Come curare l’Orchidea e non far marcire le radici?

50159
orchidea-radici-marce

Sono tra i fiori più belli e amati in assoluto: le nostre care orchidee.

Che siano un dono che abbiamo ricevuto o un acquisto personale, le orchidee sono tra le piante più belle che possono decorare la nostra casa.

Ma, purtroppo, hanno bisogno di una certa attenzione e cura.

Capita che, a volte, le nostre orchidee cominciano a sfiorire e seccarsi, anche se, all’apparenza, stiamo seguendo tutte le regole giuste per la loro cura.

Uno dei motivi può essere la marcescenza delle radici, un fenomeno più comune di quanto si possa pensare.

Scopriamo insieme di cosa si tratta e come porvi rimedio.

Attenzione: in caso di dubbi, incertezze o perplessità, chiedete consiglio al vostro fioraio o giardiniere di fiducia.

Cause

I motivi della marcescenza delle radici possono essere essenzialmente tre.

Eccessiva acqua o umidità

Nella quasi totalità dei casi, le radici marce dipendono da una causa non sempre semplice da intuire: un eccessivo assorbimento d’acqua.

Questo può dipendere o da innaffiature troppo frequenti o dall’aver lasciato l’orchidea in acqua per troppo tempo se la innaffiamo con il metodo dell’immersione.

Ah dimenicavo... se ti piacciono questi rimedi puoi riceverli ogni giorno direttamente su WHATSAPP! Ecco come fare.. ti aspetto!

A volte, inoltre, si creano ristagni idrici nei sottovasi che possono alzare il tasso di umidità e compromettere il normale sviluppo delle radici.

Alterazione del terreno

Un’altra causa può essere, invece, un cambiamento della composizione del terreno.

Spesso utilizziamo per le nostre orchidee concimi o fertilizzanti non specifici per queste piante.

Il risultato è un’alterazione del pH del terreno che può inacidirsi.

Ed è proprio il terreno acido a danneggiare le radici, portandole spesso alla marcescenza.

Terreno troppo compatto

Si tratta dell’ipotesi più rara, ma ugualmente possibile.

Quando il terriccio utilizzato è troppo compatto, può andare a soffocare le radici impedendo il passaggio d’aria.

A volte, il terriccio diventa troppo compatto nel tempo in seguito alle varie innaffiature.

Come accorgersene

Per rendervi conto se effettivamente le vostre orchidee hanno radici marce, potete estrarle dal vaso, pulirle dal terriccio ed esaminarle.

Se le radici appaiono scure e più molli del normale, allora sono in stato di marcescenza.

Un trucchetto per tenere sempre sotto controllo lo stato delle radici della vostra orchidea è quello di utilizzare dei vasi trasparenti.

In questo modo, potete verificare se le radici stanno cominciando a marcire semplicemente guardando attraverso il vaso, senza dover per forza estrarre la pianta.

Rimedi

Prevenire

Il rimedio più efficace è sicuramente la prevenzione.

Potete evitare la marcescenza delle piante evitando quelle che sono le tre diverse cause e, quindi, stando attenti alle innaffiature, ai concimi e fertilizzanti utilizzati e alla compattezza del terreno.

Taglio delle radici

Se le radici sono ormai marce, dovete seguire un preciso procedimento per riuscire a salvare la vostra orchidea.

Innanzitutto dovete mettere in ammollo la vostra pianta per circa un’ora, in modo da ammorbidire le radici e rendere più semplice l’operazione.

Lasciate asciugare e togliete le radici dal terriccio, provando a tirarle via con molta attenzione.

Poi, togliete gli ultimi residui di terriccio mettendo le radici sotto l’acqua corrente.

Nel frattempo, prendete il vaso e lavatelo con acqua e aceto bianco in modo da eliminare virus e batteri.

A questo punto è arrivato il momento di… tagliare!

Prendete delle forbici o delle cesoie e tagliate quelle radici che appaiono marce, secche, vuote o spezzate.

N.B: prima di utilizzare le forbici e le cesoie fate attenzione a sterilizzarli per evitare di compromettere la salute della vostra orchidea.

Disinfettare e ripiantare

Dopo aver tagliato le radici marce, su quelle rimaste spargete della cannella che è un antimicotico naturale ed eviterà che eventuali residui batterici o funginei rimasti vadano a intaccare nuovamente la vostra pianta.

Poi, mettete nuovamente la piantina nel vaso d’origine e riempitelo con del terriccio nuovo.

Versate il nuovo terriccio con molta attenzione in modo da non danneggiare le radici.

Altri consigli

Il mondo delle piante è sempre stato la vostra passione? Scoprite di più sul giardinaggio grazie ai nostri consigli!

Da sempre sono appassionato di prodotti biologici, del loro utilizzo e di tutto quello che è benessere. Credo che la parola "ecologia" sia sinonimo della parola "futuro".