Il metodo della nonna per sbiancare la biancheria senza detersivi!

689
sbiancare-biancheria

Tutte noi vorremmo mantenere la biancheria sempre bianca e candida come se fosse sempre nuova.

Purtroppo, però, con il passare del tempo anche quella più pregiata e buona, tende ad ingiallirsi o a diventare grigia e perde, quindi, tutto lo splendore iniziale, sembrando vecchia e usurata.

Farla tornare bianca come appena comprata può essere un’impresa, ma con il metodo della nonna per sbiancare la biancheria senza detersivi, invece, sarà più facile che mai!

Aceto

Il primo rimedio della nonna che risulta essere molto efficace per sbiancare a fondo la biancheria e riportarla alla bellezza originaria prevede l’utilizzo dell’aceto bianco.

Questo ingrediente, infatti, vanta proprietà sbiancanti e sgrassanti ed è in grado di ravvivare il candore dei capi bianchi.

Per l’uso, potete versare 1 bicchiere di aceto bianco in una bacinella piena d’acqua calda.  Immergete, poi, la vostra biancheria e lasciatela in ammollo per qualche ora o anche per tutta la notte. Infine, procedete al comune lavaggio.

La vostra biancheria sarà bianca splendente!

Bicarbonato

Dopo l’aceto, non poteva mancare un altro rimedio della nonna molto noto per sbiancare i panni: il bicarbonato di sodio.

Questo ingrediente, infatti, risulta essere molto efficace in quanto ravviva naturalmente il bianco dei capi.

Aggiungete 2 cucchiai in un secchio contenente acqua calda e lasciate in ammollo i vostri capi per qualche ora. Poi, procedete al comune lavaggio.

Succo di limone

Ma quanto è bello il limone? Un agrume dal profumo fresco e proprietà sgrassanti e sbiancanti in grado di sostituire tutti gli sbiancanti disponibili in commercio.

Per sbiancare a fondo la vostra biancheria, prendete, quindi, il succo di 10 limoni e versatelo all’interno di un secchio che contiene circa 3 litri di acqua calda.

Aggiungete, poi, 2 bicchieri di sale fino da cucina e agitate il secchio per mescolare tutti gli ingredienti. A questo punto, immergente la vostra biancheria ingiallita nella bacinella e lasciatela in ammollo per tutta la notte.

Infine, risciacquate e procedete al comune lavaggio a mano o in lavatrice. La vostra biancheria sarà naturalmente sbiancata e profumata!

Acqua ossigenata

Sebbene l’acqua ossigenata non sia un ingrediente propriamente naturale, ha un approccio totalmente ecologico e può essere usata per sbiancare la biancheria.

Vi basterà solo aggiungerne un cucchiaio in lavatrice per ogni lavaggio e il gioco è fatto!

N.B Ricordatevi, però, di utilizzarla solo sui capi bianchi, perché potrebbe sbiadire le tonalità di quelli colorati. Inoltre, utilizzate l’acqua ossigenata a basse concentrazioni, perché quella a concentrazioni elevate potrebbe essere tossica.

Latte freddo

Anche se, di solito, pensiamo al latte come una bevanda da bere la mattina per una buona colazione, questo prodotto è, invece, efficace anche per sbiancare i capi e renderli morbidissimi.

Il procedimento è davvero semplice, in quanto vi basterà immergere la vostra biancheria in una bacinella riempita con il latte e lasciarla in ammollo per qualche ora.

Dopodiché, procedete al lavaggio e lasciateli asciugare.

Ovviamente, questo metodo è consigliabile solo in caso di pochi capi di biancheria o biancheria di piccole dimensioni, così da non comportare uno spreco eccessivo del latte.

Cremor tartaro

Sebbene non sia molto conosciuto, il cremor tartaro è un agente lievitante molto efficace per sbiancare i tessuti e rimuovere le macchie grigie o gialle.

Versate, quindi, una bustina di cremor tartaro in una bacinella contenente acqua calda.

Immergete, poi, la biancheria ingiallita e lasciatela in ammollo per qualche ora. Per un effetto più efficace, potete anche lasciarlo in ammollo per tutta la notte.

Infine, risciacquate e procedete al normale lavaggio.

Percarbonato di sodio

Infine, ecco a voi l’ultimo rimedio che vi consigliamo: il percarbonato di sodio.

Questo ingrediente ecologico, infatti, è molto utile per avere un bucato più bianco senza l’utilizzo della candeggina.

Il percarbonato si attiva ad alte temperature, ma sebbene la temperatura ideale sia 50°, già a partire dai 30° possiamo beneficiare delle sue proprietà sbiancanti e pulenti.

Potete utilizzarlo sia a mano che in lavatrice.

Per il lavaggio a mano, seguite il dosaggio indicato sulla confezione in base alla quantità di acqua che userete. Lasciate, poi, in ammollo i capi anche per un’intera notte e al mattino risciacquateli.

Per il lavaggio in lavatrice, invece, vi basterà 1 misurino da aggiungere direttamente nel cestello, come additivo.

Noterete che la biancheria sarà ritornata al suo bianco naturale e le macchie gialle e grigie saranno solo un brutto ricordo!

N.B Il percarbonato è indicato sia per i panni bianchi che per quelli colorati, ma bisogna evitarne l’utilizzo per tessuti in microfibra, rayon, lana e seta. Inoltre, è consigliabile usare sempre i guanti.

Altri consigli utili

Vi consigliamo di utilizzare il sapone di Marsiglia quando procedete con il comune lavaggio.

Questo ingrediente, infatti, è noto perché svolge un’azione pulente molto delicata sui capi e sui tessuti.

Evitate l’utilizzo del percarbonato di sodio sui tessuti più delicati.

Controllate sempre bene il tipo di tessuto e la sua delicatezza prima di procedere con la pulizia con gli ingredienti suggeriti.

Infine, vi raccomandiamo di non stendere la biancheria al sole, ma sempre all’ombra così da evitare che si possa ingiallire nuovamente.

Avvertenze

Vi ricordiamo di leggere bene le etichette prima di provare con i metodi indicati. Vi consigliamo di non usarli insieme, ma separatamente.

Bucato sempre al top

Tutte noi sogniamo un bucato perfetto, profumato e morbido! Ecco alcuni trucchetti da provare:

Nata a Napoli, sono laureata in Lingue e comunicazione interculturale. Appassionata di lettura, di musica, di serie tv e di tutto ciò che riguarda la bellezza, la cosmesi naturale, e il benessere green.