi durante la respirazione.

Le cause della costocondrite sono sconosciute, ma gli esperti affermano che può essere correlata a lesioni delle costole o dello sterno dovute a sforzi fisici o al tossire ripetutamente in modo molto forte.

Trattamento

Applicare del ghiaccio localmente o riscaldare la parte dolorante può alleviare i sintomi. L’ibuprofene invece aiuta a ridurre l’infiammazione. È poi sconsigliato svolgere lavori pesanti o attività fisica non necessaria.

Pleurite

La pleurite può essere causate da infiammazioni del tessuto interno del torace e da condizioni patologiche dei polmoni. Essa provoca dolore allo sterno ogni volta che si respira. Questo dolore di solito cessa tra un’ispirazione e l’altra. Causa inoltre affanno, brividi, febbre e perdita di appetito.

Trattamento

Il trattamento giusto dipende dalle cause del disturbo. Ad esempio, se la condizione è dovuta a polmonite, possono essere usati antibiotici per curare l’infezione. In ogni caso, è preferibile rimanere a riposo fino a che i dolori non cominciano a ridursi.

Bruciore di stomaco

Si manifesta con una sensazione di bruciore nell’area dello sterno. Un sapore di amaro in bocca spesso accompagna il disturbo. È causato dal reflusso gastrico contenuto nell’esofago e di solito avviene dopo pasti troppo pesanti o quando ci stendiamo immediatamente dopo aver mangiato.

Responsabile del reflusso gastrico è lo sfintere situato tra esofago e stomaco che non riesce a chiudersi correttamente dopo il passaggio del cibo. Esistono alcuni elementi in grado di favorire il bruciore di stomaco. Alcuni di questi sono: il fumo, alcol o bevande a base di caffeina, cibi speziati e alcune farmaci come aspirina o ibuprofene.

Trattamento

Per contrastare il bruciore di stomaco è possibile assumere degli antiacidi, in modo da neutralizzare gli acidi responsabili del problema. Ancora, curarsi con prodotti in grado di rimettere in perfetta attività l’esofago è un’ulteriore soluzione.

Lesioni sterno clavicolare

Un dolore allo sterno di natura più consistente può sopraggiungere dopo un trauma fisico. Nello specifico, se lo sterno clavicolare subisce una dislocazione posteriore o anteriore, il risultato può essere un dolore molto intenso.

Trattamento

In questi casi serve immobilizzare la parte lesa con una fasciatura. Anche il ghiaccio può essere utile per alleviare il dolore.

Traumi della clavicola

La clavicola è situata nella parte superiore del petto, tra la scapola e lo sterno. Questo tipo di trauma è molto comune e in molti casi è dovuto a incidenti o cadute. Esperienze di questo tipo possono portare a dolori di diversa intensità allo sterno.

Trattamento

I traumi della clavicola vanno fatti controllare subito da un medico, così da capire la natura del disturbo e procedere al giusto trattamento. In genere, il problema si risolve riposizionando l’osso nel modo corretto con l’aiuto di un professionista sanitario.

Fratture dello sterno

Oltre a incidenti di varia natura, lo sterno può fratturarsi anche se colpito da oggetti di vario peso o entità. Ad esempio, ricevendo una pallonata. Nei casi più gravi, può ridurre lo sterno in pezzi e causare molto dolore.

Trattamento

In questi casi il medico prescrive degli analgesici non-steroidei e consiglia l’assoluto riposo da attività fisiche per alcune settimane.

Altre cause

Altre cause del dolore allo sterno possono essere dovute a lesioni delle costole, cancro, eccesso di esercizio fisico e affezioni dei muscoli superiori del torace.

È molto importante valutare attentamente i propri sintomi per una diagnosi quanto più immediata. Il dolore allo sterno può essere provocato da molti fattori diversi e solo il medico è in grado di stabilire la giusta causa e fornire l’aiuto professionale appropriato.

Alessandra Montefusco
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di rimedi naturali e cosmetica ecobio sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime novità del settore e sulle potenzialità dei prodotti che madre natura ci ha donato. Mi occupo di comunicazione e lavoro nel settore degli audiovisivi. Amo la musica - mia grande passione - la letteratura, il cinema, le passeggiate all’aria aperta e…il cibo!