I benefici del Metodo Feldenkrais per mal di schiena e cervicale

262
Metodo Feldenkrais cervicale

Come definire il Metodo Feldenkrais? Non è una ginnastica, né una forma di terapia o di riabilitazione, ma è un metodo per imparare a conoscere e sfruttare al meglio le proprie potenzialità, un metodo di autoapprendimento attraverso il movimento.

Prendendo consapevolezza del proprio corpo, attraverso il Metodo Feldenkrais i movimenti diventeranno sempre più facili, piacevoli, efficienti ed eleganti, ottenendo benefici sulla postura e dunque trarre sollievo se si soffre di mal di schiena, cervicali o tensioni e dolori muscolari.

Non c’è un’età “giusta” per ricorrere al Metodo Feldenkrais… fa bene a tutti: aiuta i bambini nello sviluppo psicomotorio sperimentando attraverso il gioco la consapevolezza dei movimenti; può essere un’attività complementare da fare durante la riabilitazione per le persone che soffrono di disturbi di natura ortopedica o neurologica.

Anche gli artisti, i ballerini e gli sportivi possono trarre vantaggio nei movimenti grazie al Metodo Feldenkrais.

Come si pratica il Metodo Feldenkrais

Il Metodo Feldenkrais – dal suo ideatore Moshe Feldenkrais – può essere insegnato solo da personale diplomato che nel corso delle lezioni propone la sperimentazione di sequenze motorie specifiche al fine di coinvolgere, attraverso il movimento, il pensiero, la consapevolezza, la percezione e l’immaginazione.

Alcune lezioni sono basate sull’esplorazione di articolazioni, muscoli, relazioni posturali ma, in ogni caso, si tratta di movimenti semplici da eseguire.

Le lezioni possono essere di gruppo o individuali: nel primo caso l’insegnante guida gli allievi dando indicazioni con la voce sui movimenti da fare; nel secondo caso utilizza una tecnica manuale non invasiva lavorando a diretto contatto con il singolo allievo.

Metodo Feldenkrais: benefici

Con gli esercizi del metodo Feldenkrais è possibile combattere le cattive abitudini all’origine di numerose situazioni di disagio fisico e, indirettamente, psicofisico.

È il cervello che, attraverso gli input neuronali durante  gli esercizi, modifica e corregge la funzione muscolare. Gli esercizi del metodo Feldenkrais sono consigliati soprattutto all’inizio dell’attività fisica per migliorare la forza e l’agilità fisica.

Questa particolare ginnastica dolce contribuisce a migliorare il benessere emotivo e psicologico e la qualità delle performance sportive o artistiche. Sono tanti i benefici che si possono ricavare praticando il metodo Feldenkrais, i suoi esercizi infatti si propongono anche per alleviare i dolori in ambito ortopedico, neurologico e riabilitativo. Ecco alcuni dei benefici del metodo Feldenkrais:

  • migliora il dolore cronico
  • migliora la coordinazione motoria
  • migliora l’equilibrio e la postura
  • migliora la flessibilità
  • utile per alleviare e combattere il mal di schiena
  • combatte i dolori muscolari
  • contribuisce al benessere psicofisco

Metodo Feldenkrais: esercizi per il mal di schiena e cervicale

Il metodo Feldenkrais è una tecnica che ha come scopo proprio il raggiungimento di una consapevolezza del proprio corpo tale per cui diventa possibile eseguire anche da soli semplici movimenti che richiamano l’attenzione sulle parti del corpo che interagiscono tra di loro.

Ogni parte è interconnessa alle altre e ogni azione provoca benefici generali e soprattutto quasi immediati. Esistono alcuni esercizi del metodo Feldenkrais indicati per alleviare i fastidi del mal di schiena e della cervicale:

Esercizio Feldenkrais per il mal di schiena:

Tra i vari esercizi del metodo Feldenkrais, ce ne sono alcuni previsti per alleviare e contrastare  il mal di schiena. Uno dei più semplici esercizi di Feldenkrais per il mal di schiena è l’orologio pelvico, che ci consente di liberare la tutta la schiena dal collo alla zona lombare e pelvica, da dolori e tensioni. Quest’esercizio prevede di:

  1. Sdraiarsi a terra immaginando di stare al centro del quadrante di un orologio per cui le 12 sono davanti a te in direzione del pube, le 6 dietro in corrispondenza del coccige, le 3 a destra e le 9 a sinistra.
  2. Inclinare la testa in avanti verso le 12 e, contemporaneamente, il bacino indietro verso le 6, poi flettere il collo indietro, verso le 6 e il bacino in avanti, verso le 12.
  3. Alternare questi movimenti della colonna, finché non ci si sentirà meno rigidi.
  4. Ritornare poi con la schiena allineata al centro e porta prima la testa e poi il bacino verso le 6, ripetendo finché non ci si sentirà più sciolti.
  5. Riposizionarsi di nuovo al centro e muovere il bacino verso le 3, portando contemporaneamente la testa verso le 9. Poi alternare fino a raggiungere un movimento fluido.
  6. Dopo essere tornati al centro del quadrante, concludere muovendo il bacino e la testa, ritmicamente insieme, verso le 3 e poi verso le 9.
  7. Eseguire tutto l’esercizio senza sforzarsi e respirando in modo fluido, senza mai trattenere il fiato.
  8. Puoi rendere più facile l’esecuzione appoggiando le mani sul pavimento, dietro la schiena.

Esercizio Feldenkrais per la cervicale:

Gli esercizi Feldenkrais possono essere molto utili nella soluzione dei problemi legati ai dolori cervicali. Tra i vari esercizi specifici per i dolori cervicali c’è l’esercizio onda del piede che inizia con i classici movimenti del collo, che siamo abituati a fare per mobilizzare il tratto cervicale e sciogliere le tensioni, per poi passare a  tutta una serie di movimenti dei piedi

Ogni movimento deve essere lento e consapevole, in modo da avere la percezione costante delle parti che muoviamo e massimizzare gli effetti della pratica. Vediamo quindi come eseguire questo semplice ma efficace esercizio:

  1. Sedetevi in posizione comoda sul bordo della sedia, la schiena staccata dallo schienale, con le gambe ad angolo retto e i piedi ben posizionati a terra.
  2. Iniziate ad inclinare leggermente e lentamente la testa all’indietro guardando in alto e poi ritornate alla posizione iniziale, chi ha la cervicale delicata dovrà eseguire il movimento lentamente inclinando la testa solo fin dove è piacevole. Ricordate il campo visivo e quanto riuscite a guardare in alto e indietro, dopo aver ripetuto il movimento più volte, riposate.
  3. Poi sempre restando rilassati e fermi nella posizione iniziale, eseguite l’onda del piede, piegando le dita e la pianta di entrambi i piedi, restano con i talloni a terra.
  4. Flettete le dita del piede verso il basso aumentando l’arco plantare e tenendole in questa posizione sollevate lentamente la pianta del piede rimanendo con il tallone ben saldo a terra. Piegate le dita del piede  avvicinandole il più possibile al tallone. Ripetete il movimento per un po di volte riportando ogni volta il piede alla sua naturale e confortevole posizione sul pavimento.
  5. Dopo un po di riposo, flettete le dita del piede verso l’alto mentre la pianta rimane poggiata sul pavimento. Ripetete il movimento e poi lasciate andare.
  6. Combinate i due movimenti del piede, flettendo le dita e la pianta del piede verso il basso e poi riportare il piede in posizione normale sollevando le dita e la pianta del piede verso l’alto per poi appoggiare il piede sul pavimento. Ripetere il movimento mantenendo sempre il tallone a terra, eseguendo i due esercizi di seguito senza sforzarsi e solo fin quando provate piacere.

Per conoscere il calendario delle lezioni e il centro più vicino sul sito Feldenkrais è disponibile tutto il programma.