Gli errori più comuni in tema capelli

71
capelli errori

Capelli sani, luminosi, morbidi e puliti sono l’obiettivo di tutti: una chioma bella da vedere ed in salute da poter acconciare come si vuole o lasciare libera ma spesso i capelli appaiono spenti o sfibrati nonostante la cura che si mette nel lavarli e nell’asciugarli, due operazioni “naturali” durante le quali si commettono tanti piccoli errori, frutto di abitudini e credenze sbagliate.

Gli errori durante lo shampoo

Uno dei primi errori riguarda la frequenza con cui si lavano i capelli: c’è chi pensa che per averli puliti e belli è necessario “operare” ogni giorno con shampoo e balsamo, ma in realtà lavaggi così frequenti possono avere l’effetto contrario di indebolire e stressare il capello e di innescare un circolo vizioso per cui le ghiandole che producono sebo ne secernano in quantità sempre maggiore rendendo i capelli sempre più unti e pesanti. Per eliminare le impurità senza aggredire la chioma sono sufficienti un paio di lavaggi a settimana, in media ogni 3 giorni.

La scelta dello shampoo è altrettanto importante, considerando non solo il tipo di capello (liscio, secco, grasso, trattato, crespo) ma anche il cuoio capelluto che potrebbe essere intollerante o sensibile ad alcune formulazioni e soltanto provando tra diverse marche si potrà trovare lo shampoo ideale. In realtà sarebbe bene riuscire ad individuare 2-3 prodotti indicati per la propria chioma, tra cui alternare per evitare che i capelli si abituino sempre allo stesso prodotto che potrebbe perdere di efficacia.

Nella scelta dello shampoo è preferibile evitare quelli “2 in 1”, ovvero shampoo & balsamo insieme, sicuramente più pratici e meno ingombrante in bagno o nel borsone della palestra/piscina ma che possono appesantire i capelli perchè shampoo e balsamo hanno due usi e due funzioni diverse: il primo va applicato e massaggiato su cute e capelli in tutta la loro lunghezza per eliminare sporco e sebo; il secondo va sulla lunghezza e soprattutto sulle punte (evitando cute e radice) per eliminare i nodi.

Con balsamo e maschera bisogna poi rispettare il tempo di posa prima di passare a spettinare i capelli con pettine o spazzola: inutile cercare di eliminare i nodi, anche con la forza, se si ha fretta. Molto importanti infine le quantità: se i capelli sembrano più secchi o spenti abbondare con balsami e maschere nutrienti può rivelarsi solo uno spreco, perchè il capello non assorbe prodotto all’infinito.

Lavare i capelli con acqua bollente o fredda sono entrambi errori: l’ideale è utilizzare acqua calda per tutto il lavaggio, così da aprire la cuticola dei capelli e permettere a shampoo e balsamo di penetrare in profondità per poi terminare con getti di acqua fredda per l’ultimo risciacquo. Terminato lo shampoo i capelli non vanno strizzati o strofinati energicamente con l’asciugamano, perchè così si rischia di rendere più ruvida la cuticola con conseguente effetto spento e crespo dei capelli; l’ideale è tamponarli delicatamente con l’asciugamano, possibilmente di microfibra,  e avvolgerli dentro (il classico turbante) per massimo 5 minuti: ci vorrà più tempo per asciugarli perchè è ancora presente dell’acqua ma nel lungo periodo i capelli saranno più sani e belli.

Gli errori quando si asciugano i capelli

L’errore più comune, spesso frutto della mancanza di tempo, è di asciugare i capelli alla rinfusa, senza dividerli in sezioni o prendendo troppi capelli per volta. Dividere in sezioni permette di applicare su tutta la chioma i vari prodotti di styling e di tenere sotto controllo tutti i capelli, asciugandoli completamente con la forma desiderata, sia se si vogliono lisciare i capelli che se si vogliono arricciare; molto importante è anche partire dalla sezione giusta, ovvero da quella più vicina alla nuca.

Dopo aver scelto la spazzola più giusta per il proprio tipo di capelli il phon va usato sempre con il beccuccio o con il diffusore per evitare una dispersione di calore che non fa bene ai capelli e alla pelle e rende anche più difficile la piega.Se si usano piastre o ferri arricciacapelli un errore comune è di utilizzarli sui capelli umidi, non perfettamente asciutti, ma in questo modo si rischia di spezzare i capelli, andando a bruciare i follicoli della fibra capillare che è più debole quando è umida; l’ideale oltre ad utilizzare questi strumenti solo sui capelli asciutti è di proteggerli anche con prodotti protettivi del calore.

Come regolarsi con la lacca? Se si usa la piastra o l’arricciacapelli bisogna evitare di spruzzare la lacca prima di passare il calore perchè alcune sostanze contenute nella lacca si bruciano a contatto con il calore, danneggiando anche il calore. Lacca e altri prodotti simili per fissare vanno usati solo alla fine, spruzzando prima sul lato superiore ed esterno della capigliatura e poi sulla parte interna e inferiore capovolgendo la chioma, così da garantire la massima tenuta.