Primavera: combattere la sindrome da letargo

62

La primavera è una delle stagioni più amate, soprattutto da noi donne, quando il sole,  dopo un lungo inverno torna a riscaldarci, la natura ci regala nuovi colori e profumi e ritorna il desiderio di stare all’aria aperta, di intraprendere nuove attività, passatempi e sport che ci permettano di goderne a pieno.

Purtroppo però  la nuova stagione porta con sé anche dei piccoli inconvenienti che spesso ci mettono a disagio, uno su tutti è la sonnolenza e il generale senso di stanchezza che inizia proprio quando le giornate tendono ad allungarsi e il clima si fa più mite.

Perché dunque si fanno sentire sintomi quali inappetenza, fiacchezza, svogliatezza , sonnolenza, irritabilità? Le cause di quella che viene definita anche sindrome da letargo sono diverse:

Giornate che si allungano

L’allungarsi delle giornate e quindi anche delle ore di luce, inibisce di giorno la produzione di melatonina, l’ormone che regola i cicli sonno-veglia, determinando un cambiamento dei ritmi biologici dell’organismo, da cui può derivare un calo delle energie fisiche e maggiore bisogno di dormire

Sbalzi di temperatura

Cambiamenti di temperatura repentini mettono sicuramente a dura prova le nostre difese immunitarie, ecco perché si consiglia, nel cambio di stagione,  di assumere integratori multivitaminici ma anche soluzioni depurative che ci possono offrire un valido aiuto

Stress accumulato

– anche lo stress accumulato durante l’inverno contribuisce ad amplificare queste sensazioni sgradevoli; si inizia a pensare alle vacanze estive, c’è un generale desiderio di relax che però non possiamo ancora concederci

Alimentazione sbilanciata

Un’alimentazione sbagliata , colma di cibi calorici (tipici dell’inverno) sicuramente non ci aiutano. In questi casi meglio cominciare a cambiare regime alimentare, volgendo l’attenzione a diete povere di grassi, che ci aiutino a fare il pieno di sali minerali, vitamine e proteine per combattere la stanchezza.

Via libera quindi a verdure (da consumare soprattutto fresche) che grazie alla clorofilla depurano il sangue; ottimi i carciofi per la loro funzione depurativa come contorno a pesce e carne bianca. Prediligete poi i cereali integrali uniti magari ai legumi se vi piacciono, i quali ci apportano elementi preziosi come il ferro, il potassio ,il magnesio. Le fibre contenute negli stessi ma anche nella frutta e nella verdura (rigorosamente di stagione)  ci serviranno invece per regolare le funzioni intestinali, sgonfiarci e depurarci dalle tossine accumulate.

Ottima anche la frutta secca, da poter portare con noi quando siamo fuori casa, date le ridotte dimensioni di spazio che richiede; ne possiamo consumare un pugnetto a colazione(facciamo attenzione solo a non abbinarla ad  alimenti ipercalorici), oppure come spuntino durante la giornata: ci fornirà il giusto apporto di vitamine del gruppo B oltre che grassi omega3. Bere tanto, almeno 2 litri di acqua al giorno per idratare l’organismo con il primo caldo, è fondamentale. Potete anche fare uso di tisane, decotti e tè naturali per integrare la quantità consigliata con un pizzico di sapore in più.

Infine si consiglia, comunque di fare attività fisica, magari anche attività più leggere, come una passeggiata all’aria aperta o in bicicletta, per almeno 30 minuti al giorno; ci ricaricherà e aiuterà lo smaltimento di stress e tossine oltre che accelerare il metabolismo e favorire la circolazione sanguigna.