Eliminare l’odore di fritto da casa con rimedi naturali

516
puzza di fritto

La frittura, che golosità! Che si tratti di verdure, di carne o di pesce, il fritto è una pietanza che piace quasi a tutti, grandi e piccoli che siano. Unica nota negativa?

L’odore sgradevole che la frittura sprigiona tra le mura di casa – ma anche nei capelli o sui vestiti! – e che, spesso, permane per giorni, diventando sempre più stagnante e insopportabile. E’ la puzza di fritto!

Ma non temete. I rimedi naturali per evitare che la cucina – o la casa intera – si impregnino di odore di frittura o per eliminarlo dopo aver già cucinato ci sono e sono anche molto efficaci.

Si tratta di ingredienti facili da reperire, economici e dall’impiego davvero semplice, super utili per sprigionare sempre un odore gradevole e invidiabile.

Consigli utili per quando si frigge

Ma vediamo, innanzitutto, cosa fare e soprattutto cosa non fare quando si sta friggendo qualche leccornia sui fornelli. Possiamo mettere in pratica qualche piccolo, utilissimo consiglio per annientare il problema all’origine e aver meno grane da risolvere a fine cottura. In sostanza, bisogna:

  • utilizzare l’olio giusto per friggere: ebbene sì, la qualità di olio è importante. Ad esempio, l’olio di semi di mais o di girasole rilasciano più lentamente la loro fumicità rispetto all’olio di oliva e, per questo motivo, sono più indicati se si vuole evitare un odore troppo forte.
  • chiudere bene la porta della cucina: sembra un dettaglio insignificante, ma spesso ce ne dimentichiamo. Isolare bene la cucina dal resto della casa evitare un’ulteriore dispersione dell’odore nelle altre stanze.
  • lavare subito le pentole: è bene evitare di lasciare l’olio a ristagnare all’interno delle pentole utilizzate per friggerle, avendo cura di lavarle immediatamente o – quantomeno – di riempirle di acqua e detersivo per lasciarle sgrassare.

Ma vediamo ora quali sono i rimedi naturali più semplici ed efficaci per poterci finalmente liberare dell’odore di frittura che pervade la cucina!

Succo di limone nell’olio

Il limone, come tutti sappiamo, è un agrume meraviglioso ed è anche un alleato prezioso per le pulizie casalinghe (scopri qui in che modo!). In questo caso può rivelarsi molto utile per evitare la diffusione dell’odore di frutto nella nostra casa.

Ma come? Il trucco è quello di aggiungere mezzo limone all’interno dell’olio prima di cominciare a friggere e questo rimedio è valido specialmente quando si frigge il pesce. Provare per credere! Si raccomanda, però, di utilizzare un limone non trattato.

Prezzemolo o mela nell’olio

Oltre al limone, ci sono altri alimenti che si possono mettere nell’olio prima della cottura per neutralizzare l’odore di fritto e conservare un ambiente profumato e ben odorante. Uno di questi è sicuramente il prezzemolo – tra le altre cose, un amico eccellente della nostra salute – del quale basterà aggiungere un mazzetto fresco nell’olio per ottenere gli effetti desiderati.

Un altro rimedio, particolare ma altrettanto efficace, è quello di aggiungere all’olio uno spicchio di mela. Lo spicchio deve essere ben lavato e liberato da tutti i semini e, sopratutto, nel momento in cui inizierà ad annerirsi deve essere prontamente sostituito con uno fresco, per conservare la sua efficacia.

Aceto accanto alla frittura

Anche in questo caso il rimedio è validissimo per il pesce – ma funziona bene anche per gli altri tipi di fritto – e consiste nel mettere a bollire, accanto alla pentola in cui si sta friggendo, un pentolino di aceto durante tutta la durata della frittura.

Si può utilizzare l’aceto bianco o l’aceto di mele, che ha un odore meno intenso ed è perfetto – come il limone – per effettuare delle pulizie ecologiche di casa (qui spieghiamo come).

Ammorbidente per eliminare l’odore post cottura

Se proprio l’odore si diffonde ugualmente e sembra non voler andare più via, non temete! Si può mettere in pratica un altro furbissimo rimedio naturale che farà ritrovare alla nostra casa un odore piacevolissimo. Si tratta dell’ammorbidente (che può essere anche fatto in casa!), il nostro alleato per avere un bucato perfetto, ricco di oli essenziali profumatissimi.

Come fare? Iniziamo versando dell’acqua in un pentolino, a cui basterà aggiungere l’ammorbidente che utilizziamo normalmente. Ne servirà solo qualche goccia per ottenere l’effetto desiderato, perché l’ammorbidente è un prodotto concentrato. Portiamo il pentolino sul fuoco e facciamolo bollire per qualche minuto, lasciando che il prodotto sprigioni la sua fragranza.

Questo rimedio è valido anche contro l’odore di fumo, di verdura – come il minestrone e il cavolo – e l’ammorbidente può essere sostituito, se preferiamo, dagli oli essenziali.

Giorgia Greco
Frequento la facoltà di Economia Aziendale all'università degli studi del Sannio di Benevento, la mia grande passione è scrivere e sono da sempre interessata a tutto ciò che riguarda il benessere, la bellezza e la cosmetica.