Passeggiare tutti i giorni previene il rischio depressione

55

La fine dell’estate coincide con l’inizio dell’anno per quanto riguarda i buoni propositi.

Al top della classifica, spesso, c’è l’attività fisica quotidiana. Riprendo la palestra, inizio il corso di nuoto, correrò almeno tre giorni alla settimana etc… ma solitamente la mancanza di tempo-voglia-stimoli-energia fa scemare tutti i nostri buoni propositi.

Ora uno studio rileva che passeggiare a passo sostenuto tutti i giorni previene il rischio depressione. A tal proposito, famosa la scena nel film Forrest Gump quando il protagonista inizia a correre senza più fermarsi per molto tempo….

Esiste, infatti, una proporzionalità inversa tra l’esercizio fisico e la depressione. Una camminata di almeno 15 minuti a passo sostenuto, può avere lo stesso effetto di una pastiglia di antidepressivo.

L’attività fisica regolare provoca nell’organismo:

–      un rilascio costante di endorfine

–      l’aumento del livello di serotonina

–      una riduzione del livello di cortisolo nel sangue, l’ormone denominato “dello stress”

–      un allenamento del cuore e quindi un miglioramento a livello della circolazione cardiovascolare

–      la regolarizzazione del respiro che diventa “più profondo”

–      la stimolazione ad assimilare il calcio con relativo aumento di elastina e collagene che formano le cartilagini quindi miglioramenti in caso di osteoporosi

–      un aumento del consumo di calorie, quindi si ristabiliscono i valori della pressione, i livelli dei trigliceridi e del colesterolo

–      la soddisfazione di mantenere un impegno che a sua volta fa aumentare l’autostima.

E qual è l’attività più semplice e spontanea che ci sia, che non ha bisogno di nulla se non delle nostre gambe: il walking.

Per iniziare a praticarlo non c’è bisogno di una preparazione particolare, non ci sono rischi e controindicazioni. L’unica accortezza è indossare le scarpe sportive ideali per il walking: leggere, ammortizzate e traspiranti, oltre ad un abbigliamento comodo e in fibre naturali.

Iniziando a praticare il walking è bene seguire alcuni accorgimenti importanti:

–      procedete gradualmente per tappe e per livelli (per i primi venti giorni non superate i venti minuti di camminata. Rallentate il passo quando il respiro si fa affannato

–      iniziate e terminate sempre la seduta di walking con degli esercizi di stretching (allungamento dei muscoli)

–      attenzione alla postura che deve essere fluida, armoniosa ed elastica

–      bevete acqua naturale fresca tutte le volte che ne avete necessità.

Infine, praticate il walking preferibilmente in aree verdi, come parchi, prati, ecc… evitando le strade troppo trafficate e il relativo tasso d’inquinamento elevato che inspirereste.

Sonia Brunelli
Sonia Brunelli vive a Imola dove ha studiato agraria occupandosi di alimentazione per diversi anni in una nota azienda del territorio. Si è poi specializzata nella gestione aziendale e ad oggi lavora per una ditta che promuove nuove starup con progetti e idee innovative.