Campane tibetane: proprietà e benefici

410
campane tibetane

Ti appassionano le pratiche meditative ed i metodi di rilassamento? Prova le campane tibetane per ristabilire il benessere del corpo e dello spirito. Scopriamone insieme le proprietà e gli effetti benefici!

Origine e struttura delle campane tibetane

Le campane tibetane sono strumenti nati circa 3000 anni fa in Tibet,  ma vengono prodotte in diversi paesi come Cina, Giappone e Corea ed oggi sono fortemente utilizzate in ambito meditativo proprio perché rappresentano un potente strumento vibrazionale.

Si riteneva nell’antichità che questo strumento fosse in grado di guarire le persone grazie al potere di avvicinarle alle divinità e, intorno agli anni cinquanta, questo strumento vibrazionale ha iniziato a diffondersi anche in occidente.

Le campane tibetane sono note per la loro qualità costruttive, sonore e per la pregiata composizione e manifattura che le rende anche abbastanza costose. Sono infatti costituite da una lega di sette metalli, ottenuta tramite un procedimento ancora sconosciuto e collegati a ciascuno dei pianeti del sistema solare: l’oro collegato al Sole, l’argento alla Luna, il rame a Venere, il mercurio all’omonimo pianeta Mercurio, lo stagno a Giove, il ferro a Marte, il piombo a Saturno.

Se paragonate alle campane tradizionali, quelle tibetane sono da considerarsi campane statiche in quanto vengono tenuta a terra o in mano con la parte cava rivolta verso l’alto (non verso il basso come le campane che siamo abituati a vedere).

Il suono associato alle campane tibetane può dipendere dalla composizione e dalle proporzioni dei metalli utilizzati, ma anche dalla forma e dallo spessore della campana stessa.

In ogni caso i suoni delle campane tibetane trasmettono a chi le suona delle vibrazioni che sono in armonia con i vari pianeti.

Benefici delle campane tibetane

Andando oltre le mode e le tendenze del momento, le campane tibetane sono così utilizzate grazie alla loro capacità di riprodurre il suono “OM”, considerato come un suono primordiale dal potere purificante e liberatorio, a supporto del rilassamento e delle pratiche meditative.

Nel dettaglio le vibrazioni ed i suoni emessi dalle campane tibetane sembrano essere connessi alle vibrazioni planetarie.

Ecco perché il coordinamento di suono e vibrazione è in grado di favorire il rilassamento, ristabilire le naturali frequenze corporee, risvegliare la psiche e la consapevolezza interiore.

Il suono delle campane tibetane favorisce dunque l’equilibrio emozionale, conferisce energia proprio perché va a lavorare sulla contrazione muscolare.  Inoltre questo suono ha degli effetti benefici sui disturbi psicosomatici, la pressione del sangue, la concentrazione ed il sistema immunitario.

Come utilizzare una campana tibetana

Con un pò di pratica suonare le campane tibetane diventa un gioco da ragazzi!

Basta rilassare le spalle e le altre parti del corpo, concentrando l’energia esclusivamente sulle mani. Impugnare la ciotola con la mano sinistra, tenendo a contatto con essa tutte le dita in  modo da consentire la massima vibrazione. Successivamente impugnate il bastoncino con la mano destra ed iniziate a sfiorare la ciotola fino a sentire il suono della campana.

Fare prima un pò di prove e poi portate la campana all’altezza del chakra del cuore, facendo girare il bastoncino in senso orario. In questo modo l’energia del suono si metterà in relazione con l’energia del cuore.

Le campane tibetane possono anche essere suonate con un secco colpo di “gong” ed un successivo sfioramento sul bordo utilizzando l’apposito bastoncino, soprattutto se si tratta di campane di piccole dimensioni.  Le campane tibetane di grandi dimensioni possono invece essere appoggiate su un cuscino in modo da migliorarne il suono ed inoltre possono essere riempite d’acqua.

Questi sono dei piccoli consigli di base ma, ovviamente, ognuno assumerà un modo di suonare personalizzato, in base alle caratteristiche della campana ma anche alla propria personalità.

Quando utilizzare le campane tibetane

Molto spesso le campane tibetane vengono utilizzate durante le pratiche connesse alla meditazione (sia suonandole che ascoltandole) come le lezioni di yoga o pilates, postural trainer come nei bagni di gong.

Le campane tibetane si usano molto anche nelle pratiche di riequilibrio dei 7 chakra, affiancandole spesso ad altri strumenti e massaggi rilassanti o trattamenti termali.

Le campane tibetane sono in ogni caso ottime in tutti i momento che richiedono rilassamento e meditazione, soprattutto quando si ha bisogno di concentrarsi sulla respirazione, introspezione o sulla concentrazione su se stessi.

Come scegliere una campana tibetana

Le caratteristiche tecniche da tenere in considerazione quando si acquista una campana tibetana sono, ad esempio, la presenza di tutti e sette i metalli, l’età, il volume, la durata e l’intensità del suono e la bellezza estetica.

Sicuramente è importante conoscere le caratteristiche strutturali delle varie campane tibetane ma il punto più importante è un altro: la vostra sensazione che esula da qualunque schema logico. Dunque osservate e suonate la vostra campana, ascoltatene le vibrazioni che si estendono sul vostro corpo.

Quindi cercate di capire se riuscite ad entrare in risonanza con una campana tibetana. Qualche consiglio possiamo comunque darvelo: ad esempio prediligere le campane con molti decori o incisioni in quanto ne determinano la vibrazione, scegliere lavorazioni manuali che sono più imprecise ma anche più pregiate rispetto a quelle industriali, scegliere almeno una campana di spessore medio e non troppo sottile.

Dove acquistare le campane tibetane

Direttamente online, in negozio specializzati o in fiera, come ad esempio il Festival dell’Oriente a Napoli.

I prezzi delle campane tibetane sono molto variabili, proprio perché tantissime sono le tipologie di campane dal diverso valore e pregio. Questi oscillano pressappoco da 20 euro fino ai 400 euro.

Come pulire una campana tibetana

Le campane tibetane vanno deterse e pulite con molta frequenza, soprattutto per purificarle dagli effetti della pratica!

Lavatele con sola acqua calda a cui potete aggiungere un pò di succo di limone, in questo modo potrete rimuovere polvere e aloni senza però rischiare di rovinare la vostra campana.

Potete anche scegliere un metodo ancora più efficace: posizionatevi la vostra campana sul corpo e versatevi dentro l’acqua in modo da bilanciarvi tutti gli elementi come aria, fuoco, metallo, ecc.