5 Utilizzi del brodo di bucce di cipolla

1393
brodo-bucce-di-cipolla

La dieta mediterranea è ricca di frutta e verdura indispensabili per il benessere del nostro organismo.

Molto spesso, tendiamo a buttarne la buccia, non sapendo che anch’essa ha molte proprietà. È proprio il caso della cipolla, ricca di nutrienti e minerali e dotata di una buccia virtuosissima.

La buccia di cipolla in acqua calda rilascia un brodo eccezionale. Possiamo usarlo in moltissime occasioni, dal giardino fino a colorare i tessuti dei nostri vestiti!

Bando alle ciance! Vediamo i 5 usi del brodo di buccia di cipolla!

Per le piante

Uno dei primi utilizzi del brodo di buccia di cipolla consiste nell’adoperarlo come fertilizzante delle piante.

In realtà, svolge anche un’azione protettiva, prevenendo alcune delle malattie che colpiscono le piante del giardino e dell’orto.

Possiamo agire in due modi:

Infuso

Il primo metodo consiste nel fare un infuso di cipolla. In 1 litro d’acqua bollette, aggiungiamo 200 grammi di bucce di cipolla e lasciamo in infusione per 1/2 giorni.

Dopodiché filtriamo il liquido e pesiamolo, diluendolo con metà quantità d’acqua. Se abbiamo (per fare un esempio) 800 ml di liquido aggiungiamo 400 ml di acqua.

Utilizziamolo subito per non perdere tutte le proprietà e versiamolo nel terreno.

Decotto

Con un decotto realizzeremo invece un fertilizzante più concentrato.

Prendiamo una pentola in cui versare 2 litri di acqua e aggiungere qualche manciata piena di bucce di cipolla. Facciamo bollire il tutto e poi filtriamo.

Aggiungiamo un quinto di acqua. Possiamo nebulizzarlo alla base della pianta oppure versarlo.

Per il mal di gola

Uno dei più noti rimedi della nonna con le bucce di cipolla è realizzare un brodino dalle proprietà terapeutiche.

Non a caso si rivela utilissimo per contrastare alcuni sintomi influenzali, come il mal di gola.

Ci basterà prendere le bucce di mezza cipolla e preparare questo brodino da bere come una tisana. Si può dolcificare a piacere.

Per i tessuti

Quante volte sarà capitato di non indossare più un capo bianco, magari ingiallito da detersivi o dal tempo?

Ecco, il brodo di bucce di cipolla ci aiuterà anche in questo!

Possiamo donare un nuovo aspetto ai nostri vestiti in cotone o lino. Scegliete voi la quantità di bucce che vi occorreranno, anche in base all’intensità di colore che vorrete ottenere.

Fate bollire per bene le bucce nell’acqua fino a quando non avranno rilasciato completamente il colore.

Poi immergeteci i vestiti. Lasciate il tutto a riposo in modo che le fibre assorbano il colore. Decidete voi se lasciare qualche ora in più oppure no, anche questo inciderà sull’intensità.

Per i capelli

Contro la caduta

Come per il rosmarino, sembra inoltre che il brodo di buccia di cipolla aiuti a contrastare la caduta dei capelli.

Questa circostanza dipende da moltissimi fattori, come predisposizione genetica, alimentazione, stile di vita o problemi ormonali e così via.

Però le notevoli quantità di vitamine e sali minerali aiuterebbero a rendere i capelli più forti.

Basterebbe lasciare in infusione il brodo, filtrarlo e nebulizzare la soluzione alle radici, lasciando agire per circa una mezz’oretta.

Per tingerli

Se non amate le tinte chimiche ma volete donare dei riflessi naturali ai vostri capelli, preparate del brodo di bucce di cipolla!

Fate raffreddare il brodo completamente e filtratelo. Poi versate il liquido sui capelli. L’ideale sarebbe farli asciugare completamente al sole.

Brodo vegetale

Non potevamo non menzionare una pietanza dalle ricchissime proprietà e dal sapore squisito.

Non dimentichiamoci che la cipolla, unita ad altre verdure come le zucchine, pomodori, carote e via dicendo, creano un mix che conosciamo bene: il brodo vegetale.

Si tratta di un piatto molto semplice ma ricco di nutrienti e soprattutto di acqua, fondamentale per l’idratazione del nostro organismo!

Di solito si utilizza la polpa, ma non manca chi (per dare un sapore più deciso) mette anche le bucce.

Avvertenze

Evitate l’utilizzo del brodo di bucce di cipolla se siete allergiche o ipersensibili all’alimento. Consultate uno specialista per valutare il vostro stato di salute.

In caso di gravidanza o allattamento, consultate il medico.

Riutilizzi naturali

La natura ci offre tanto, soprattutto per la cura personale e del nostro giardino:

Giuliana Mele
Laureata in Lingue, Lettere e Culture comparate presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”. Con la danza nel cuore e nell’anima, resto affascinata da ogni forma d’arte. Divoratrice di libri e musica e da sempre appassionata di benessere, cosmetica bio e rimedi naturali.