10 rimedi naturali per purificare l’intestino

563
intestino-purificare-tossine

L’intestino è uno degli organi più delicati dl nostro organismo. Responsabile di diverse attività, per svolgere al meglio le sue funzioni è necessario mantenerlo pulito e libero da tossine e scorie che tendono a sedimentarsi in esso.

Spesso disturbi intestinali (stipsi, diarrea, gas, flatulenza,alito cattivo, colon irritabile, disturbi del sonno) e malessere generale sono conseguenze di un mal funzionamento dell’organo e di una mancata pulizia. Come purificare l’intestino? Con i Rimedi Naturali. Vediamo nello specifico i 10 migliori modi per mantenerlo pulito da scorie in eccesso.

Dieta bilanciata

Una corretta e sana alimentazione è il primo passo per mantenere l’intestino pulito e libero da tossine. Se non sono presenti nel vostro regime alimentare è consigliabile inserire nella dieta questi alimenti:

  • frutta di stagione
  • uva ursina (grazie all’azione degli antrachinoni, utili per gli intestini sensibili)
  • legumi
  • verdure a foglia verde (che possono causare feci verdi)
  • semi secchi
  • psillio (i semi di questa pianta per svolgere le sue attività correttamente devono essere lasciati in ammollo, in attesa che si formi la sostanza gelatinosa intorno)

Una ricetta efficace per purificare il colon è quella preparata con la frutta. Come ottenerla? Basta prendere un mixer e unire 8 fragole, 3 pesche e  2 arance. Quando il composto sarà denso versarlo in tazza e berlo di mattina a colazione almeno per due/tre giorni (ovviamente moderando il resto dei pasti giornalieri). Alcuni medici americani sostengono che questo composto dovrebbe essere l’unico pasto della giornata (una sorta di digiuno). Un centrifugato di supporto anche al sistema respiratorio.

All’alimentazione aggiungere una buna dose di acqua e attività fisica (sono sufficienti anche 30 minuti di camminata a piedi).

Le mele

Depurare il colon con le mele è uno dei rimedi naturali più antichi ed efficaci. Mai stato più azzeccato il detto “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. Quante mele assumere? Come assumerle e per quanto tempo?. E’ indispensabile avere a portata di mano:

  • 2 kg di mele (preferibilmente verdi perchè meno zuccherate)
  • 1 litro di acqua

Cuocere le mele con tutti i semi in acqua per circa un’ora a fuoco lento. Una volta raffreddato, assumere il composto da solo per due giorni (non di più). Le mele vi aiuteranno a purificare il colon (grazie alla pectina che purifica le pareti intestinali), a favorire la motilità e grazie al contenuto di potassio anche a perdere qualche chilo in eccesso.

Un’alternativa è l’aceto di mele che, oltre a depurare, tonificare, alcalinizzare l’intestino e favorire il metabolismo, può essere impiegato anche per condimenti di pietanze (verdure)

Master Cleanse

E’ un programma di digiuno molto diffuso negli Stati Uniti basato principalmente sul limone. Fu usato per la prima volta da  Stanley Burroughs (il suo creatore) per curare un’ulcera allo stomaco. Perchè questo programma è considerata efficace per la pulizia del colon?. Ecco gli effetti attribuiti alla detox diet:

  • depurazione organica
  • lucidità mentale
  • liberazione da dipendenze
  • atteggiamento positivo della mente e del corpo

Come funziona la dieta depurativa del limone? Innanzitutto si consiglia di seguire una dieta vegetariana (inoltre meno caffè e vitamina B) per un periodo di tempo e successivamente prendere la “limonata” per eliminare le scorie organiche in eccesso. Come si prepara la dieta detox del limone. Ingredienti per la limonata:

  • sciroppo d’acero
  • limoni
  • peperoncino cayenna
  • acqua

Seguire questo programma per 10 giorni e assumere la bevanda ogni volta si avvertono i crampi di fame. Utilissimo per smorzare l’appetito e per favorire una corretta pulizia del colon (secondo i nutrizionisti americani).Consultare sempre il medico prima di intraprendere il programma fai-da-te.

Acqua

L’acqua è l’elemento primario e indispensabile per una totale pulizia dell’intestino. La regola è di bere circa due litri al giorno combinando la bevanda con cibi e sostanze che la contengono (soprattutto frutta e verdura). La quantità di acqua da assumere deve, però, prendere in considerazione diversi fattori del soggetto:

  • età
  • attività fisica svolta
  • temperatura esterna
  • eventuali malattie cardiache
  • patologie ai reni

Chiedere consiglio al medico per la quantità giusta di acqua da assumere quotidianamente in base alla propria condizione fisica, per depurare l’intestino.

Semi di lino e semi di chia

Le proprietà dei semi di lino sono molto importanti per la pulizia del colon. I benefici dall’assunzione dei semi di lino sono riscontrabili nell’immediato, grazie alla migliore regolarità intestinale. La presenza di Omega 3 e Omega 6 rende i semi di lino utili per la pulizia e la normale evacuazione quotidiana.

Allo stesso modo agiscono anche i semi di chia

Succo di aloe vera

L’aloe vera ha un’efficace potere purificante sul nostro organismo, favorisce la digestione e la motilità del colon. Il contenuto dell’aloe vero agisce in modo delicato sull’intestino depurandolo da tossine e scorie in eccesso. Contenuto di aloe vera:

  • sali minerali
  • vitamine

Assumerlo tutte le mattine per almeno un mese (a stomaco vuoto), significherà disintossicare il colon e l’intero organismo dalle scorie e fatiche quotidiane.

Chiodi di garofano

Gli infusi sono da sempre degli alleati perfetti per il miglioramento del transito intestinale e la pulizia del colon. A cosa servono nello specifico i chiodi di garofano? Ecco le attività principali:

  • antinfiammatorio
  • disinfettante
  • antibatterico
  • analgesico

I chiodi di garofano sono utili anche per favorire la digestione ed espellere i gas intestinali, responsabili di meteorismo e flatulenza. Il consiglio è assumerli sotto forma di tisana al mattino o alla sera prima di andare a letto.

Sale rosa

Dal sale nero a quello rosa dell’Himalaya. Immaginavate potesse essere utile per la pulizia intestinale? Il sale rosa depura il colon, ma è controindicato nei soggetti che soffrono di patologie intestinali. Come comportarsi? Chiedere il parere del medico di fiducia che, conoscendo il personale stato di salute del paziente, provvederà ad indicare la giusta dose da sciogliere in abbondante acqua tiepida e da assumere lontano dai pasti principali.

Kudzu

Cos’è il kudzu? E’ una radice in polvere da assumere in caso di problemi intestinali. La radice di kudzu serve come un vero e proprio regolatore intestinale, per questo motivo si consiglia di assumerla quotidianamente. Come berla?.

Sciogliere un cucchiaino di radice di kudzu in acqua fredda, farlo bollire in attesa che cambi il colore. Successivamente far raffreddare il liquido ottenuto e assumerlo per 2/3 volte al giorno lontano dai pasti principali. Ognuno di questi rimedi non devono sostituire il parere specialistico. Consultare il medico e insieme decidere la soluzione migliore di depurazione in base al proprio quadro di salute generale