Torna il make up anni ’60

71

Le passerelle di moda parlano chiaro: il trucco e parrucco si tinge di gusto retrò. Pelle, sopracciglia, occhi e labbra in primo piano.

Prima di tutto la carnagione è perfetta grazie ad un cosmetico d’altri tempi come la cipria. In realtà le ciprie moderne non hanno nulla a che fare con i prodotti delle nostre nonne.

Oggi la cipria (poudre) è un cosmetico dalle mille virtù: fissa il trucco, compatta la pelle, azzera i riflessi di luce nella zona T (fronte, naso e mento), idrata e protegge dai raggi Uv. Si può utilizzare sia la formulazione in polvere che la versione compatta: in polvere da usare a casa, quella compatta da tenere in borsa per un ritocco durante la giornata.

Lo strumento indispensabile è poi il pennello di setole naturali: maxi per la cipria in polvere, più piccolo per quella compatta. Il pennello si utilizza con movimenti ampi e circolari, con tocco leggerissimo. Un trucco è afferrare il pennello dalla parte più alta del manico, per evitare di imprimere una pressione esagerata edi distribuire la povere in modo non omogeneo.

Un no assoluto, invece, al piumino di velluto perchè non è igienico e non permette un’applicazione omogenea. Se avete un poco esagerato con la quantità di cipria, basterà rimediare semplicemente passare sulla pelle un pennello pulito.

La tonalità della poudre è fondamentale: deve essere simile alla propria carnagione e optate per le versioni in boule (le ciprie formate da tante piccole palline di toni diversi). Bisogna ricordarsi che la cipria non serve per “colorare o schiarire”ma solo per uniformare l’incarnato.

La novità del momento è poi la BB powder, cipria in versione compatta ultraleggera colore-non colore che abbina la coprenza di un fondotinta alla leggerezza e finezza di una cipria in polvere.

Punto forte del make up retrò sono gli occhi da diva: appariscenti e intensi, valorizzati da due alleati d’eccezione, eyeliner e mascara.

Applicate un po’ primer o cipria per asciugare la palpebra e far si che il trucco “tenga” di più. Non usate le dita per tendere la palpebra ma sollevate bene il mento.

Dal centro dell’occhio, tracciate con l’eyeliner liquido linee brevi lungo la rima ciliare e ripassate per un effetto più intenso. Se volete creare una piccola ala di gabbiano all’angolo esterno dell’occhio ma non siete molto esperte, usate il trucchetto dello scoth (cioè ne attaccate un pezzetto dove volete realizzare la riga e utilizzatelo come base sul cui bordo non farete altro che disegnare con l’eyeliner).

Applicate all’interno dell’occhio una matita bianca: questa creerà contrasto con l’eyeliner e illuminerà gli occhi.

Per ottenere ciglia a ventaglio utillizzate prima di tutto il piegaciglia e poi applicate il mascara nero dal basso verso l’altro, anche con un movimento “avanti e indietro parallelo alla rima ciliare” in modo da colorare bene anche le ciglia più corte. Ripassate più volte soprattutto sulle punte. Pettinate e separate le ciglia, aprendole a ventaglio.

Un sopracciglio armonioso e ben delineato caratterizza il viso, migliorando anche i piccoli difetti. Il trend è quello di sopracciglia importanti ma molto curate, proprio come si portavano negli anni ’60. Importante è sapere che le sopracciglia devono essere di uno o al massimo due toni più scure dei capelli. Se avete sopracciglia troppo fini o chiare potete farvele scurire dal parrucchiere oppure potete acquistare in profumeria l’apposito kit per colorarle. Attenzione a non scurirle troppo, deve appena notarsi che sono leggermente più scure dei capelli!

Spazzolate le sopracciglia contropelo e togliete quelle troppo lunghe, arricciate o che escono esageratamente dal “disegno”immaginario.

Con la matita del vostro colore delineate le sopracciglia, infoltendole se necessario, poi sfumate il colore con l’apposito pennellino oppure con un cotton-fioc. Se vi riesce disegnate in modo che siano ad “ali di gabbiano”.

Tocco finale: un po’ di fissatore, che è un prodotto identico al mascara ma è incolore, oppure un po’ di spray per capelli sulle dita e poi passatele sulle sopracciglia per averle in ordine tutto il giorno.

Infine, protagonista l’inconfondibile bocca rosso cremisi-porpora alla Marilyn. Fondamentale è quindi un contorno labbra perfetto: se avete labbra sottili, seguite il contorno con la matita, “sforando” quasi impercettibilmente. Per labbra troppo carnose cancellatele con il correttore e poi ridisegnatele con la matita. Il segreto per avere un tratto preciso è partire dal centro del labbro superiore e andare fino al centro di quello inferiore, definendo prima la parte destra e poi quella sinistra.

Infine, qualche goccia del vostro profumo preferito e vi sentirete una vera diva.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.