La Brachioplastica: l’intervento per rimodellare le braccia

255
pelle cadente

Lo conoscete come ‘effetto tendina‘. E’ quel rilassamento che si crea sulle braccia all’altezza del bicipide e tricipide per eccessive perdite di peso o per avanzamento dell’età. Pelle flaccida e dondolante che ci crea non pochi fastidi. Come eliminarla e rassodare le braccia facendole tornare toniche? Ecco la brachioplastica! Ma è davvero così efficace?

Il lifting delle braccia

La brachioplastica è l’intervento di chirurgia estetica per eliminare la pelle in eccesso dagli arti superiori del nostro corpo. Se il problema è grave non si può evitare questo intervento e non bastano quindi creme ed esercizi.

Oggi la nuova tecnica di brachioplastica riportata dall’American Society for Aesthetic Plastic Surgery’s, associazione leader dei chirurghi plastici d’America, permette di ottenere risultati ottimali di rassodamento chirurgico della parte interna degli arti superiori senza lasciare vistose cicatrici antiestetiche cosa che la tecnica tradizionale non era possibile.

Nessuna cicatrice

In questa tecnica nuova di lifting non ci sono incisioni estese sull’interno braccia come nella tradizionale e così dopo l’intervento si possono mostrare liberamente le braccia rimodellate senza temere la visibilità di antiestetici segni rivelatori.

I risultati non sono visibili prima dei due mesi dopo l’intervento. Ovviamente è necessario precisare che questa nuova tecnica  è consigliata per i casi di ptosi (rilassamento cutaneo accompagnato da eccesso di grasso localizzato) di entità media. Per gli altri si deve ricorrere al metodo tradizionale. Il medico valuterà la gravità.

I migliori candidati per questo tipo di operazione presentano un interno braccia adiposo, pesante, flaccido, rilassato o con pelle cadente e una circonferenza braccia sproporzionata rispetto all’intera silhouette. In genere la brachioplastica è indicate per donne e uomini dai 20 ai 60 anni.

Rischi e costi

Per poter ridurre al minimo i rischi dell’operazione e del recupero post-operatorio e garantire la massima sicurezza del paziente, insistiamo prima di tutto su una buona scelta e una buona preparazione del paziente per questo tipo di intervento.

È inoltre importante avere regolari i reperti di laboratorio e gli esami pre-operatori. Questo si riferisce particolarmente all’esame internistico che include l’ECG, la pressione arteriosa, analisi di sangue e la capacità di coagulazione.

Per i pazienti fumatori è importante non fumare nei 15 giorni prima e dopo l’intervento. Per una ripresa ottimale si va dai 2 ai 6 mesi. ma ne vale la pena anche per i costi che sono al di sotto della media della chirurgia estetica. Addio braccia penzolanti!