Rimedi naturali per Dermatite atopica

272
dermatite_atopica_rimedi_naturali

La dermatite atopica, conosciuta anche come eczema costituzionale, è un’infiammazione improvvisa della pelle che porta a un forte arrossamento seguito da prurito e comparsa di vescicole.

Questo tipo di malattia colpisce in modo particolare i bambini in età pediatrica. Ma non sono esclusi i casi in cui si manifesta anche in età adulta.

Questo tipo di dermatite può interessare diverse zone del corpo. Appunto per questo viene definita “atopica“, poiché non interessa una sola zona specifica.

Le cause di questa infiammazione possono essere diverse. La prima di tutte sembra essere la predisposizione genetica. Vediamo insieme le altre:

  • stress
  • sudorazione eccessiva
  • cambiamenti drastici di temperatura
  • saponi o detergenti aggressivi
  • tessuti
  • alcuni alimenti

I sintomi più comuni della dermatite atopica sono: il prurito, a volte ritenuto insopportabile. Esso può peggiorare durante le notti di riposo. Il prurito è dato da chiazze rosse sull’epidermide accompagnate molto spesso da vescicole o abrasioni.

Poiché le cause di questa infiammazione sono moltissime e non esiste una cura effettiva per la dermatite atopica, esistono alcuni accorgimenti da fare a casa e rimedi naturali che possono alleviarne il fastidio.

Piccoli accorgimenti nella quotidianità

Può sembrare banale, ma basta avere qualche piccola accortezza per poter migliorare lo stato della propria dermatite atopica.

Un esempio è quello di evitare di indossare tessuti sintetici. Questa tipologia di tessuti tende ad accumulare il sudore, impedendo alla pelle di respirare e accentuando prurito e chiazze.

Bisogna perciò prediligere capi in cotone (o anche seta), possibilmente di colore chiaro o addirittura bianco.

Durante i bagni, è utile non lavarsi con acqua troppo calda. La temperatura più alta tende a seccare la cute e irritarla. Meglio lavarsi con una temperatura più mite e tamponare delicatamente con l’asciugamano per non arrossare la pelle.

Evitare di lavarsi con detergenti aggressivi e schiumogeni. Esistono in commercio e in erboristeria molti “oli lavanti” che sono delicati e che non fanno schiuma.

Evitare si esporsi eccessivamente al sole e fare uso di una crema con filtro solare molto alto.

Infine, sarebbe opportuno evitare alcuni cibi che possono favorire la nascita dell’infiammazione, come per esempio:

  • Alcune spezie, come per esempio la cannella e la vaniglia
  • I latticini fermentati
  • cereali ricchi di glutine
  • alcuni vegetali come spinaci, kiwi, nocciole, agrumi e così via..

Calendula e camomila

Calendula e camomilla sono dei veri toccasana per la salute del nostro corpo, sia dentro che fuori.

Hanno proprietà calmanti, analgesiche, cicatrizzanti e antinfiammatorie. Si possono trovare anche in soluzioni come pomate acquistabili in erboristeria. Si tratta quindi di una soluzione “topica”, poiché da applicare direttamente sulla zona coinvolta.

Quanto alla camomilla, potete anche preparare un bagno (con acqua non calda) e immergere i fiori di camomilla per qualche minuto. Dopodiché ci si può immergere e , perché no, rilassarsi.

Tarassaco e Echinacea

Inoltre, anche il tarassaco ha proprietà antinfiammatorie e contiene inulina, una sostanza che contrasta la comparsa dei batteri nel nostro corpo.

Anche l’echinacea è nota per le sue proprietà terapeutiche, antinfiammatorie e protettive. Per uso esterno, si presenta sotto forma di lozioni e pomate reperibili in erboristeria e applicabili sulla cute arrossata.

Oli vegetali

Due oli vegetali in particolare sono ottimi per contrastare i fastidi dovuti alla dermatite atopica.

Olio di borragine, per esempio, è ricco di omega 3. Ciò lo rende un antinfiammatorio naturale e riequilibrante. Allo stesso modo, anche l’olio di mandorle dolci svolge la medesima funzione.

Possono essere applicati tramite l’utilizzo di una garza e appoggiati sulla pelle detersa e pulita.

Controindicazioni

La dermatite atopica è un’infiammazione da non prendere con superficialità. Occorre sempre chiedere un parere al proprio medico o dermatologo per la cura più indicata.

Evitare l’utilizzo di una o più componenti elencate soprattutto se si soffre di allergie o ipersensibilità. Consultare il medico se in stato di gravidanza o allattamento.

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.